Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Segui le nostre iniziative di formazione in aula, online o scarica il catalogo dei nostri corsi di formazione su http://www.omniavis.it

Autore Topic: APERTURA BIRRIFICIO ARTIGIANALE  (Letto 420 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.777
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 09 Ottobre 2018, 16:49:46
Buongiorno,
una società in Sardegna ha idea di avviare un Birrificio artigianale acquistando la materia prima -orzo-da un terzo per la produzione di malto/farine all'interno del birrificio, finalizzate all'imbottigliamento e alla vendita della birra come prodotto finale.
L'eccedenza di malto e farine verrebbe poi venduta a terzi (pasticcerie, biscottifici e simili),  è prevista in tal caso  un'autorizzazione a parte rispetto alla vendita di birra? vi chiedo intanto sei sia una pratica a zero giorni, visto che lo stabilimento di produzione  sarebbe un capannone in campagna che penso debba possedere requisiti adeguati (CPI?).
E' commercio all'ingrosso (? ) Sono necessarie Dichiarazioni di conformità per gli impianti utilizzati e l'impatto ambientale? requisiti professionali? (ho visto che la Regione Sardegna ha previsto un corso di qualificazione Birraio Artigiano).Quali sono gli endoprocedimenti da attivare , oltre alla ASL e Agenzia Dogane?
Grazie infinite per la risposta che vorrete fornirmi.

Vendendo anche a altri operatori commerciali occorre verificare se si rientra nel regolamento 853/2004.
Altrimenti:
- commercio ingrosso
- notifica art. 67 dlgs 81/2008 (se ha più di 3 addetti)
- non mi risultano necessari requisiti specifici
Il disegno di legge http://consiglio.regione.sardegna.it/xvlegislatura/Disegni%20e%20proposte%20di%20legge/PL505.asp non risulta approvato


Offline Marim

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 16
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 09 Ottobre 2018, 10:49:17
Buongiorno,
una società in Sardegna ha idea di avviare un Birrificio artigianale acquistando la materia prima -orzo-da un terzo per la produzione di malto/farine all'interno del birrificio, finalizzate all'imbottigliamento e alla vendita della birra come prodotto finale.
L'eccedenza di malto e farine verrebbe poi venduta a terzi (pasticcerie, biscottifici e simili),  è prevista in tal caso  un'autorizzazione a parte rispetto alla vendita di birra? vi chiedo intanto sei sia una pratica a zero giorni, visto che lo stabilimento di produzione  sarebbe un capannone in campagna che penso debba possedere requisiti adeguati (CPI?).
E' commercio all'ingrosso (? ) Sono necessarie Dichiarazioni di conformità per gli impianti utilizzati e l'impatto ambientale? requisiti professionali? (ho visto che la Regione Sardegna ha previsto un corso di qualificazione Birraio Artigiano).Quali sono gli endoprocedimenti da attivare , oltre alla ASL e Agenzia Dogane?
Grazie infinite per la risposta che vorrete fornirmi.