Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Assistiamo imprese, professionisti e Pubbliche Amministrazioni nella gestione di criticità e per approfondimenti normativi. Contattaci 0556236286

Autore Topic: frantoio subentro  (Letto 193 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.777
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 03 Marzo 2019, 06:16:51
Buonasera
Il proprietario di un frantoio oleario, è morto ed ha lasciato ad uno dei tre figli l'attività del frantoio.

Il figlio è insegnante ( non agricoltore come il padre) ed intende continuare l'attività in forma imprenditoriale - assumendo due operai -.

L'attività consisterà nella sola molitura delle olive, raccolte da piccoli proprietari locali, si svolgerà per due mesi l'anno (ottobre e novembre)  e non verrà effettuato ne imbottigliamento nè vendita di olio.

Il commercialista ritiene che l'unico adempimento comunale sia la notifica sanitaria di subentro ai sensi del Reg.Ce 852/2004.

domande:
il commercialista ha ragione?

il solo processo di estrazione dell'olio di oliva è una attività di tipo industriale?
 
la comunicazione di subentro va fatta anche per l'AUA?

occorre un piano di sicurezza dei locali( in precedenza l'attività aveva una caratterizzazione di attività agricola a conduzione familiare ultracinquantennale)?
grazie per i chiarimenti

I quesiti posti NON sono i più rilevanti. Certamente sotto il profilo amministrativo occorre ben poco se non il subentro nella sanitaria e nelle altre autorizzazioni (scarichi, spandimento ecc...).
Il problema è diverso: il figlio se subentra deve farlo come OPERATORE PROFESSIONALE, quindi aprire una IMPRESA o individuale o collettiva (società) e lì si pongono i vari problemi (compatibilità con altra attività lavorativa, iscrizione in cciaa ecc...).
Problemi che non riguardano il SUAP direttamente ... ma che deve considerare.

il commercialista ha ragione?
Vedi sopra, analizzi bene il problema di natura commerciale

il solo processo di estrazione dell'olio di oliva è una attività di tipo industriale?
Di regola sì, ma qui il problema non si pone in modo diverso da come si poneva per il padre
 
la comunicazione di subentro va fatta anche per l'AUA?
non esiste il subentro nell'aua ma suggerisco comunicazione

occorre un piano di sicurezza dei locali( in precedenza l'attività aveva una caratterizzazione di attività agricola a conduzione familiare ultracinquantennale)?
Ovviamente dovranno verificare le norme del dlgs 81/2008 avendo dipendenti, ma non diversamente da quanto veniva fatto prima.
Probabilmente andrà aggiornata la documentazione


Offline salvy

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 252
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #1 il: 02 Marzo 2019, 17:56:55
Buonasera
Il proprietario di un frantoio oleario, è morto ed ha lasciato ad uno dei tre figli l'attività del frantoio.

Il figlio è insegnante ( non agricoltore come il padre) ed intende continuare l'attività in forma imprenditoriale - assumendo due operai -.

L'attività consisterà nella sola molitura delle olive, raccolte da piccoli proprietari locali, si svolgerà per due mesi l'anno (ottobre e novembre)  e non verrà effettuato ne imbottigliamento nè vendita di olio.

Il commercialista ritiene che l'unico adempimento comunale sia la notifica sanitaria di subentro ai sensi del Reg.Ce 852/2004.

domande:
il commercialista ha ragione?

il solo processo di estrazione dell'olio di oliva è una attività di tipo industriale?
 
la comunicazione di subentro va fatta anche per l'AUA?

occorre un piano di sicurezza dei locali( in precedenza l'attività aveva una caratterizzazione di attività agricola a conduzione familiare ultracinquantennale)?
grazie per i chiarimenti