Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - AgenteCC

Pagine: [1] 2 3 ... 9
1
Polizia locale / Articolo 193 e 180
« il: 10 Aprile 2021, 15:14:08 »
Buongiorno,
in data 25/03/2021 si nota veicolo in sosta vietata e lo si sanziona apponendo un preavviso.
Tornati in ufficio si accerta che dagli archivi MTCT l'autovettura ha la copertura assicurativa scaduta.
Si invia con raccomandata A/G invito a presentare il certificato assicurativo valido in data 25/03/2021.
Viene notificato per compiuta giacenza.
Si invia allora verbale per articolo 180 comma 8 che viene notificato nelle mani del destinatario.
Il destinatario si presenta, dice di non essersi accorto che l'assicurazione era scaduta e che paghera' Il verbale per la circolazione senza assicurazione.
Ma che non ritiene corretto il verbale per articolo 180 comma 8 e presentera' ricorso; lui non l'ha ricevuto, ma la notifica ? valida per compiuta giacenza.
Quello che contesta ? che l'articolo 180 comma 8 sanziona che SENZA UN GIUSTIFICATO MOTIVO non presenta documenti ? E lui il valido motivo lo avrebbe ... il certificato assicurativo valido in data 25/03/2021 non esisteva in quanto non si era assicurato.
Cosa ne pensate?
Nelle controdeduzioni cosa scrivereste?

Un collega con cui discutevo ci ha girato la risposta di un esperto, che, relativamente ad un caso analogo precisa...

L'articolo 180, comma 8 non trova applicazione nel caso in esame, se il giustificato motivo per non aver presentato la documentazione assicurativa attestante la copertura assicurativa nel giorno dell'accertamento sta proprio nel fatto che questa non esisteva e per questo si proceda ai sensi dell'articolo 193. (...) Solo nel caso in cui risulti la copertura assicurativa al momento dell'accertamento e non sia stato esibita la documentazione relativa si proceder? ai sensi dell'articolo 180, comma 8.


Pertanto gli esperti considerano la mancanza del documento come GIUSTIFICATO MOTIVO.

Leggo anche che la Pubblica Amministrazione NON potrebbe chiedere documenti se pu? accertare diversamente informazioni...

https://www.iprofessionistidellasicurezza.it/2016/05/19/lart-180-lobbligo-esibizione-dei-documenti-guida/ ... il comando di polizia operante potr? sanzionare lo stesso ai sensi dell?articolo 180 c. 8 solo nel caso in cui riesca a dimostrare di non essere in condizione di poter acquisire la documentazione richiesta per mancanza dell?accesso alle banche dati ministeriali o per il mancato funzionamento dei collegamenti alle stesse nel momento dell?accertamento sull?esistenza della stessa...

Cosa ne pensate?

Grazie

2
Buongiorno,
leggo che ? possibile partecipare al funerale di un parente entro il secondo grado anche fuori Regione...

https://ilreporter-it.cdn.ampproject.org/v/s/ilreporter.it/sezioni/cronaca-e-politica/messa-zona-rossa-cimitero-funerali-fuori-comune-si-puo-andare-autocertificazione/?amp_js_v=a6&amp_gsa=1&amp&usqp=mq331AQHKAFQArABIA%3D%3D#aoh=16158032066804&csi=1&referrer=https%3A%2F%2Fwww.google.com&amp_tf=Da%20%251%24s&ampshare=https%3A%2F%2Filreporter.it%2Fsezioni%2Fcronaca-e-politica%2Fmessa-zona-rossa-cimitero-funerali-fuori-comune-si-puo-andare-autocertificazione%2F

Esistono delle deroghe a quanto previsto dal Dpcm di marzo, in particolare per chi in zona arancione e rossa vuole andare a funerali fuori comune, oppure addirittura fuori regione, per dare l?ultimo saluto a persone con cui si ha una parentela molto stretta. Vediamo i vari casi. In zona arancione e rossa si pu? partecipare a un funerale fuori comune o fuori regione, se le esequie riguardano un parente stretto (ossia entro il secondo grado) o nel caso si sia l?unico parente rimasto. E? quanto si legge nelle risposte ai dubbi comuni, pubblicate sul sito del governo.

CHIEDO... vale anche per gli affini, ad esempio un cognato?

Qui https://www.funerali.org/cimiteri/chiarito-quando-si-puo-partecipare-ad-un-funerale-con-autocertificazione-tra-regioni-diverse-o-tra-comuni-diversi-57279.html precisa che gli AFFINI non possono 🤔🍀
NON SONO CONSENTITI tutti gli AFFINI:
di 1 grado come suocero o suocera del defunto, figlio o figlia di primo letto del coniuge del defunto
di 2 grado come nonno o nonna del coniuge, nipote (figlio del figlio di primo letto del coniuge), cognato o cognata
di 3 grado come zio o zia del coniuge, ecc.

Grazie

3
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / Colona felina
« il: 24 Settembre 2020, 14:18:17 »
Buongiorno,
perviene in Municipio lettera di un avvocato che riferisce di aver ricevuto mandato dai suoi assistiti per evidenziare che nel territorio comunale, nei pressi dell’abitazione dei genitori dei suoi assistiti, c’è una colonia felina.
I genitori dei suoi assistiti sono deceduti da oltre un anno ed erano proprio loro ad accudire la colonia felina.
Attualmente però l’immobile risulta disabitato e i vicini si sono lamentati.
Per questi motivi l’avvocato chiede l’intervento del Comune per TRASFERIRE la suddetta colonia felina, interessando l’ASL.

CHIEDO: Il Comune può trasferire la colonia felina?
Come dovrebbe agire?

Grazie

Dubito sia una colonia registrata, l'avvocato parla di una coloni di soltanto sei gatti.

Qui:

http://www.comune.torino.it/tutelaanimali/gatti/colonie-feline/

si legge: "E’ IMPORTANTE SAPERE CHE:
registrando una colonia felina presso il Comune, gli animali saranno tutelati dal punto di vista sanitario, ovvero potranno ricevere le cure veterinarie ed essere sterilizzati gratuitamente".


https://www.corriere.it/economia/leconomia/19_gennaio_30/colonia-felina-giardino-condominiale-regole-gattari-29b04fd8-248a-11e9-a99c-48a2f60b960f.shtml?intcmp=googleamp

4
Buongiorno,
mia mamma sta valutando di partecipare all'asta per un appartamento (fallimento di una cooperativa).

Nella perizia leggiamo di opere di urbanizzazione convenzionate ma NON completate.
In caso di acquisto di un appartamento all'asta, poi gli acquirenti dovranno anche farsi carico di ulteriori spese per il completamento di suddette opere?


Qualcuno sostiene di NO, in quanto subentrano le fideiussioni.

Altri invece sostengono che le fideiussioni potrebbero non bastare e in tal caso il Comune, venduti tutti gli appartamenti, potrebbe richiedere agli acquirenti di realizzare le opere di urbanizzazione concordate e non realizzate... in quanto l'acquirente subentra nei doveri...

Cosa ne pensate?

Grazie

Opere di urbanizzazione incomplete, a rischio “solidarietà”



https://blogs.dlapiper.com/regulatory-ita/2017/07/18/opere-di-urbanizzazione-incomplete-a-rischio-solidarieta/





I LIMITI ALLA SOLIDARIETĂ€

Un privato ha acquistato un appartamento da uno sviluppatore che non ha ancora completato la viabilità prevista dal piano attuativo. Il Comune ha già tentato di escutere la fideiussione, ma è sorto un contenzioso con la banca. Il Comune vuole chiedere al privato di ottemperare all’obbligo

Le obbligazioni in questione vincolano anche gli aventi causa di chi si è originariamente impegnato nei confronti del Comune. Ma, secondo quanto chiarito da un filone giurisprudenziale, chi ha acquistato un appartamento dal costruttore è escluso dalla cerchia degli obbligati


Sembra però che la giurisprudenza NON sia uniforme sull'argomento...

Gli obblighi assunti dallo sviluppatore hanno però una natura che si estende ben oltre la sua sfera soggettiva.

La giurisprudenza amministrativa ha infatti affermato che l’obbligazione di provvedere a realizzare le opere di urbanizzazione deve qualificarsi come propter rem ( o “ambulatoria”), nel senso che essa va adempiuta non solo dall’operatore che ha stipulato la convenzione, ma anche da coloro che richiedano il titolo edilizio, da coloro che realizzino opere edilizie e dai loro aventi causa ( - nel linguaggio giuridico, chi acquisisce un diritto che prima spettava ad altri; si contrappone a dante causa - Lombardia-Brescia, sentenza 1157/2013; Tar Sicilia Catania, 3011/2004).
Gli obblighi urbanizzativi peraltro gravano solidalmente su tutti i proprietari dei lotti inclusi nel piano attuativo, indipendentemente dalla circostanza che sul singolo lotto sia o meno prevista la realizzazione delle opere pubbliche; tutti i proprietari delle aree incluse nel piano attuativo sono dunque obbligati in solido all’adempimento, ai sensi dell’articolo 1294 del Codice civile.

Sulla base di questi principi, con particolare riferimento ai casi in cui la società di sviluppo stia affrontando situazioni di crisi d’impresa, la natura delle obbligazioni in questione potrebbe dunque risultare rischiosa per gli acquirenti di singoli immobili o singole unità immobiliari incluse nel perimetro del piano attuativo, che potrebbero dover rispondere di obbligazioni inadempiute da parte dell’originario sviluppatore.



I limiti Ma la giurisprudenza ha introdotto importanti esclusioni e limitazioni.

Un primo orientamento giurisprudenziale, pur non unanimemente condiviso, ha difatti precisato che sono esclusi dall’area dei responsabili «i soggetti successivi acquirenti da chi ha realizzato la costruzione sulla base della concessione, con la conseguenza che qualora quest’ultimo abbia anche realizzato le opere di urbanizzazione può rivalersi con i successivi acquirenti della spesa sostenuta solo in virtù di espressa pattuizione negoziale, nella quale non viene più in rilievo il carattere “reale” dell’obbligazione». (Cassazione civile, sentenze 16999/2015 e 11196/2007), dovendosi dunque escludere dalla cerchia degli obbligati «coloro che abbiano in seguito acquistato le abitazioni» (Tar Sardegna, sezione Cagliari 13/2017). Un secondo orientamento ha poi chiarito che, anche per agli originari sviluppatori, se la prestazione è divisibile, la intrinseca parziarietà della obbligazione prevale sulla solidarietà passiva (Sezioni unite, sentenza 9 aprile 2008 n. 9148) e dunque ogni proprietario è obbligato solamente per la quota di sua spettanza (Tar Campania, Salerno, 1952/2013). La giurisprudenza ha così introdotto giusti contemperamenti alla natura propter rem delle obbligazioni urbanizzative.

5
Buongiorno,
un'impresa edile sta depositando parecchie gru smontate in un terreno di proprietà, ma quella è zona residenziale. Possono farlo o si concretizza un cambio destinazione d'uso?

In caso affermativo quali sanzioni applicare?

Grazie

6
Buongiorno,
quale norma vieta di giocare a carte nei pubblici esercizi?
Grazie
Ho trovato questo articolo

https://comozero.it/attualita/le-nuove-linee-dal-3-giugno-regole-per-i-centri-estivi-divieto-di-giocare-a-carte-spostamenti-tra-regioni-il-documento/ Le nuove linee dal 3 giugno: regole per i centri estivi, divieto di giocare a carte, spostamenti tra regioni... E, curiositĂ , alla voce Circoli Culturali e Ricreativi, viene esplicitamente vietato giocare a carte...

ma NON si parla di pubblici esercizi…

Grazie

7
Polizia locale / Segnale verticale di attraversamento pedonale
« il: 29 Maggio 2020, 10:19:50 »
Buongiorno,
il segnale verticale di attraversamento pedonale

http://www.patente.it/wwwcommon/vga/vga2/218G.jpg

va obbligatoriamente posto in corrispondenza di tutti gli attraversamenti pedonali o nelle strade interne al centro abitato è sufficiente la segnaletica ORIZZONTALE?

http://www.patente.it/normativa/articolo-135-regolamento?idc=639

Gli attraversamenti pedonali debbono essere necessariamente perpendicolari alla carreggiata o potrebbero essere anche OBLIQUI se necessario per evitare di incontrare barriere architettoniche?

Qui

https://books.google.it/books?id=9AoCI_c9sAUC&pg=PA148&lpg=PA148&dq=L%27attraversamento+pedonale+pu%C3%B2+essere+diretto+(figura+517)+o+obliquo&source=bl&ots=9SNKKsdRrD&sig=ACfU3U15bL9MxYI9Zv5vfuNvoP3rlC78lA&hl=it&sa=X&ved=2ahUKEwibn-eu09jpAhWxxaYKHetoC9MQ6AEwAHoECAoQAQ#v=onepage&q=L'attraversamento%20pedonale%20pu%C3%B2%20essere%20diretto%20(figura%20517)%20o%20obliquo&f=false

si precisa: "L'attraversamento pedonale può essere diretto (figura 517) o obliquo"

Grazie

8
https://www.regione.lombardia.it/wps/wcm/connect/242f8d10-eebf-48d0-826b-f27cfc68a52e/ordinanza+546+del+13_05_2020.pdf?MOD=AJPERES

Ordinanza Lombardia n. 546 del 13 maggio 2020

I datori di lavoro osservano le seguenti prescrizioni:
a) Il personale prima dell’accesso al luogo di lavoro deve essere sottoposto
al controllo della temperatura corporea da parte del datore di lavoro o
suo delegato. Tale previsione deve essere altresì attuata anche qualora
durante l’attività il lavoratore dovesse manifestare i sintomi di infezione
respiratoria da COVID – 19 (es. tosse, raffreddore, congiuntivite). Se tale
temperatura risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l'accesso o la
permanenza ai luoghi di lavoro.


Le assistenti sociali e il bibliotecario sono dipendenti NON del Comune ma di una cooperativa. Vanno trattati come dipendenti dal Comune, considerato che non si recano nella sede della cooperativa ma iniziano l'attivitĂ  lavorativa nel Comune?

Per farlo serve un "protocollo di intesa" tra Comune e cooperativa?

Grazie.

Il Comune ha obbligo di mettere a disposizione degli utenti sia gel igienizzante che guanti? E se non riuscisse a reperirli sul mercato in quanto esauriti?

9
Esecuzione coattiva della rimozione di impianto pubblicitario abusivo su terreno privato

Buongiorno, ho trovato questo modello di verbale:

Verbale di esecuzione coattiva della rimozione di impianto pubblicitario abusivo ai sensi dell'articolo 23 c. 13-bis c.d.s.

Ente proprietario della strada
VERBALE DI ESECUZIONE COATTIVA DELLA RIMOZIONE
DI IMPIANTO PUBBLICITARIO ABUSIVO
Ai sensi dell'articolo 23 c. 13-bis c.d.s.
Anno .................... giorno .................... mese .................... ore .................... al
km.................... della strada .................... localitĂ  .................... via ....................,
n..................... Comune di .................... Provincia di ....................
noi sottoscritti ...................., dipendenti di (specificare)..........., a seguito di inadempimento della diffida, debitamente notificata in data ...................., a ...................., nato a ...................., residente a...................., via ...................., quale proprietario del suolo, a rimuovere l'impianto pubblicitario collocato in via .................... entro 10 giorni dalla notifica, su suolo di sua proprietĂ 
di ...................., individuato dal foglio n....................., particella .................... del Catasto Immobiliare, alla presenza di quest'ultimo/in assenza di quest'ultimo, pur debitamente avvisato in data ...................., a mezzo...................., con l'ausilio degli operai della Ditta Sigg. ..................................................................
con l'assistenza della Polizia municipale abbiamo provveduto alla rimozione dell'impianto pubblicitario non autorizzato.
Il proprietario del suolo (se presente) non si opponeva/si opponeva all'ingresso sulla sua proprietĂ  degli operai e dei mezzi necessari per la rimozione.
Nel corso delle operazioni di rimozione si sono/non si sono verificati danneggiamenti al fondo/alla proprietĂ .
L'impianto pubblicitario rimosso sarĂ  custodito, con oneri a carico del proprietario del fondo, presso ...................., in via .....................
I verbalizzanti
..........................................


Mi chiedo: se il proprietario non fosse presente oppure fosse presente e si opponesse all'ingresso nella sua proprietĂ , come agire?
Possibile entrare comunque se non si tratta di una pertinenza del domicilio (giardino della sua abitazione) ma si trattasse di un terreno dove non abita?


Grazie mille

10
Lombardia / Concessione di un posteggio al mercato
« il: 11 Novembre 2019, 12:57:36 »
Buongiorno,
nel 2013 è stata rinnovata per 10 anni (quindi fino al 2023)  la concessione di un posteggio al mercato. Ora il figlio subentra rilasceremmo una nuova autorizzazione ed una nuova concessione.

Il nostro  regolamento prevede che: “L'assegnazione dei posteggi …… è effettuata mediante il rilascio di una concessione avente durata di anni dodici previa domanda prevista da apposito bando pubblico.”

Nel 2017, il padre (giĂ  titolare di concessione) aveva comunque presentato, come tutti gli altri ambulanti, la domanda prevista da un bando emesso in base a:

- la DGR 27 giugno 2016, n. 5345 “Disposizioni attuative della disciplina del commercio su aree pubbliche ai sensi dell’articolo 17, comma 2 della l.r. 2 febbraio 2010, n. 6 (testo unico delle leggi regionali in materia di commercio e fiere) e sostituzione delle dd.gg.rr. 3 dicembre 2008 n. 8570, 5 novembre 2009 n. 10615 e 13 gennaio 2010 n. 11003”;

- il d.d.u.o. n. 7240 del 22 luglio 2016 con cui sono stati approvati l’avviso di avvio delle procedure di selezione, il fac-simile di bando per l’assegnazione delle concessioni di posteggio su aree pubbliche e il fac-simile della domanda di partecipazione allo stesso;

Poi tutti i rinnovi di concessioni sono stati lasciati in sospeso considerato che le ultime disposizioni normative hanno disposto una proroga di tutte le concessioni al 31.12.2020.

1 ) Per questo subingresso quale dovrebbe essere la scadenza? E’ corretto rilasciarla ora fino al 2031, magari con la frase: “per anni dodici dalla sottostante data di rilascio, salvo diverse disposizioni normative”?

2) La comunicazione di subingresso e la nuova concessione devono essere entrambe in bollo?

Grazie

11
Polizia locale / Verbale contestato al conducente e notifica
« il: 06 Novembre 2019, 14:25:52 »
Buongiorno,
l'articolo 201 CdS recita alla fine del comma 1

https://www.brocardi.it/codice-della-strada/titolo-vi/capo-i/sezione-i/art201.html

Quando la violazione sia stata contestata immediatamente al trasgressore, il verbale deve essere notificato ad uno dei soggetti individuati ai sensi dell'articolo 196 entro cento giorni dall'accertamento della violazione.

Quindi è obbligatorio notificare al proprietario anche se il trasgressore paga entro 60 giorni? Grazie

In caso sia obbligatorio si possono caricare le spese di notifica anche sul verbale contestato al conducente?

Grazie


12
Polizia locale / Articolo 72 a veicolo in sosta
« il: 26 Giugno 2019, 11:52:13 »
Buongiorno,
a Vostro avviso è possibile applicare l'articolo 72 ad un veicolo in sosta?

La sosta è definita un momento della circolazione... quindi sembrerebbe di SI.

Ovviamente si tratta di un caso limite: Un Tizio lascia autovettura senza una ruota e gravemente incidentata su area pubblica da circa sei mesi e nonostante sia stato chiesto di non lasciarla lì per non occupare i pochi stalli di sosta disponibili... non fa nulla.

Grazie mille

13
Permessi Sindaco, Assessori e consiglieri

Buongiorno,
qualcuno può postare un vademecum con i permessi spettanti agli Amministratori degli Enti Locali, ad esempio per partecipare alle sedute della Giunta, etc...?

Grazie mille

14
Buongiorno,
è pervenuta richiesta di notifica di ingiunzione relativa a verbali Cds non pagati

<i>http://www.comune.como.it/it/servizi/poliz...oni-non-pagate/

Trascorsi 60 giorni senza che si sia proceduto al pagamento, il verbale diventa titolo esecutivo e potrà essere avviato, per il recupero delle somme previste, alla fase coattiva che si determina con l’emissione della cartella esattoriale (ruolo) o dell’ingiunzione di pagamento.</i>


Le INGIUNZIONI di pagamneto seguono la procedura dell'articolo 143 o del DPR 600/73 articolo 60 in caso di irreperibilitĂ  assoluta?

Grazie mille

15
Lombardia / Home restaurant
« il: 14 Giugno 2019, 12:41:48 »
Buongiorno,
per esercitare attivitĂ  di HOME RESTAURANT in casa quali adempienze servono?

https://www.studiocataldi.it/articoli/31340-home-restaurant.asp

Grazie mille

16
Lombardia / Sagre e palco comunale
« il: 01 Giugno 2019, 12:23:18 »
Buongiorno,
l’Amministrazione comunale vorrebbe dare in comodato ad alcune associazioni un palco che verrebbe montato in area comunale dove le varie associazioni faranno sagre, etc…
Quale documentazione è necessaria?
Una cessione in comodato come questa
https://www.comune.lesignano-debagni.pr.it/amministrazione-trasparente/delibere/concessione-dellutilizzo-comodato-gratuito-del-palco-di

A differenza del caso al link sopra il palco verrebbe dato in comodato a piĂą associazioni, che farebbero sagre in periodi diversi.
Tra due sagre il palco resterebbe montato; in tali periodi chi si deve occupare della sorveglianza del palco?
Per Sagre e manifestazioni simili, serve autorizazioni o SCIA?
http://www.comune.voghiera.fe.it/attach/Gruppo/docs/vademecum_finale.pdf


Grazie

17
Pubblica Amministrazione (problematiche) / Notifica - 140 o 143?
« il: 01 Maggio 2019, 21:42:20 »
Tizio risulta ancora residente in via Roma n. 1 ma di fatto non abita piĂą po' da tempo e l'appartamento e' stato occupato da altra famiglia.

Considerato pero' che non e' ancora stato cancellato per irreperibilita', la notifica a vostro avviso va fatta ai sensi dell'articolo 140 o 143 c.p.c.? Grazie


L'articolo 143 parla di RESIDENZA SCONOSCIUTA... ma qui è conosciuya anche se di fatto non abita lì...


https://www.brocardi.it/codice-di-procedura-civile/libro-primo/titolo-vi/capo-i/sezione-iv/art143.html

Se non sono conosciuti la residenza, la dimora e il domicilio del destinatario



18
Lombardia / Motocross nei boschi
« il: 26 Gennaio 2019, 15:19:20 »
Buongiorno,
ho visto che alcune regioni disciplinano la circolazione fuori strada.

La Legge Regionale 5 dicembre 2008 , n. 31

http://normelombardia.consiglio.regione.lombardia.it/NormeLombardia/Accessibile/main.aspx?view=showpart&idparte=lr002008120500031ar0059a

precisa all'articolo 59 comma 4   

"4. E’ altresì vietato il transito dei mezzi motorizzati nei boschi, nei pascoli, sulle mulattiere e sui sentieri, ad eccezione dei mezzi di servizio e di quelli autorizzati dalla Regione per la circolazione sulle proprie aree demaniali.(161)"

Sapete quale sanzione si applica a chi fa motocross nei boschi? 

Segnalo anche

https://www.italiaonroad.it/2014/07/08/circolazione-fuoristrada-svolta-fondamentale-in-lombardia/

l Consiglio Regionale da’ il via libera al progetto di legge (PDL 124) che regola le manifestazioni a due ruote

Dopo quasi sei mesi di discussione in ottava commissione, il PDL 124 (modifiche ed integrazioni alla Legge regionale 5 dicembre 2008 n.31 concernenti la viabilità agro-silvo-pastorale), e’ stato approvato oggi, 8 luglio 2014, dal Consiglio Regionale.

Grazie all’azione politica portata avanti dal Presidente della Commissione Agricoltura, Alessandro Fermi, e dal Consigliere Regionale Lombardo, Alessandro Sorte, entrambi di Forza Italia, ora anche in Lombardia si aprono nuove possibilità per la pratica del fuoristrada. Saranno infatti i Sindaci e le Comunità Montane ad autorizzare manifestazioni motoristiche sulle strade agro-silvo-pastorali, disciplinando così la materia degli eventi sportivi di veicoli a motore sui sentieri di montagna e nei pascoli.

Si tratta di un significativo passo avanti su un territorio importante come la Lombardia, che ora possiede uno strumento legislativo con il quale autorizzare e regolamentare le manifestazioni motoristiche.

Il Presidente della Commissione, Alessandro Fermi, ha dichiarato:”Abbiamo perseguito questo obiettivo con pazienza e tenacia, superando opposizioni ideologiche e preconcetti. Ora abbiamo colmato un vuoto legislativo con il quale ho avuto a che fare personalmente quando ricoprivo la carica di Sindaco. Il fuoristrada agonistico non è nemico della natura, anzi, è esattamente il contrario. In più da adesso può essere anche uno strumento per avere un ritorno economico sul territorio e per generare interessi non solo sportivi ma anche turistici e culturali“.

Soddisfazione espressa anche dal Presidente della FMI, Paolo Sesti:”Ringrazio personalmente il Presidente Fermi ed il Consigliere Sorte per questo fondamentale risultato. Il paziente dialogo con le Autorità ed il rispetto delle regole portano a risultati concreti. Adesso anche in Lombardia i motociclisti dovranno fare la loro parte con responsabilità, dimostrando cosa rappresentano le discipline del fuoristrada, ovvero positivi messaggeri di valori sportivi e culturali. Continueremo il nostro lavoro di appoggio concreto, come già stiamo facendo con l’operato della Commissione Normative Fuoristrada, ma senza dubbio questa e’ un’occasione che coglieremo con entusiasmo e responsabilità“.

Grazie

19
L'articolo 80 CdS precisa al comma 14

E' consentita la circolazione del veicolo al solo fine di recarsi presso uno dei soggetti di cui al comma 8 ovvero presso il competente ufficio del Dipartimento per i trasporti, la navigazione ed i sistemi informativi e statistici per la prescritta revisione.

https://www.brocardi.it/codice-della-strada/titolo-iii/art80.html

Possibile fare la prenotazione anche presso un'officina autorizzata?

Grazie


20
Pubblico impiego / Quesito sul part time
« il: 11 Settembre 2018, 17:43:24 »
L'articolo 53 del nuovo CCNL (Rapporto di lavoro a tempo parziale) prevede

https://www.aranagenzia.it/attachments/article/9014/CCNL%20Funzioni%20Locali%2021%20maggio%202018_Definitivo_Sito.pdf

Rapporto di lavoro a tempo parziale
1. Gli enti possono costituire rapporti di lavoro a tempo parziale mediante:
a) assunzione, per la copertura dei posti delle categorie e dei profili a tal fine
individuati nell’ambito del piano dei fabbisogni di personale, ai sensi delle vigenti
disposizioni;
b) trasformazione di rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale, su richiesta
dei dipendenti interessati.

2. Il numero dei rapporti a tempo parziale non può superare il 25 per cento della
dotazione organica complessiva di ciascuna categoria, rilevata al 31 dicembre di ogni
anno, con esclusione delle posizioni organizzative
. Il lavoratore titolare delle stesse
può ottenere la trasformazione del suo rapporto in rapporto a tempo parziale solo a
seguito di espressa rinuncia all’incarico conferitogli. Il predetto limite è arrotondato
per eccesso onde arrivare comunque all’unità.

3. I comuni privi di dirigenza, in relazione alle specifiche esigenze organizzative
derivanti dall’ordinamento vigente, individuano, se necessario ed anche in via
temporanea, le posizioni organizzative che possono essere conferite anche al
personale con rapporto a tempo parziale di durata non inferiore al 50% del rapporto a
tempo pieno. Il principio del riproporzionamento del trattamento economico trova
applicazione anche con riferimento alla retribuzione di posizione.
4. Ai fini della trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo
parziale, i dipendenti giĂ  in servizio presentano apposita domanda, con cadenza
semestrale (giugno-dicembre). Nelle domande deve essere indicata l’eventuale
attivitĂ  di lavoro subordinato o autonomo che il dipendente intende svolgere ai fini
del comma 7.
5. L’ente, entro il termine di 60 giorni dalla ricezione della domanda, concede la
trasformazione del rapporto, nel rispetto delle forme e delle modalitĂ  di cui al comma
11 oppure nega la stessa qualora:
a) si determini il superamento del contingente massimo previsto dal comma 2;

b) l’attività di lavoro autonomo o subordinato, che il lavoratore intende svolgere,
comporti una situazione di conflitto di interesse con la specifica attivitĂ  di servizio
svolta dallo stesso ovvero sussista comunque una situazione di incompatibilitĂ ;
c) in relazione alle mansioni ed alla posizione di lavoro ricoperta dal dipendente, si
determini un pregiudizio alla funzionalità dell’ente.
6. L’utilizzazione dei risparmi di spesa derivanti dalla trasformazione dei rapporti di
lavoro dei dipendenti da tempo pieno a tempo parziale avviene nel rispetto delle
previsioni dell’articolo 1, comma 59, della legge n. 662/1996, come modificato dall’articolo
73 del D.L. n. 112/2008.
7. I dipendenti con rapporto di lavoro a tempo parziale, qualora la prestazione non sia
superiore al 50% di quella a tempo pieno, possono svolgere un’altra attività
lavorativa e professionale, subordinata o autonoma, nel rispetto delle vigenti norme in
materia di incompatibilitĂ  e di conflitto di interessi. I suddetti dipendenti sono tenuti a
comunicare, entro quindici giorni, all’ente nel quale prestano servizio l’eventuale
successivo inizio o la variazione dell’attività lavorativa esterna.
8. In presenza di gravi e documentate situazioni familiari, preventivamente
individuate dagli enti in sede di contrattazione integrativa e tenendo conto delle
esigenze organizzative, è possibile elevare il contingente di cui al comma 2 fino ad un
ulteriore 10%. In tali casi, in deroga alle procedure di cui al comma 4, le domande
sono comunque presentate senza limiti temporali.
9. Qualora il numero delle richieste ecceda il contingente fissato ai sensi dei commi 2
e 8, viene data la precedenza ai seguenti casi:

a) dipendenti che si trovano nelle condizioni previste dall’articolo 8, commi 4 e 5, del
D. Lgs. n. 81/2015;
b) dipendenti portatori di handicap o in particolari condizioni psicofisiche;
c) dipendenti che rientrano dal congedo di maternitĂ  o paternitĂ ;
d) documentata necessitĂ  di sottoporsi a cure mediche incompatibili con la
prestazione a tempo pieno;
e) necessitĂ  di assistere i genitori, il coniuge o il convivente, i figli e gli altri familiari
conviventi senza possibilitĂ  alternativa di assistenza, che accedano a programmi
terapeutici e/o di riabilitazione per tossicodipendenti;
f) genitori con figli minori, in relazione al loro numero;
g) i lavoratori con rapporto di lavoro a tempo parziale stabilizzati ai sensi delle
vigenti disposizioni di legge.
10. I dipendenti hanno diritto alla trasformazione del rapporto di lavoro da tempo
pieno a tempo parziale nelle ipotesi previste dall’articolo 8, commi 3 e 7, del D. Lgs. n.
81/2015. Nelle suddette ipotesi, le domande sono presentate senza limiti temporali,
l’ente dà luogo alla costituzione del rapporto di lavoro a tempo parziale entro il
termine di 15 giorni e le trasformazioni effettuate a tale titolo non sono considerate ai
fini del raggiungimento del contingente fissato ai sensi dei commi 2 e 8.
11. La costituzione del rapporto a tempo parziale avviene con contratto di lavoro
stipulato in forma scritta e con l’indicazione della data di inizio del rapporto di
lavoro, della durata della prestazione lavorativa nonché della collocazione temporale
dell’orario con riferimento al giorno, alla settimana, al mese e all’anno e del relativo
trattamento economico. Quando l’organizzazione del lavoro è articolata in turni,
l’indicazione dell’orario di lavoro può avvenire anche mediante rinvio a turni
programmati di lavoro articolati su fasce orarie prestabilite.

12. La trasformazione del rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale avviene
mediante accordo tra le parti risultante da atto scritto, in cui vengono indicati i
medesimi elementi di cui al comma 11. In tale accordo, le parti possono
eventualmente concordare anche un termine di durata per il rapporto di lavoro a
tempo parziale che si va a costituire.

13. I dipendenti che hanno ottenuto la trasformazione del proprio rapporto da tempo
pieno a tempo parziale hanno diritto di tornare a tempo pieno alla scadenza di un
biennio dalla trasformazione, anche in soprannumero, oppure, prima della scadenza
del biennio, a condizione che vi sia la disponibilitĂ  del posto in organico. Tale
disciplina non trova applicazione nelle ipotesi previste dal comma 10, che restano
regolate dalla relativa disciplina legislativa.
14. I dipendenti assunti con rapporto di lavoro a tempo parziale hanno diritto di
chiedere la trasformazione del rapporto a tempo pieno decorso un triennio dalla data
di assunzione, a condizione che vi sia la disponibilitĂ  del posto in organico e nel
rispetto dei vincoli di legge in materia di assunzioni.

21
A Roccavignale arriva l’autovelox “buono”: tarato 20 km/h oltre il limite

https://www.ivg.it/2018/08/a-roccavignale-arriva-lautovelox-buono-annunciato-da-unauto-e-tarato-20-km-h-oltre-il-limite/

Buongiorno, è possibile procedere a tarare l'autovelox oltre il limite?

Grazie

22
Buongiorno,
la competenza è del SUAP, come indicato qui:

https://www.sportellotelematico-estmilano.it/attivita-economica/spettacoli-pirotecnici-fuochi-dartificio

oppue del Sindaco in qualitĂ  di AutoritĂ  Locale di Pubblica Sicurezza?

Secondo un esperto è una delle poche competenze rimaste al Sindaco.

Il TULPS indica come l'AutoritĂ  Locale di Pubblica Sicurezza come competente anche per gli articoli 68 e 69... MA quelle funzioni sono state trasferite ai Comuni con il DPR 616 / 1977 articolo 19.

http://bes.indire.it/wp-content/uploads/2014/02/Decreto-del-Presidente-della-Repubblica-24.07.77-n.616.pdf



Mentre le competene di cui all'articolo 57 non sono mai state trasferite.


Cosa ne pensate?

Grazie

23
Pubblica Amministrazione (problematiche) / Acquisti della P.A.
« il: 10 Agosto 2018, 19:12:53 »
Buongiorno,
sapete indicarmi un buon testo completo in materia di acquisti nella P.A.?

Grazie

24
Lombardia / Intrattenimento musicale
« il: 02 Agosto 2018, 08:53:01 »
Piccolo intrattenimento musicale in un campeggio che ha anche attività di somministrazione... senza nessuna comunicazione al Comune è sanzionabile, oppure NO, considerato quanto scritto qui?

https://www.passiamo.it/quesito-esercizio-somministrazione-intrattenimento-musicale-dee-jay/

Oppure è sanzionabile in base a quanto disposto qui

https://www.foxpol.it/file/prontuariocommercialelombardia2017.pdf

a pag. 86

E per il discorso dei limiti acustici?

Grazie

25
Possibile a Vostro avviso dichiarare inidonei alcuni candidati ad una mobilita'?

Prima di rispondere, leggete questo spunto
http://www.segretaricomunalivighenzi.it/14-06-2017-pubblico-impiego-mobilita-tra-enti-alcune-indicazioni

Numerose amministrazioni negli ultimi mesi stanno avviando dei bandi di mobilità per la copertura di posti vacanti, spesso dichiarando alcuni o tutti i candidati “non idonei” a coprire il posto indicato nel bando...

http://www.quotidianosanita.it/m/lavoro-e-professioni/articolo.php?articolo_id=37202
Il trasferimento in mobilità non richiede, una volta superato il periodo di prova, alcun ulteriore accertamento d’idoneità nell’espletamento della professione medica che avviene solo sulla base dell’istanza dell’interessato e nel caso siano presentate più domande rispetto al numero dei posti da ricoprire...

Un concetto che dovrebbe valere per tutti i comparti

Alcuni spunti di riflessione
http://forum.enti.it/viewtopic.php?t=99203

A meno che il contratto collettivo non lo preveda - non è possibile fare esami, ma solo valutazione dei titoli (da ultima segnalo Cassazione civile, sez. lav., 27/01/2015, n. 1485 sul comparto sanità)

Quindi nemmeno un colloquio secondo la sentenza citata… a meno che non si tratti solamente di chiarire eventuali dubbi sui titoli posseduti.

26
Pubblica Amministrazione (problematiche) / Assemblea consorzi
« il: 18 Luglio 2018, 11:46:06 »
4. Salvo quanto previsto dalla convenzione e dallo statuto per i consorzi, ai quali partecipano a mezzo dei rispettivi rappresentanti legali anche enti diversi dagli enti locali, l'assemblea del consorzio è composta dai rappresentanti degli enti associati nella persona del sindaco, del presidente o di un loro delegato, ciascuno con responsabilità pari alla quota di partecipazione fissata dalla convenzione e dallo statuto.


L'articolo 31 comma 4 TUEL precisa quanto sopra.

Il delegato del Sindaco non deve necessariamente essere un consigliere?

Grazie


27
GDPR e privacy / Motociclista con videocamera sul casco
« il: 13 Luglio 2018, 21:13:40 »
Buongiorno,
e' lecito che un motociclista abbia sul casco una telecamera con cui registra tutto... come accede spesso?

Grazie

28
Polizia locale / Strumenti ausilio PL
« il: 13 Luglio 2018, 20:55:51 »
Buingiorno,
un operatore di PL puo' portare in servizio senza chiedere autorizzazione oggetti di libera vendita che potrebbe portare con se' un privato cittadino... come bodycam o sprayvdi libera vendita?

Grazie

29
Buongiorno,
un amico ha una spider ed ha posizionato una valigia sul regolare portabagagli, che pero' copre la visuale dello specchietto retrovisore interno, come nelle fotografie a questo link

http://www.boot-bag.com/alfa_romeo_spider_luggage_and_boot_racks.htm


A mio avviso e' tutto regolare visto che ha lo specchietto retrovisore destro.
Il codice della strada prevede ad esempio che i furgoni che non hanno lo specchietto interno in quanto cassonati, possano circolare se hanno lo specchio retrovisore esterno destro.


C'e' pero' da dire che l'articolo 164 (Sistemazione del carico sui veicoli) precisa che il carico deve essere sistemato in modo... da non diminuire la visibilita' al conducente...

Cosa ne pensate?

Grazie

30
Pubblica Amministrazione (problematiche) / Tassa sui link???
« il: 21 Giugno 2018, 23:23:10 »
http://m.ilsecoloxix.it/p/economia/2018/06/20/ADGeIi-stretta_condivisioni_copyright.shtml

Quindi Se volessi pubblicare il link che rimanda ad un articolo... Non sara' piu' possibile?

Grazie

Pagine: [1] 2 3 ... 9