Autore Topic: DM 37/08 art 6.3  (Letto 2501 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 20.401
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:DM 37/08 art 6.3
« Risposta #2 il: 03 Giugno 2014, 16:05:40 »
Al comma 3 dell'art. 6 del DM 37/08  si parla di impianti ante 1990 in unità immobiliari ad uso abitativo. per unità immobiliari si intendono i singoli appartamenti o  con tale dizione si intende anche un fabbricato che risulta composto da unità immobiliari?
.

Unità Immobiliare Urbana
Descrizione e contenuti nel linguaggio tecnico del Catasto e della Conservatoria della parola "Unità Immobiliare Urbana"

Unità Immobiliare Urbana

Fabbricato o porzione di esso, che presenta caratteristiche di autonomia funzionale ed in grado di produrre reddito da sola, sia stabilmente fissa al suolo, anche se galleggiante o sospesa o semplicemente appoggiata, come ad esempio i prefabbricati, ma stabilmente collegata alla terra ferma, di qualsiasi materiale sia essa costruita,  a condizione che risultino verificate le condizioni funzionalità e reddito autonomi.
Sono quindi considerate unità immobiliari urbani tutti i manufatti che siano stabili nel tempo e presentino autonomia nel produrre del reddito.

Per fare una serie di esempi, si definiscono unità immobiliari urbane, gli appartamenti, i box auto, botteghe, depositi ecc., tutte quelle unità in pratica che siano possibile cedere ad esempio in affitto singolarmente ed in autonomia.

Non sono di conseguenza unità immobiliari urbane quelle porzioni non in grado di essere autonome, che non hanno ingresso diretto dalle parti comuni (BCNC), servizi privati ecc. Per fare un esempio una camera sola di appartamento, non può considerarsi unità immobiliare urbana, perchè non ha ingresso autonomo, servizi e cucina esclusivi.

In catasto, tutte le unità immobiliari urbane, sono censite ed individuate al catasto fabbricati con degli identificativi catastali, costituiti necessariamente dal foglio e dalla particella, se il fabbricato poi e suddiviso in più porzioni comprenderà anche il subalterno.

*****************************

Ai sensi dell'art. 40 del d.p.r. n. 1142/49 si accerta come distinta unita' immobiliare urbana ogni fabbricato, o porzione di fabbricato od insieme di fabbricati che appartenga allo stesso proprietario e che, nello stato in cui si trova, rappresenta, secondo l'uso locale, un cespite indipendente.

Il cespite, secondo la comune definizione, è una fonte di reddito di una persona.
 
In sostanza sebbene, spesso, nel linguaggio comune si usi unità immobiliare come sinonimo di appartamento a livello tecnico essa può essere rappresentata anche da un box auto, da una cantina e da ogni altro fabbricato che possa configurasi come autonoma fonte di reddito.

Forum del Portale Omniavis.it

Re:DM 37/08 art 6.3
« Risposta #2 il: 03 Giugno 2014, 16:05:40 »

 


manlio balatresi

  • Visitatore
DM 37/08 art 6.3
« Risposta #1 il: 03 Giugno 2014, 08:44:38 »
Al comma 3 dell'art. 6 del DM 37/08  si parla di impianti ante 1990 in unità immobiliari ad uso abitativo. per unità immobiliari si intendono i singoli appartamenti o  con tale dizione si intende anche un fabbricato che risulta composto da unità immobiliari?