Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Ciao,
vorrei chiederti se la tua risposta è stata argomentata seguendo i concetti elencati al di sotto delle domande o se hai risposto in maniera schematica come da te riportato sopra.
2
Buonasera,
mi trovo in questa situazione: il signor X a seguito contratto d'affitto di ramo d'azienda ha comunicato subingresso per l'esercizio di commercio su area pubblica con posteggio nel ns mercato.
La verifica dei requisiti morali ha rilevato la presenza di un reato ostativo: sentenza irrevocabile del 2018 per lesione personale (articolo 582 comma 1 CP).

La Regione Piemonte prevede, a seguito trasferimento in gestione dell'azienda commerciale, la variazione della titolarità dell'autorizzazione; allo stato attuale l'autorizzazione non è stata rilasciata a nome del subentrante (signor X).

Si chiede quale provvedimento occorra adottare nei confronti del soggetto X e se il proprietario abbia titolo alla reintestazione dell'autorizzazione per la ripresa dell'attività sul mercato.

Si chiede altresì se debba essere fatta comunicazione del reato ostativo agli altri Comuni sede di posteggio a ns conoscenza in quanto indicati nel contratto d'affitto.

Grazie e buon lavoro
3
Decalogo del ….. diritto penale e processo + reati propri (24/09/2020)



https://youtu.be/_S4U4Butd_c
4
Estetica / parrucchiera e evento con estetista
« Ultimo post da ROSALBA il Oggi alle 17:44:53 »
Buonasera,
chiedevo un vostro consiglio mi ha contattato una parrucchiera che vuole fare un evento o forse meglio una "promozione"  alle sue clienti. Ha individuato due date dove fara' un pacchetto per le clienti di taglio piega e mani (a questo proposito non essendo un estetista si avvarrà' di una estetista che ha un negozio in un altro comune) l'accordo tra le due e' che il cliente paga interamente alla parrucchiera e a fine serata l'estetista farà' poi fattura a quest'ultima del suo ricavato (cosi me l'hanno spiegata e dice che il commercialista abbia detto che si puo' fare) .
Chiedevo se necessita ai fini del suap fare come procedura l'affitto di poltrona dove mi andrà' a specificare in questo caso le due date o necessita un altra procedura?
GRazie infinite
 
5
Grazie infinite, tutto chiaro
6
Piemonte / arrotino itinerante
« Ultimo post da Adri il Oggi alle 16:45:16 »
Buongiorno,
come è inquadrabile l'attività dell'arrotino itinerante che utilizza mola elettrica su veicolo e come è disciplinato? grazie
7
Credo proprio che sia l'annullamento d'ufficio come quando c'è la trasmissione di una SCIA non conformabile per carenza di requisiti, ma meglio attendere la risposta dei docenti, scusami ma in quale bando di concorso hai trovato questa traccia? Nei Servizi Sociali? Non è un atto usuale per Istruttore Amministrativo
8
Polizia locale / privata dimora/domicilio in luogo illecitamente occupato
« Ultimo post da Adri il Oggi alle 16:12:50 »
Buongiorno a tutti,
esistono giuridicamente tutele reali nei confronti di persone senza fissa dimora che 'dimorano' appunto in luoghi di fortuna, come baracche ovviamente abusive (su suolo pubblico o privato occupato senza averne titolo) o su veicoli insistenti su suolo pubblico, relativamente ai concetti di domicilio o privata dimora? mi riferisco ad esempio alla rivendicazione del diritto a dimorarvi od alla proprietà dei beni ivi contenuti...grazie
9
Salve a tutti, ho un dubbio in merito alla risoluzione della seguente traccia: "Tizio ha ricevuto un contributo come forma di sostegno allo stato di povertà in cui afferma di trovarsi. Da verifiche a campione emerge che la dichiarazione sul reddito assunta a presupposto della concessione del contributo è risultata falsa, come da condanna per falso ideologico passata in giudicato. Il candidato individui e rediga il provvedimento da assumere al caso di specie." 
Chiedo se siamo nel campo della revoca o dell' annullamento d' ufficio. Grazie
10
Salve, avrei necessità di un consulto circa il possesso dei requisiti di un acconciatore.
Dichiara di essere in possesso dei  requisiti professionali ai sensi della Legge 161/1963, per aver prestato  “la propria opera professionale qualificata presso un’impresa di barbiere o di parrucchiere per signora o affine, iscritta in un albo provinciale delle imprese artigiane”, dal 01/11/1992 al 31/12/1998, inquadrato come operaio mansione parrucchiere 3 livello; dal 01/01/1999 al 31/12/2015 come coadiuvante dell’impresa artigiana familiare 2 livello.  Dal 01/01/2016 è titolare dell’azienda.
Non risulta però rilasciata  alcuna certificazione della Commissione Provinciale per l’Artigianato.
 Ho richiesto  pertanto gli estremi dell’esame tecnico pratico di cui alla L.174/2005, ma lui sostiene di non dover superare l’esame in quanto ha maturato i requisiti sulla base della normativa previgente.
Posso considerarlo in possesso dei requisiti professionali? Grazie.

Pagine: [1] 2 3 ... 10