Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - M. A.

Pagine: [1]
1
Buon giorno, in merito al questo in oggetto pongo le seguenti domande:
1. L'affitto di poltrona/cabina/postazione all'interno dello stesso esercizio è possibile esclusivamente per le stesse attività ex. (acconciatore/acconciatore)/(tatuatore/tatuatore)/(estetista/estetista) o è possibile anche per attività diverse (estetista/tatuatore) (estetista/acconciatore);
2. Qualora sia possibile questa coesistenza, fatti salvi il rispetto dei requisiti igienico sanitari, è necessario che ci sia la presenza dei due responsabili tecnici sia per l'attività di estetista che per quello di tatuatore in quanto i requisiti professionali sono diversi;
3. Occorre presentare una SCIA o una semplice comunicazione per l'affitto della postazione al tatuatore.

Grazie

2
Buon giorno, chiedo se secondo voi una attività agrituristica composta da n. 2 fabbricati distinti e staccati tra di loro (distano circa 200 mt) di cui uno con 22 posti letto e l'altro con 8 posti letto, per totali n. 30 posti letto sia soggetta ai controlli dei Vigili del Fuoco ai sensi del D.P.R. 151/2011.

Grazie

3
Buon giorno, una soc. s.r.l. è titolare di una licenza NCC mediante autovettura. Ora la società vorrebbe cedere la sola licenza senza l'autovettura. Secondo voi è possibile effettuare tale trasferimento.

Grazie

4
Buona sera, pongo una serie di domande in merito all'apertura di un esercizio per la vendita in sede fissa di oggetti usati di esiguo valore sia di proprietà che in conto vendita.
Con l'abrogazione della SCIA per la vendita di cose usate art. 126 del TULPS e la non obbligatorietà di tenere un registro delle operazioni giornaliere di cui all'art. 128 del TULPS quali sono i documenti di cui si deve munire per avviare l'attività?

1. Essendo un esercizio in sede fissa deve presentare al SUAP una SCIA di vicinato per la vendita al dettaglio?

2. Pur non avendo l'obbligo di un registro di cui all'art. 128 del TULPS (in quanto oggetti di esiguo valore), deve tenere presso la propria attività un registro di carico e scarico degli oggetti anche per dimostrare agli organi di controllo la provenienza degli stessi in quanto a volte reperiti senza pagamento (oggetti regalati, reperiti in depositi ecc), per evitare "eventuali" problemi di riciclaggio;

3. Per il conto vendita va presentata  una comunicazione di apertura agenzia di affari art. 115 del TULPS + tabella del tariffario delle prestazioni + Registro giornale degli affari.

Grazie






5
Perfetto, nel caso di somministrazione diretta, (scia di somministrazione + notifica sanitaria), è necessario il possesso dei requisiti professionali oppure essendo un esercizio limitato ad una cerchia ristretta di clienti (quelli del centro estetico) è possibile farne a meno.

Grazie

6
Buona sera, all'interno di un centro estetico potrebbe essere ammessa la somministrazione di aperivi , tisane, calici di vino e stuzzichini  ai clienti che usufruiscono dei servizi del centro?

Il gestore del centro estetico sarebbe intenzionato a farlo in maniera diretta se possibile,  altrimenti affidandosi ad un catering qualora la somministrazione diretta non sia consentita.

Grazie

7
L'autorizzazione è firmata dal Sindaco quale autorità di P.S. o dal Responsabile del Servizio?
Grazie

Pagine: [1]