Autore Topic: Consulenti e collaboratori  (Letto 112 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline maxlombardi

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 53
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Consulenti e collaboratori
« Risposta #3 il: 12 Gennaio 2021, 17:49:45 »
Tale incarico non é possibile, a meno che non sia a titolo gratuito. L'articolo 5, comma 9, del d.l. 95/2012, convertito in legge 135/2012, infatti dispone:

"E' fatto divieto alle pubbliche amministrazioni di cui all'articolo 1, comma 2, del decreto legislativo n. 165 del 2011, nonchè alle pubbliche amministrazioni inserite nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, come individuate dall'Istituto nazionale di statistica (ISTAT) ai sensi dell'articolo 1, comma 2, della legge 31 dicembre 2009, n. 196 nonchè alle autorità indipendenti ivi inclusa la Commissione nazionale per le società e la borsa (Consob) di attribuire incarichi di studio e di consulenza a soggetti già lavoratori privati o pubblici collocati in quiescenza. Alle suddette amministrazioni è, altresì, fatto divieto di conferire ai medesimi soggetti incarichi dirigenziali o direttivi o cariche in organi di governo delle amministrazioni di cui al primo periodo e degli enti e societa' da esse controllati, ad eccezione dei componenti delle giunte degli enti territoriali e dei componenti o titolari degli organi elettivi degli enti di cui all'articolo 2, comma 2-bis, del decreto-legge 31 agosto 2013, n. 101, convertito, con modificazioni, dalla legge 30 ottobre 2013, n. 125. Gli incarichi, le cariche e le collaborazioni di cui ai periodi precedenti sono comunque consentiti a titolo gratuito. Per i soli incarichi dirigenziali e direttivi, ferma restando la gratuitaà la durata non puo' essere superiore a un anno, non prorogabile nè rinnovabile, presso ciascuna amministrazione. Devono essere rendicontati eventuali rimborsi di spese, corrisposti nei limiti fissati dall'organo competente dell'amministrazione interessata. Gli organi costituzionali si adeguano alle disposizioni del presente comma nell'ambito della propria autonomia".
******************
Dott. Massimiliano Lombardi - esperto OV
******************

https://formazione.omniavis.com/
formazione@omniavis.com


Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Online Vincenzo Giangreco

  • Esperto
  • ***
  • Post: 144
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Consulenti e collaboratori
« Risposta #2 il: 12 Gennaio 2021, 13:39:46 »
Il Ministro per la Semplificazione e Pubblica Amministrazione ha
diramato la circolare n.6 del 4 dicembre per chiarire la portata dell'art. 6 del DL n. 90/2014 convertito nella Legge n. 114/2014 che ha introdotto nuove disposizioni in materia di "incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza".
Nella circolare vengono precisati sia la cadenza temporale di applicazione dei nuovi divieti, sia i soggetti interessati, nonché la
tipologia di incarichi vietati, incarichi consentiti ed infine gli incarichi gratuiti.

La legge include nel divieto anche gli incarichi e le cariche presso le società o gli enti a controllo pubblico, ad eccezione dei componenti delle giunte degli enti territoriali e dei membri degli organi elettivi di ordini professionali.
La nuova disciplina viene specificato si applica agli incarichi conferiti a decorrere dalla data di entrata in vigore dello stesso decreto.



La data alla quale occorre fare riferimento, chiarisce la circolare, "ai fini dell'applicazione del divieto, è quella della nomina o del conferimento dell'incarico, quindi dell'atto con il quale l'autorità titolare del relativo potere vi ha proceduto, indipendentemente da adempimenti successivi, come gli atti di controllo".
"Non incorrono nel divieto e rimangono soggetti alla disciplina precedente gli incarichi a soggetti in quiescenza conferiti precedentemente alla data dell'entrata in vigore della legge anche se alla stessa data il trattamento economico o compenso non era
ancora stato definito"

In sostanza, chi è in pensione potrà solo assumere incarichi di ricerca scientifica, e nella circolare si specifica in modo dettagliato cosa si intenda per ricerca,.

Alla luce di ciò, a me pare illegittimo.
******************
Dott. Vincenzo Giangreco - esperto OV
******************

https://formazione.omniavis.com/
info@omniavis.it


Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Online pa.cirignano

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 17
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Consulenti e collaboratori
« Risposta #1 il: 11 Gennaio 2021, 13:03:35 »
E' legittimo l'incarico di consulenza , in un ente strumentale regionale, a un tecnico della Regione in pensione?
L'incaricato ha gia' svolto negli anni precedenti consulenza sempre per l'ente strumentale.
Qualora dovesse configurarsi  una situazione di conflitto di  interesse, gentilmente, potreste indicare anche   i riferimenti normativi?Grazie!
« Ultima modifica: 11 Gennaio 2021, 13:16:12 da pa.cirignano »