Post recenti

Pagine: [1] 2 3 ... 10
1
Si,la materia è delicata,in ogni caso dovrà esprimere un provvedimento espresso e motivato no? Cosa si intende per "informazioni riservate non costituenti reato??
2
Regole generali sulle procedure amministrative vogliono che il privato debba essere informato con la comunicazione di avvio procedimento. Lì sono indicati i termini delle varie fasi procedurali. Nel nostro caso la legge regionale potrebbe anche essere letta in modo “cattivo”: il comune fa la verifica, poco prima della scadenza dei 180 gg (30 gg prima), emette una comunicazione di avvio procedimento ai fini della decadenza del titolo. La legge non prevede una procedura complessa per la quale il comune deve prima avvertire entro tot giorni e poi procedere.
Detto questo, la buona prassi e le regole del legittimo affidamento che sottendono l’attività amministrativa, vogliono che sia migliore per tutti, emettere quanto prima una comunicazione di avvio procedimento, meglio entro 5 giorni dagli esiti, del tipo:

...ai sensi della LR è stata verificata negativamente la sua posizione contributiva in data xxxxxx. La stessa legge prevede che decorsi 180 gg dalla verifica negativa senza che sia avvenuta la regolarizzazione nei modi di legge (versamento del debito, approvazione rateizzazione ecc), la sua abilitazione sarà sottoposta a decadenza. Questa PA provvederà a nuova verifica decorsi 180 dalla stessa data xxxx. In caso di esito ancora negativo sarà emesso un provvedimento di decadenza
3
la risposta è sì

LR n. 67/1993

Art. 3 - Ruolo dei conducenti dei veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea

1. Secondo il disposto di cui all’art. 6 della legge 15 gennaio 1992 n. 21, è istituito, presso ogni camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura, il ruolo dei conducenti di veicoli o natanti adibiti ad autoservizi pubblici non di linea.
2. Il ruolo è articolato nelle seguenti sezioni:
a) conducenti di autovettura e motocarrozzetta;
b) conducenti di natanti;
c) conducenti di veicoli a trazione animale.
c bis) conducenti di velocipedi.
3. È ammessa l’iscrizione nei ruoli di più province, nonché in più sezioni del ruolo nella medesima provincia.
4. L’iscrizione a ciascuna sezione del ruolo è subordinata al pagamento di un diritto fisso per spese di segreteria di euro 51,65 a favore della Regione Toscana.
5. L’iscrizione nel ruolo provinciale abilita a concorrere, in tutti i comuni del territorio della provincia, per il rilascio di licenze e di autorizzazioni per veicoli e natanti corrispondenti alla sezione di appartenenza.


Art. 8 - Domanda di iscrizione al ruolo
1. Per l’iscrizione nel ruolo l’interessato deve presentare domanda scritta rivolta alla Commissione regionale per la formazione e la conservazione dei ruoli, specificando la provincia e la sezione del ruolo in cui chiede di essere iscritto
4
Il ruolo è diviso per province quindi le domande "tecniche" sono sulla provincia di riferimento. Quando uno si segna per sostenere l'esame lo fa per una specifica provincia (oppure ne sceglie più di una) quindi non dovrebbe trovare le domanda specifiche per altre province rispetto a quelle scelte
5
Grazie mille,anch'io ero della stessa linea di concezione,però,al contempo, mi chiedo,se' il dipendente non è residente in quel territorio,quali criteri e verifiche amministrative può/deve mettere in atto il prefetto,al fine di verificare il possesso dei requisiti soggettivi previsti dal dlgs 65/86,verifica nuovamente il  casellario giudiziario presso la procura/questura ove risiede il dipendente,oppure si attesta l'assenza di impedimenti soggettivi effettuati gia da parte dell ente locale??Che chiede(nella persona del Sindaco) tale qualifica per il proprio dipendente,per il rilascio della qualità di agente di pubblica sicurezza per i vigili urbani? 🤔

Discrezionalità è ampia, casellario, carichi pendenti, informazioni riservate non costituenti reato ... richiesta di attestazione dal Comune ecc...

In questa materia vi è amplissima discrezionalità ... GIUSTAMENTE
6
Grazie della risposta come sempre chiarificatrice,

siccome è compilato il campo "Ubicazione del magazzino" con dati di residenza e  catastali

secondo lei la scia in questione va smistata anche all'ufficio edilizia privata, i quali mi segnaleranno se è stata certificata o meno l'agibilità?

la destinazione d'uso sarà credo abitativa, avendo indicato l'indirizzo di residenza uguale a quello di magazzino in abitazione di tipo A04 abitazione di tipo popolare

L'ubicazione del magazzino è facoltativa e eventuale.
Ovviamente se la indicano puoi inviare a ufficio edilizia. Se corrisponde alla abitazione c'è da capire se si tratta di vero deposito (INCOMPATIBILE con la civile abitazione) o ha solo indicato che il prodotto che vende e viene ordinato se lo fa spedire a casa, a quel punto non ci sono problemi.

TENDENZIALMENTE non puoi fare in questa fase verifiche ispettive, manda pure a ufficio tecnico e polizia locale e archivia ... fintanto che non avrai eventuali segnalazioni.
7
Articolo 127 comma 1 lett. e)della legge regionale 62/2018: i centottanta giorni per la decadenza  decorrono dall'esito negativo della verifica di regolarità contributiva. Quindi da quale data? Da quella in cui ci arriva la risposta sul portale?  Tuttavia  l'avvio di procedimento e la  notifica avranno data per forza successive a quella della comunicazione di mancanza di regolarità, anche di molto nel caso l'interessato non venga rintracciato. In altre parole l'interessato verrà a conoscenza della possibilità di decadenza e dei termini per regolarizzarsi quando già i centottanta giorni avranno cominciato a decorrere. Di solito la decorrenza di un provvedimento è dal giorno della notifica ma in questo caso non mi pare possibile seguire questa linea. E' giusta l'interpretazione? Se si, nell'avvio di procedimento va indicato comunque il termine finale (quindi immagino il centottantesimo giorno)entro il quale l'interessato deve comunicare l'avvenuta regolarizzazione oppure entro il quale deve consegnare la rateizzazione approvata dall'INPS?
8
Grazie mille,anch'io ero della stessa linea di concezione,però,al contempo, mi chiedo,se' il dipendente non è residente in quel territorio,quali criteri e verifiche amministrative può/deve mettere in atto il prefetto,al fine di verificare il possesso dei requisiti soggettivi previsti dal dlgs 65/86,verifica nuovamente il  casellario giudiziario presso la procura/questura ove risiede il dipendente,oppure si attesta l'assenza di impedimenti soggettivi effettuati gia da parte dell ente locale??Che chiede(nella persona del Sindaco) tale qualifica per il proprio dipendente,per il rilascio della qualità di agente di pubblica sicurezza per i vigili urbani? 🤔
9
Chiedi agli esperti (servizio gratuito) / Re:vendita al domicilio del consumatore
« Ultimo post da elena5001 il 16 Novembre 2019, 09:04:54 »
Grazie della risposta come sempre chiarificatrice,

siccome è compilato il campo "Ubicazione del magazzino" con dati di residenza e  catastali

secondo lei la scia in questione va smistata anche all'ufficio edilizia privata, i quali mi segnaleranno se è stata certificata o meno l'agibilità?

la destinazione d'uso sarà credo abitativa, avendo indicato l'indirizzo di residenza uguale a quello di magazzino in abitazione di tipo A04 abitazione di tipo popolare 
10
Una volta superato l'esame di iscrizione al ruolo conducente taxi ncc, se cambio provincia in Toscana devo rifare l'esame di toponomastica?
Pagine: [1] 2 3 ... 10