Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Topics - BLU

Pagine: [1]
1
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / Massofisioterapista
« il: 22 Novembre 2020, 09:17:23 »
Buongiorno, secondo i Vs. esperti è necessario presentare una pratica al Suap per esercitare l'attività di massofisioterapista? Nel portale "impresainugiorno" trovo la "comunicazione per studio di professioni sanitarie non mediche (e senza uso di appar. elettromedicali)" ma qualche consulente ci ha riferito che i loro clienti non sono laureati.  Attendo il Vs. parere anche e Vi ringrazio in anticipo.

2
Salve, il ns. Comune pur avendo un mercato settimanale istituito con delibera consiliare negli anni '50 non ha mai approvato il piano del commercio su aree pubbliche come prevede la L.R.V. n. 10/2001. Ora l'Amministrazione ha iniziato l'iter (per approvarlo in C.C. e farlo riconoscere dalla Regione) e poiché è necessario un riordino dei posteggi, gli ambulanti chiedono che il Comune, in base all'ordinanza ministeriale 3.4.2002, metta a loro disposizione luce e acqua. Siamo obbligati oppure no,  trattandosi di un mercato che esisteva prima dell'entrata in vigore della L.R.V. e dell'ordinanza ministeriale?  Non riusciamo a trovare una risposta precisa in merito e chiediamo un aiuto ai Vs. esperti. Tra l'altro dalla lettura delle norme non si riesce a capire se dobbiamo chiedere un parere all'ULSS oppure no . Quale è la procedura corretta secondo Voi?Grazie in anticipo. Saluti cordiali

3
Buonasera, Vi chiedo un aiuto per questa richiesta: una pizzeria d'asporto ha chiesto al Comune di installare un gazebo (con piani di appoggio)  in area esterna (privata di proprietà)   per un mese al fine di vendere le pizze. Trattandosi di attività artigianale il titolare può vendere i propri prodotti senza formalità oppure dobbiamo far presentare una pratica specifica tramite suap? Grazie in anticipo.

4
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / CIG
« il: 26 Agosto 2020, 08:59:50 »
Buongiorno, se in una unica determina incarico 3 compagnie teatrali per 3 spettacoli diversi devo chiedere 3 CIG oppure uno unico? Vi ringrazio della risposta.

5
Oggi (16.7.2020)  è pervenuta al portale Suap una Scia di apertura bar con indicata come data di apertura l'01.07.2020. Vi chiedo, cortesemente, se l'ufficio Suap deve procedere con qualche segnalazione o sanzione. Cordiali saluti.

6
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / Firma per licenza P.S.
« il: 09 Luglio 2020, 14:05:59 »
Chiedo cortesemente come risolvere la situazione in cui mi trovo: conclusa l'istruttoria per il rilascio di  una licenza di pubblico spettacolo temporaneo (all'aperto) e aver effettuato anche il sopralluogo della CCVLPS, i Responsabili del Comune sono tutti assenti (chi per ferie, chi per malattia). Essendo un Comune sotto i 5.000 abitanti posso far firmare la licenza ex art. 68 del TULPS al Sindaco ?   Quali norme devo citare? Preciso che è assente anche il segretario comunale. Grazie

7
Buonasera, anch'io come chiesto dall'utente Ladyoscar, vorrei sapere in base a quale norma di legge non c'è più l'obbligo di pubblicare in "Amministrazione Trasparente" le delibere e le determinazioni dei Comuni. Grazie.

8
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / Art. 5 D.Lgs. 222 del 2016
« il: 16 Febbraio 2020, 18:13:01 »
Egr. Dr. Chiarelli, abbiamo visto molti suoi video e seguito corsi in sede in cui evidenzia l'art. 5 del D.Lgs. 222 del 2016 il quale prevede che ".. ....gli enti locali, nel disciplinare i regimi amministrativi di loro competenza, fermi restando i livelli di semplificazione e le garanzie assicurate ai privati dal presente decreto, possono prevedere livelli ulteriori di semplificazione".
Ai Comuni  consiglia di approvare una specifica delibera. Esistono provvedimenti di questo tipo? Ce ne può fornire un esempio? Siamo orientati a prevedere la Scia per eventi di pubblico spettacolo sotto le 200 persone entro le 24 anche se si prolungano per più giorni (classiche sagre). Grazie dei Suoi preziosi consigli. Cordiali saluti

9
La Legge 59/2019 consente agli enti locali di subordinare alla verifica della regolarità del pagamento dei tributi locali, da parte dei soggetti richiedenti il rilascio di licenze, autorizzazioni, concessioni e dei relativi rinnovi, inerenti attività commerciali o produttive. Come SUAP dopo aver verificato,  con l'Ufficio Tributi, il mancato pagamento di IMU e rifiuti (negli ultimi 5 anni!) da parte di un richiedente (residente) di autorizzazione di commercio ambulante, abbiamo comunicato il preavviso di rigetto. In proposito però c'è chi sostiene che il Comune debba approvare un regolamento specifico, altri invece ritengono che la facoltà data dalla legge 59/19 sia immediatamente applicabile. Si chiede un Vs. autorevole parere anche al fine di evitare che il richiedente, a cui abbiamo negato l'autorizzazione, possa proporre ricorso (non intende infatti procedere al pagamento dei tributi locali). Si ringrazia in anticipo dell'attenzione. Saluti

10
Buongiorno, ci troviamo di fronte a questo caso: dopo 4 mesi dal rilascio di una nuova autorizzazione di commercio ambulante itinerante (alimentare con somministrazione) abbiamo verificato il DURC della ditta (come previsto dalla Regione Veneto). La stessa è risultata non iscritta a INPS/INAIL. Il titolare sostiene che la sua attività prevalente è quella di agente/procacciatore d'affari e l'autorizzazione gli serve solo sporadicamente per partecipare a 1 o 2 Fiere all'anno (dove userà attrezzature a noleggio). E' condivisibile la tesi oppure dobbiamo revocare l'autorizzazione? Ringrazio in anticipo della Vs. risposta autorevole.

11
A proposito del post aperto da Maria Donata Ferrante e delle risposte date vorrei aggiungere che nell'A.P. dove lavoro, un  Responsabile di Settore  è solito "firmare" i documenti con un timbro che ricalca la propria firma (con riprodotto anche lo stemma del Comune). Non appone firma autografa nè tantomeno firma digitale e nei documenti  digitali "copia e incolla" questo timbro scansionato.  Se fossi un cittadino con un mano un provvedimento che ha in calce una firma timbrata penserei di avere in mano carta straccia. Dalle risposte date sembra, invece, che se l'atto è riconducibile all'Ente pubblico allora è valido. Purtroppo è successo che lo stesso Responsabile abbia disconosciuto questa "firma" appellandosi al fatto che il timbro - firma  è alla portata di tutti i dipendenti.  Io rimango dell'idea che un provvedimento deve essere firmato dal Responsabile con firma autografa o digitale.   

Pagine: [1]