Autore Topic: LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI  (Letto 4260 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline alessandropusceddu

  • Esperto
  • ***
  • Post: 128
  • Karma: +10/-0
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #6 il: 27 Dicembre 2016, 17:17:52 »
Oltre a quanto detto nel dettaglio da Simone, considerato che scrivi dalla Sardegna, aggiungo solo che l'articolo 33 della nostra legge sulla disciplina delle attiivtà commerciali prevede che la chiusura temporanea degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico è comunicata al comune, se di durata superiore a trenta giorni consecutivi... la disposizione lascia il tempo che trova, come spesso accade per le nostre leggi regionali, considerato che per la relativa inosservanza non è tra l'altro prevista alcuna sanzione!!

Forum del Portale Omniavis.it

Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #6 il: 27 Dicembre 2016, 17:17:52 »

 


Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 27.396
  • Karma: +62/-6
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #5 il: 24 Dicembre 2016, 07:00:32 »
Orari esercizi somministrazione LIBERALIZZATI con alcuni vincoli Ris. 294246

Ministero dello Sviluppo Economico

- permane l’obbligo per gli esercenti di comunicare preventivamente al comune l’orario adottato e di renderlo noto al pubblico con l’esposizione di apposito cartello, ben visibile
- le disposizioni sulle liberalizzazioni degli orari non si applicano agli esercizi di cui all’articolo 3, comma 6, della citata legge n. 287 del 1991
- permane l’obbligo, per gli esercenti, di rendere noti i turni al pubblico mediante l’esposizione, con anticipo di almeno venti giorni, di un apposito cartello ben visibile. Il sindaco, infatti, al fine di assicurare all’utenza, specie nei mesi estivi, idonei livelli di servizio, può predisporre programmi di apertura per turno degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande.


http://buff.ly/2hlHC67

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 15.995
  • Karma: +212/-11
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #4 il: 19 Dicembre 2014, 15:59:19 »
AVENDO CONSTATATO CHE L'ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA E'  LIBERALIZZATO , CHE COMUNQUE PERMANE L'OBBLIGO DI PUBBLICIZZARLO CON ESPOSIZIONE AL PUBBLICO, RESTA DA CHIARIRE LA QUESTIONE DEL GIORNO DI CHIUSURA SETTIMANALE. LA DOMANDA E'  QUESTA: L'ESERCENTE PUO' DECIDERE A SUO PIACIMENTO DI APRIRE E CHIUDERE QUANDO E COME VUOLE ?? CREDO CHE IL LIBERO ARBITRIO NON SIA CONSENTITO; PERCIO'  VORREI SAPERE COME POLIZIA LOCALE COME DOVRA'  AVVENIRE IL CONTROLLO ED EVENTUALMENTE L'AZIONE SANZIONATORIA

NON ESISTE più il giorno di chiusura obbligatoria.
L'esercente è LIBERO di scegliere se aprire H24x7 cioè 7 giorni su 2 per 24 ore (limite MASSIMO) oppure aprire 1 giorno lì'anno (limite MINIMO) o una qualunque soluzione intermedia.
Inoltre è LIBERISSIMO di scegliere se chiudere una o più volte la settimana (es. mercoledì pomeriggio) scegliendo anche se CAMBIARE tale giorno anche da una settimana all'altra.

il solo obbligo è la esposizione all'esterno del locale degli orari/giorni.

Legge regionale 18 maggio 2006, n. 5
Disciplina generale delle attività commerciali.

Art. 32 - Orari degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande
1. Gli orari di apertura e di chiusura al pubblico degli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande aperti al pubblico sono rimessi alla libera determinazione degli esercenti entro i limiti minimi e massimi stabiliti dal comune.
2. Gli esercenti devono rispettare l’orario prescelto e devono pubblicizzarlo mediante l’esposizione di appositi cartelli all’interno e all’esterno dell’esercizio.

***************

Il riferimento "entro i limiti minimi e massimi stabiliti dal comune" non è più applicabile

***************

La liberalizzazione degli orari è contenuta in questa disposizione:

DECRETO-LEGGE 4 luglio 2006, n. 223
Disposizioni urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la razionalizzazione della spesa pubblica, nonche' interventi in materia di entrate e di contrasto all'evasione fiscale. (GU n.153 del 4-7-2006 )

         Art. 3
Regole di tutela della concorrenza nel  settore  della  distribuzione
                             commerciale
 
  1. Ai sensi  delle  disposizioni  dell'ordinamento  comunitario  in
materia di tutela della concorrenza e libera circolazione delle merci
e dei servizi ed al fine di  garantire  la  liberta'  di  concorrenza
secondo condizioni di pari opportunita' ed il  corretto  ed  uniforme
funzionamento del  mercato,  nonche'  di  assicurare  ai  consumatori
finali un livello minimo ed uniforme di condizioni di  accessibilita'
all'acquisto di prodotti e servizi sul territorio nazionale, ai sensi
dell'articolo  117,  comma  secondo,  lettere   e)   ed   m),   della
Costituzione, le attivita' commerciali, come individuate dal  decreto
legislativo 31 marzo 1998, n. 114, e di somministrazione di  alimenti
e bevande sono svolte senza i seguenti limiti e prescrizioni:
    a)  l'iscrizione  a  registri  abilitanti  ovvero   possesso   di
requisiti  professionali  soggettivi  per  l'esercizio  di  attivita'
commerciali, fatti salvi quelli riguardanti il settore  alimentare  e
della somministrazione degli alimenti e delle bevande;
    b) il rispetto di  distanze  minime  obbligatorie  tra  attivita'
commerciali appartenenti alla medesima tipologia di esercizio;
    c)  le  limitazioni  quantitative  all'assortimento  merceologico
offerto negli esercizi commerciali, fatta salva  la  distinzione  tra
settore alimentare e non alimentare;
    d) il rispetto di limiti riferiti a quote di mercato  predefinite
o calcolate sul volume  delle  vendite  a  livello  territoriale  sub
regionale;
    d-bis), ((. . .)), il rispetto  degli  orari  di  apertura  e  di
chiusura, l'obbligo della  chiusura  domenicale  e  festiva,  nonche'
quello   della   mezza   giornata   di   chiusura    infrasettimanale
dell'esercizio ((. . .));

    e) la fissazione di divieti ad effettuare vendite promozionali, a
meno che non siano prescritti dal diritto comunitario;
    f) l'ottenimento di autorizzazioni preventive e le limitazioni di
ordine  temporale  o  quantitativo  allo   svolgimento   di   vendite
promozionali  di  prodotti,  effettuate  all'interno  degli  esercizi
commerciali, tranne che nei periodi immediatamente precedenti i saldi
di fine stagione per i medesimi prodotti;
  f-bis) il divieto o l'ottenimento di autorizzazioni preventive  per
il consumo immediato dei prodotti di gastronomia  presso  l'esercizio
di vicinato, utilizzando i  locali  e  gli  arredi  dell'azienda  con
l'esclusione  del  servizio  assistito  di  somministrazione  e   con
l'osservanza delle prescrizioni igienico-sanitarie.
  2. Sono fatte salve le disposizioni  che  disciplinano  le  vendite
sottocosto e i saldi di fine stagione.
  3. A decorrere dalla data di entrata in vigore del presente decreto
sono abrogate le disposizioni legislative e regolamentari statali  di
disciplina del settore della distribuzione commerciale  incompatibili
con le disposizioni di cui al comma 1.
  4. Le regioni e gli enti locali adeguano  le  proprie  disposizioni
legislative e regolamentari ai principi e alle disposizioni di cui al
comma 1 entro il 1° gennaio 2007.
* * * * *
Dott. Simone Chiarelli - collaboratore OV
* * * * *
******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
http://buff.ly/254YT2F - http://buff.ly/254YIV4 - http://buff.ly/1TKy2B3 - http://buff.ly/1YHPD0G
http://buff.ly/1XE4T0e - http://buff.ly/1OD3y2q - http://buff.ly/1OD3VK4 - https://telegram.me/omniavis

Offline giuseppe atzori

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #3 il: 19 Dicembre 2014, 08:50:12 »
AVENDO CONSTATATO CHE L'ORARIO DI APERTURA E CHIUSURA E'  LIBERALIZZATO , CHE COMUNQUE PERMANE L'OBBLIGO DI PUBBLICIZZARLO CON ESPOSIZIONE AL PUBBLICO, RESTA DA CHIARIRE LA QUESTIONE DEL GIORNO DI CHIUSURA SETTIMANALE. LA DOMANDA E'  QUESTA: L'ESERCENTE PUO' DECIDERE A SUO PIACIMENTO DI APRIRE E CHIUDERE QUANDO E COME VUOLE ?? CREDO CHE IL LIBERO ARBITRIO NON SIA CONSENTITO; PERCIO'  VORREI SAPERE COME POLIZIA LOCALE COME DOVRA'  AVVENIRE IL CONTROLLO ED EVENTUALMENTE L'AZIONE SANZIONATORIA
« Ultima modifica: 19 Dicembre 2014, 08:52:44 da giuseppe atzori »

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 15.995
  • Karma: +212/-11
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Re:LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #2 il: 18 Dicembre 2014, 20:34:45 »
LEGGENDO I VARI COMMENTI SU QUESTO FORUM IN RELAZIONE ALLA LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI SUI PUBBLICI ESERCIZI -- MI SONO RESO CONTO CHE L' ORDINANZA IN DOTAZIONE NEL NOSTRO COMUNE CHE LIMITAVA L'APERTURA E LA CHIUSURA DEL PUBBLICO ESERCIZIO E'  ABROGATA. VI CHIEDO DI CHIARIRMI LA QUESTIONE RELATIVA ALL'OBBLIGO DELLA PUBBLICIZZAZIONE DEGLI STESSI ORARI A CARICO DEGLI ESERCENTI PREVISTA NELLA VECCHIA NORMATIVA. ALLO STATO TALE OBBLIGO ESISTE OPPURE E'  LIBERALIZZATA  ANCHE QUESTA MODALITA' DI INFORMARE L'UTENTE ? -- SE CIO' FOSSE VERO MI CHIEDO  QUALE STRUMENTO ABBIAMO MINIMO PER EVITARE CHE CHIUNQUE ESERCENTE POSSA ESAGERARE , PASSANDO COSI ' DA UN ESTREMO ALL'ALTRO -- INOLTRE QUALE TUTELA RESTA IN CAPO AL COMUNE IN RIFERIMENTO AL PROBLEMA DEL DISTURBO DELLA QUIETE PUBBLICA E DEL DECORO URBANO ? RINGRAZIO E SALUTO CORDIALMENTE

Molto sinteticamente (per approfondimenti usa il motore di ricerca e scrivi ORARI, trovi molto materiale)

1) ordinanza confermo che è abrogata
2) rimane obbligo di ESPOSIZIONE all'esterno del locale dell'orario prescelto
3) non esiste obbligo di comunicazione al Comune
4) il Comune può intervenire SOLO per SINGOLI ESERCIZI per limitare orario se vi sono ragioni di pubblico interesse accertati (es. superamento dei limiti acustici) con provvedimento sindacale puntuale


Vedi anche:
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=6007.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=3727.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=4698.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=2412.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=16074.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=13916.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=13401.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=20297.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=23007.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=15788.0
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=3359.0
* * * * *
Dott. Simone Chiarelli - collaboratore OV
* * * * *
******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
http://buff.ly/254YT2F - http://buff.ly/254YIV4 - http://buff.ly/1TKy2B3 - http://buff.ly/1YHPD0G
http://buff.ly/1XE4T0e - http://buff.ly/1OD3y2q - http://buff.ly/1OD3VK4 - https://telegram.me/omniavis

Offline giuseppe atzori

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
LIBERALIZZAZIONE ORARI PUBBLICI ESERCIZI
« Risposta #1 il: 18 Dicembre 2014, 15:58:36 »
LEGGENDO I VARI COMMENTI SU QUESTO FORUM IN RELAZIONE ALLA LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI SUI PUBBLICI ESERCIZI -- MI SONO RESO CONTO CHE L' ORDINANZA IN DOTAZIONE NEL NOSTRO COMUNE CHE LIMITAVA L'APERTURA E LA CHIUSURA DEL PUBBLICO ESERCIZIO E'  ABROGATA. VI CHIEDO DI CHIARIRMI LA QUESTIONE RELATIVA ALL'OBBLIGO DELLA PUBBLICIZZAZIONE DEGLI STESSI ORARI A CARICO DEGLI ESERCENTI PREVISTA NELLA VECCHIA NORMATIVA. ALLO STATO TALE OBBLIGO ESISTE OPPURE E'  LIBERALIZZATA  ANCHE QUESTA MODALITA' DI INFORMARE L'UTENTE ? -- SE CIO' FOSSE VERO MI CHIEDO  QUALE STRUMENTO ABBIAMO MINIMO PER EVITARE CHE CHIUNQUE ESERCENTE POSSA ESAGERARE , PASSANDO COSI ' DA UN ESTREMO ALL'ALTRO -- INOLTRE QUALE TUTELA RESTA IN CAPO AL COMUNE IN RIFERIMENTO AL PROBLEMA DEL DISTURBO DELLA QUIETE PUBBLICA E DEL DECORO URBANO ? RINGRAZIO E SALUTO CORDIALMENTE