Visualizza post

Questa sezione ti permette di visualizzare tutti i post inviati da questo utente. N.B: puoi vedere solo i post relativi alle aree dove hai l'accesso.


Post - Michela Leonetti OV

Pagine: [1] 2
1
Sardegna / Re:permesso di soggiorno
« il: 29 Luglio 2020, 09:58:19 »
scusa Andrea Bufarale, da dove si rileva che deve presentare obbligatoriamente il passaporto e non invece la carta d'identità?

2
giustamente il dott. Chiarielli dice che  se si può lavorare 3 giorni su 5 in agile lo si può fare anche negli altri giorni, anche alla luce delle modifiche all'art. 3 della L. 241/90 introdotte con il DECRETO-LEGGE 16 luglio 2020, n. 76, ma potrebbe essere richiesto il servizio di apertura al pubblico nelle altre giornate? o correttamente si potrebbe prevedere la presenza soltanto in caso di richiesta dell'operatore/tecnico incaricato previo appuntamento?

3
L'art. 42 comma 3 della L.R. 29/2005 http://lexview-int.regione.fvg.it/fontinormative/xml/xmlLex.aspx?anno=2005&legge=29&ART=000&AG1=00&AG2=00&fx=lex prevede che in sede di SCIA di avvio o subingresso nell’esercizio dell’attività di commercio su area pubblica, sia in forma itinerante che su area di mercato, venga acquisito il DURC.

Il gruppo tecnico del SUAP regionale ritiene che il DURC debba essere un allegato obbligatorio in quanto, come affermato nella nota protocollo n. 619/2012 del Ministero del lavoro e delle politiche sociali non può essere sostituito da un'autodichiarazione viste le valutazioni che devono essere effettuate per il suo rilascio da un Organismo tecnico (INPS o INAIL)

A seguito di alcune scia ove l’operatore ha allegato una dichiarazione di non essere soggetto al DURC o una ricevuta dell’INPS relativa alla richiesta di variazione dei dati aziendali, è stata effettuata la verifica d’ufficio ed è emersa la non regolarità contributiva.

concordate che l’assenza della regolarità contributiva attestata dal DURC comporta l'applicazione della sanzione prevista dall'articolo 81, comma 3, della L.R. 29/2005 e, per l’ipotesi della recidiva, il comma 6 ed a livello suppletivo si può ricorrere alla disposizione di cui all’articolo 7 della legge regionale n. 4/2003, ai sensi della quale <<Le violazioni delle norme dei regolamenti o delle ordinanze provinciali e comunali comportano, qualora la legge non preveda apposite sanzioni, l'irrogazione da parte dell'ente locale di sanzioni amministrative pecuniarie, in misura non superiore a diecimila euro, nonché di eventuali sanzioni accessorie sospensive o interdittive di attività derivanti da provvedimenti della medesima Amministrazione, determinate con proprie norme regolamentari>>?

come consigliereste di comportarsi in questo caso?

grazie buona lavoro a tutti




4
Ai sensi del decreto legge 17 marzo 2020, n. 18, art. 62, commi 1 e 6, l'adempimento può essere effettuato entro il 30 giugno 2020 senza applicazione di sanzioni
così è riportato sul sito dell'agenzia delle entrate
https://www1.agenziaentrate.gov.it/strumenti/scadenzario/main.php?op=4&chi=111&cosa=7169&come=155&entroil=30-04-2020&vista=0

5
La Direzione Accise con la nota n. 180197/RU dell'8 novembre 2019, fornisce ulteriori chiarimenti per le attività avviate dal 30 giugno 2019 per le quali la semplificazione amministrativa disposta dalla tabella A allegata al D.Lgs. n. 222/2016 (comunicazione da presentare al SUAP che vale quale denuncia ex D.Lgs n.504/95 all'Agenzia delle dogane e dei monopoli) si esaurisce nella fase d'iniziativa.

Il procedimento tributario deve proseguire presso l'Ufficio delle dogane competente per l'espletamento delle necessarie fasi fino all'adozione del provvedimento autorizzativo ovvero la licenza d'esercizio necessaria per dare avvio all'attività di vendita o somministrazione di alcolici.

La nota indica anche la necessità di dichiarare il numero identificativo di n.1 marca da bollo per il rilascio appunto della licenza in caso di comunicazione presentata al SUAP



6
Qualora il requisito professionale sia stato acquisito all’estero, ai sensi dell’art. 5, comma 2, del D.Lgs.  9.11.07 n. 206, le domande di riconoscimento dei titoli acquisiti da cittadini comunitari ed extracomunitari devono essere inviate, a cura degli interessati, al Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale degli ammortizzatori sociali e della formazione, che è competente per il riconoscimento in Italia delle qualifiche professionali conseguite all'estero di estetista
a questo link http://www.lavoro.gov.it/temi-e-priorita/ammortizzatori-sociali/focus-on/riconoscimento-delle-qualifiche/Pagine/default.aspx tutte le informazioni

7
Turismo e attività ricettive / Re:escursionismo nautico
« il: 30 Gennaio 2019, 17:18:44 »
dipende cosa intendi per escursionismo nautico:

noleggio con conducente                    Legge 15 gennaio 1992, n.21

navigazione da diporto                        decreto legislativo 18 luglio 2005 n.171 - Codice della nautica da diporto

 natanti da diporto ai fini di locazione o di noleggio per finalità ricreative o per usi turistici di carattere locale, nonchè di appoggio alle immersioni subacquee a scopo sportivo o ricreativo           competenza Capitaneria di Porto

noleggio occasionale  e noleggio di natanti senza conducenti                     competenza Capitaneria di Porto

 


 

8
Somministrazione / Re:Requisiti somministrazione negozio mobile
« il: 30 Gennaio 2019, 17:10:30 »
L’art. 71 del DECRETO LEGISLATIVO 26 marzo 2010, n. 59 www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:2010-03-26;59!vig= al comma 6 prevede che l'esercizio, in qualsiasi forma e limitatamente all'alimentazione umana, di un'attivita' di commercio al dettaglio relativa al settore merceologico alimentare o di un'attivita' di somministrazione di alimenti e bevande e' consentito a chi e' in possesso di uno dei seguenti requisiti professionali:

a) avere frequentato con esito positivo un corso professionale per il commercio, la preparazione o la somministrazione degli alimenti, istituito o riconosciuto dalle regioni o dalle province autonome di Trento e di Bolzano;

b) avere, per almeno due anni, anche non continuativi, nel quinquennio precedente, esercitato in proprio attivita' d'impresa nel settore alimentare o nel settore della somministrazione di alimenti e bevande o avere prestato la propria opera, presso tali imprese, in qualita' di dipendente qualificato, addetto alla vendita o all'amministrazione o alla preparazione degli alimenti, o in qualita' di socio lavoratore o in altre posizioni equivalenti o, se trattasi di coniuge, parente o affine, entro il terzo grado, dell'imprenditore, in qualita' di coadiutore familiare, comprovata dalla iscrizione all'Istituto nazionale per la previdenza sociale;

c) essere in possesso di un diploma di scuola secondaria superiore o di laurea, anche triennale, o di altra scuola ad indirizzo professionale, almeno triennale, purche' nel corso di studi siano previste materie attinenti al commercio, alla preparazione o alla somministrazione degli alimenti.

Il tuo caso ricade nella lettera b) e può essere verificato presso la Camera di Commercio e presso l’INPS

9

il documento di analisi sistematica dell'istituto della conferenza di servizi allegato alla circolare è reperibile al seguente link

http://www.funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/03-12-2018/circolare-n-4-del-2018-materia-di-attuazione-della-conferenza-di

10
Somministrazione / novel food
« il: 18 Gennaio 2018, 13:19:01 »
forse è già stato segnalato ma non trovandolo lo reinserisco

Il Ministero della Salute in data 8 gennaio ha emesso una nota Informativa in merito all’uso di insetti in campo alimentare con specifico riferimento all’applicabilità del Regolamento (UE) 2015/2283 sui “novel food”  reperibile all'indirizzo http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/renderNormsanPdf?anno=2018&codLeg=62647&parte=1%20&serie=null






11
interessante articolo... ma bisogna anche tenere presente che l'art. 3 comma 2, lett. b) del D.lvo n.126 dd. 30.06.2016 www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:2016-06-30;126!vig=ha ulteriormente modificato l'art.19 sopprimendo la disposizione che prevedeva la sospensione dell'attività intrapresa a meno che non si sia in presenza di attestazioni non veritiere o di pericolo per la tutela dell'interesse pubblico in materia di ambiente,  paesaggio, beni  culturali,  salute,  sicurezza  pubblica  o  difesa  nazionale.

12
SUAP / Re:Modulistica unificata un passo avanti e tre indietro
« il: 16 Dicembre 2017, 12:18:05 »
se ne devono essere accorti  ;D ....

sulla Gazzetta ufficiale n. 287/2017 è stato pubblicato l'accordo del 5 ottobre 2017 siglato  tra Governo, Regioni ed enti locali, concernente l'adozione dell'allegato tecnico alla modulistica per le attivita' commerciali e assimilate ad integrazione dell'Accordo del 4 maggio 2017 concernente l'adozione di moduli unificati e standardizzati per la presentazione delle segnalazioni, comunicazioni e istanze.

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/serie_generale/caricaDettaglioAtto/originario?atto.dataPubblicazioneGazzetta=2017-12-09&atto.codiceRedazionale=17A08187&elenco30giorni=true
 

piano piano ce la facciamo ....

13
prova a dare un'occhiata qui forse ti può aiutare
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=1411.0

14
Sardegna / Re:Noleggio breve termine
« il: 13 Agosto 2017, 15:50:06 »
non conosco il modulo B13 della tua regionae, ma per il noleggio senza conducente il DPR 481/2001 non prevede l'indicazione dei mezzi

ovviamene se vogliono usare un mezzo, questo dovrà essere immatricolato per uso noleggio come previsto dal codice della strada e verificheranno li la disponibilità del mezzo
 

15
Puglia / Re:Notifica
« il: 13 Agosto 2017, 15:39:53 »
dal 1 luglio 2017  gli enti locali possono notificare i propri atti direttamente a mezzo della posta elettronica certificata, in base all'articolo 60 del Dpr 600/1973, come di recente modificato dall'articolo 7-quater, comma 6, del Dl 193/2016 , convertito dalla legge 225/2016

puoi dare un'occhiata qui http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=21088.0

17
Puglia / Re:procedimenti penali
« il: 05 Luglio 2017, 20:50:47 »
I requisiti morali da osservare sono oltre alle cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 del D.Lgs. 159/2011 (disposizioni antimafia), quelli previsti dal TULPS all’art.92 e all’art. 11 che recita;
 
Salve le condizioni particolari stabilite dalla legge nei singoli casi, le autorizzazioni di polizia debbono essere negate:
1) a chi ha riportato una condanna a pena restrittiva della libertà personale superiore a tre anni per delitto non colposo e non ha ottenuto la riabilitazione;
2) a chi è sottoposto all'ammonizione o a misura di sicurezza personale o è stato dichiarato delinquente abituale, professionale o per tendenza.
Le autorizzazioni di polizia possono essere negate a chi ha riportato condanna per delitti contro la personalità dello Stato o contro l'ordine pubblico, ovvero per delitti contro le persone commessi con violenza, o per furto, rapina, estorsione, sequestro di persona a scopo di rapina o di estorsione, o per violenza o resistenza all'autorità, e a chi non può provare la sua buona condotta.
Le autorizzazioni devono essere revocate quando nella persona autorizzata vengono a mancare, in tutto o in parte, le condizioni alle quali sono subordinate, e possono essere revocate quando sopraggiungono o vengono a risultare circostanze che avrebbero imposto o consentito il diniego della autorizzazione.

Per approfondire poi leggere qui http://www.marilisabombi.it/doc/articoli/buona_condotta.pdf

Va ricordato che la presunzione d’innocenza è un principio del diritto penale secondo il quale un imputato è considerato non colpevole sino a condanna definitiva, vale a dire, sino all’esito del terzo grado di giudizio emesso dalla Corte Suprema di Cassazione.

18
Citazione
per subentro nell'attività gia avviata, ma in un`altra città, sempre regione Veneto? X possibile trasferirla a Venezia, nel un locale nuovo di mio interesse? Oppure x per forza bisogna avviare una nuova attivita nella città storica


Per subingresso si intende la possibilità di rilevare un’attività già esistente divenendo il nuovo titolare ed intestatario di eventuali autorizzazioni amministrative o licenze o la persona titolata a presentare la segnalazione certificata di inizio attività ed
avviene a seguito di atto tra vivi, quali per trasferimento di proprietà ( compravendita, donazione, fusione), per gestione (affitto d'azienda), o per reintestazione di precedente titolare o per successione (decesso del titolare)

l'attività una volta acquistata potrà essere trasferita in base a quanto previsto dal regolamento del Comune in cui è ubicata

avendo un locale in altro Comune, per aprire la medesima attività bisognerà procedere come nuova apertura sempre in base  quanto previsto dal Suap e dal regolamento in vigore



19
Toscana / Re:COMPETENZA O NON COMPETENZA SUAP????
« il: 05 Luglio 2017, 15:04:56 »
premesso che il D. Lgs. 4 aprile 2010, n. 58, contenente "Attuazione della direttiva 2007/23/CE relativa all'immissione sul mercato di prodotti pirotecnici" definisce:

articolo pirotecnico: qualsiasi articolo contenente sostanze esplosive o una miscela esplosiva di sostanze destinate a produrre un effetto calorifico, luminoso, sonoro, gassoso o fumogeno o una combinazione di tali effetti grazie a reazioni chimiche esotermiche automantenute;

fuoco d'artificio: un articolo pirotecnico destinato a fini di svago.

puoi leggere quanto scritto in questo post http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=27505.0


20
Sardegna / Re:noleggio con conducente - sostituzione mezzo
« il: 03 Luglio 2017, 19:23:32 »
né la Legge n.21/1992, né la L.R. 21/2005 e nemmeno la DGR 37/19- 2015 stabiliscono niente a riguardo rimandando le modalità di svolgimento del servizio al regolamento comunale

Per la sostituzione di autovetture in servizio di noleggio con conducente che abbiano subito guasti, incidenti o furti, che comportano l’interruzione del servizio, l’utilizzo di veicoli sostitutivi, che devono avere le caratteristiche del mezzo da sostituire, può essere solitamente effettuata a condizione che il titolare presenti autocertificazione attestante la presenza del veicolo presso il carrozziere o l’autoriparatore ed il tempo necessario per la riparazione e, in caso di furto, relativa alla denuncia presentata


21
Rumore / Re:ORDINANZA SINDACALE CHIUSURA ATTIVITA'
« il: 03 Luglio 2017, 19:15:43 »
non sussiste l’obbligo di avviso di avvio del procedimento quando l’ordinanza contingibile ed urgente non possa tollerare il previo contraddittorio con l’interessato a pena di svuotamento di quella effettività e particolare rapidità cui la legge preordina l’istituto in questione e di conseguente la compromissione di valori fondamentali quali quello della tutela della salute

vedi sentenza Consiglio di Stato n.05308/2014 https://www.giustizia-amministrativa.it/cdsintra/cdsintra/AmministrazionePortale/DocumentViewer/index.html?ddocname=HN7YFGKFQTTK3O7YB7ETSTZVOA&q=

22
per chi non l'avesse ancora letta segnalo la circolare del ministero dell’interno - dipartimento dei vigili del fuoco n.11464 del 19 giugno 2017 che segue quella qui sotto riportata e che intende fornire chiarimenti di carattere tecnico agli aspetti riferibili alla safety  http://www.vigilfuoco.it/aspx/download_file.aspx?id=23200


23
Polizia locale / Re:Esenzioni cinture sicurezza
« il: 26 Giugno 2017, 21:35:52 »
L’unità sanitaria locale (USL) è diventata azienda dotata di autonomia organizzativa, gestionale, tecnica, amministrativa, patrimoniale e contabile ed ha cambiato il suo nome in AUSL (aziende unità sanitarie locali) oppure in ASL (aziende sanitarie locali)

25
TAXI, NCC / Re:Ncc limiti temporali e territoriali
« il: 24 Giugno 2017, 22:26:34 »
direi che vista la tipologia del mezzo e le esigenze turistiche del territorio probabilmente il Comune ha ritenuto di rilasciare autorizzazioni stagionali

il trasporto può essere effettuato senza limiti territoriali

qualsiasi norma che ponga limiti al libero esercizio del lavoro in qualunque parte del territorio nazionale o che ostacoli in qualsiasi modo la libera circolazione delle persone e delle cose tra le Regioni deve considerarsi illegittima per violazione, in particolare, degli artt. 41 e 120 Cost vedi sentenza T.A.R. Lazio, Roma, Sez. II-ter, 8 aprile 2015, n. 5165 http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=26226.0

26
è lo stesso di cui avevamo parlato qui?
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=32434.0

27
Toscana / Re:Licenza di agibilità ex art. 80 TULPS
« il: 19 Giugno 2017, 15:48:02 »
segnalo la guida alle manifestazioni temporanee realizzata dal gruppo tecnico della regione Friuli Venezia Giulia che cura il portale SUAP IN RETE
https://suap.regione.fvg.it/portale/export/sites/SUAP/allegati/archivio_file/MANIFESTAZIONI-TEMPORANEE_2017.pdf

30
TAXI, NCC / Re:Consulenza
« il: 14 Giugno 2017, 21:29:08 »
Premesso che l’attività di noleggio con conducente è un servizio pubblico non di linea  regolato dalla legge n.21/1992 che definisce le condizioni per l’esercizio, provo a rispondere ad alcune delle tue richieste:
Citazione
1) Nel caso in cui dovessi optare per la figura di titolare di impresa artigiana, cosa s'intende per attività prevalente?

È artigiana l’impresa che abbia per scopo prevalente lo svolgimento di un’attività di produzione di beni o nel tuo caso di prestazioni di servizi in base ai requisiti richiesti dalla L.443/1985
L’iscrizione all’albo delle imprese artigiane è costitutiva per l’impresa ed il servizio di noleggio con conducente esercitato dalla ditta individuale è attività artigiana a tutti gli effetti
Il titolare di un'impresa artigiana può svolgere contemporaneamente anche un’altra attività di tipo commerciale e rimanere iscritto all'Albo purché l'attività artigiana, in termini di tempo-lavoro, sia prevalente rispetto a quella commerciale ed inoltre, l’imprenditore artigiano non può essere dipendente con orario superiore al part-time del 50% dell’orario contrattualmente stabilito
Citazione
3) Su internet ho trovato la seguente scritta: vorrei aprire  una partita iva per svolgere l’attività di noleggio con conducente senza dipendenti. A livello tributario invece bisogna scegliere il regime fiscale.
Chiedo scusa per l'ignoranza, ma cosa s'intende per regime fiscale?

Il regime contabile/fiscale di un’impresa può essere definito come l’insieme di documenti da tenere e le formalità da osservare per essere in regola con il fisco oltre che per il calcolo esatto del risultato d’esercizio, anche ai fini della compilazione del Bilancio e della dichiarazione dei redditi.
I regimi sono diversi, quali ad esempio ordinario e semplificato, di cui sicuramente avrai sentito parlare, ma che un commercialista saprà certamente illustrarti meglio come potrà rispondere alle tue richieste n.2, 4 e 5

P.S. Le domande non sono mai stupide, lo sono talvolta le risposte 😊


Pagine: [1] 2