Autore Topic: Attività di pubblico servizio e vendita vino sfuso  (Letto 116 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.392
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Attività di pubblico servizio e vendita vino sfuso
« Risposta #2 il: 21 Dicembre 2020, 13:01:41 »
Tutte le LR ma anche la vecchia legge 287/91 affermano che l'abilitaizone alla somm.ne consente all'esercente di vendere per asporto i prodotti (potenzialmente) oggetto di somm.ne senza ulteriore titolo abilitativo. La vecchia legge 287/91 lo affermava in riferimento alle bevande ma è chiaro che riguarda tutto.

Quindi, nessun titolo ulteriore neppure sanitario. Basta l'aggiornamento del piano di autocontrollo (che non si risolve in una procedura abilitativa ma è solo un atto gestionale).
******************
Dott. Mario Maccantelli - esperto OV
******************

https://formazione.omniavis.com/
info@omniavis.it


Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Offline Bulgari

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 7
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Attività di pubblico servizio e vendita vino sfuso
« Risposta #1 il: 18 Dicembre 2020, 16:23:00 »
Buongiorno,
Un soggetto, gestore di un pubblico esercizio, vorrebbe iniziare a vendere vino sfuso nel locale adibito, appunto, a bar/caffetteria.
Mi chiedo se, l'attività di vendita e somministrazione già attiva per l'attività di bar, possa contemplare anche l'attività che il soggetto vuole avviare oppure se, necessariamente, debba presentare la SCIA per l'esercizio di vicinato alimentare.

Grazie