Autore Topic: MERCATINO DELL'USATO: in zona artigianale o no?  (Letto 5866 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 22.882
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:MERCATINO DELL'USATO: in zona artigianale o no?
« Risposta #4 il: 10 Ottobre 2011, 19:10:06 »
L'attività in questione è, sotto il profilo urbanistico, COMMERCIALE e si sostanzia in una agenzia di affari (attività di servizi).
Confermo che la destinazione artigianale non appare compatibile nè sembra possibile che tu possa svolgere una attività artigianale prevalente (pulitura ecc...).
Il carattere continuativo esclude anche di ipotizzare una "deroga" motivata con il carattere saltuario dell'attività (es. stagionale o 1 volta al mese).
* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli - simone.chiarelli@gmail.com - tel. 3337663638
* * * * * * * * * *
https://formazione.omniavis.com/bundles/book          https://www.youtube.com/user/simonechiarelli

manu68

  • Visitatore
Re:MERCATINO DELL'USATO: in zona artigianale o no?
« Risposta #3 il: 09 Ottobre 2011, 21:27:00 »
1) il mercato è STABILE o PERIODICO?

il mercatino è stabile, dura tutto l'anno, orari come negozi...

2) ogni quanto si svolgerebbe?

sempre

3) gli operatori sono associati in coop o società o sono singoli che verrebbero coinvolti nella vendita?

sono privati cittadini che portano le loro cose in conto vendita, io le espongo all'interno del locale, ne faccio una leggera manutenzione se necessita e rivendo per loro. Nel momento in cui io riesco a vendergli l'articolo, incasso il dovuto dall'acquirente, senza obbligo di scontrino o ricevuta fiscale, è sufficiente un carico-scarico da magazzino, dopodichè io emetto una fattura a chi mi ha portato l'articolo da vendere con quanto incassato dalla vendita e dedotto della mia provvigione pattuita in precedenza (in genere il 50%, di cui il 20% andrà per tasse...)
Un tipo di attività analoga è il franchising Mercatino o Mercatopoli, inquadrati come Agenzia d'affari conto terzi. Il mio problema è che il Comune mi obbliga a farmi l'iscrizione agli artigiani per poter aprire in un locale in zona urbanistica artigianale... quindi che posso fare?
Secondo te √® forse pi√Ļ consona una forma di cooperativa, in cui chi mi porta le cose e chi acquista si fa "socio", magari pagando un euro per la tessera socio (come nelle cooperative alimentari di paese ad esempio), senza per√≤ avere utili dalla cooperativa....

4) gli operatori sono hobbisti o imprenditori commerciali?

su questa domanda credo che tu stia pensando ai classici mercatini dell'usato "da strada"... non è il mio caso....

spero di essere stata abbastanza esaustiva... grazie intanto, a risentirci! ciao

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 22.882
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:MERCATINO DELL'USATO: in zona artigianale o no?
« Risposta #2 il: 06 Ottobre 2011, 19:48:28 »
Ti faccio alcune domande per vedere se posso aiutarti:
1) il mercato è STABILE o PERIODICO?
2) ogni quanto si svolgerebbe?
3) gli operatori sono associati in coop o società o sono singoli che verrebbero coinvolti nella vendita?
4) gli operatori sono hobbisti o imprenditori commerciali?

Dammi queste indicazioni
* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli - simone.chiarelli@gmail.com - tel. 3337663638
* * * * * * * * * *
https://formazione.omniavis.com/bundles/book          https://www.youtube.com/user/simonechiarelli

manu68

  • Visitatore
MERCATINO DELL'USATO: in zona artigianale o no?
« Risposta #1 il: 06 Ottobre 2011, 15:12:56 »
avrei trovato il locale giusto, unico problema... in area artigianale-produttiva. Ho chiesto parere preventivo al Comune e mi lascerebbe aprire solamente a patto che io sia inquadrata come un'attività artigiana, perchè l'Agenzia d'affari conto terzi è invece un'attività di servizi, da non poter effettuarsi in un'area artigianale. Sono stata dagli Artigiani e mi hanno detto che in questo caso dovrei effettuare attività artigiana in prevalenza, rispetto all'attività di intermediazione, capisco che ci possano essere alcuni articoli che possono necessitare di una pulitura, un restauro leggero, una lucidatura, ma quanti saranno? Ben minima cosa, rispetto all'attività prevalente del mercatino, che si sa, è il contatto con il cliente e la vendita.... mi posso anche proporre per sgomberi e traslochi, ma quanti saranno in un anno? ben pochi, troppo pochi per far prevalere l'attività artigianale.
D'altro canto qui in zona non ci sono locali sufficientemente grandi da poter aprire questo tipo di attività, è due anni che cerco e solo ora sono riuscita a trovare questo, ma come sempre riescono a mettermi i paletti tra le ruote.....
avete qualche consiglio da darmi?  Il tipo di codice attivit√†? Da queste parti quando parli di mercatino dell'usato cadono dalle nuvole, non sanno niente... ma non √® sufficiente il benestare del Comune?
in ogni caso non effettuo commercio, non ho registratore di cassa....
ci sono scappatoie, o altro per potermi indirizzare? ringrazio anticipatamente chi volesse rispondermi,