Autore Topic: professionista e partita iva  (Letto 2878 volte)

0 Utenti e 3 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Chiara1978

  • Esperto
  • ***
  • Post: 73
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:professionista e partita iva
« Risposta #5 il: 28 Novembre 2017, 10:29:01 »
Grazie mille!
Chiara

Forum del Portale Omniavis.it

Re:professionista e partita iva
« Risposta #5 il: 28 Novembre 2017, 10:29:01 »

 


Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 32.879
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • Omniavis.it
    • E-mail
Re:professionista e partita iva
« Risposta #4 il: 28 Novembre 2017, 10:23:59 »
In relazione al medesimo argomento, potreste per cortesia confermarmi che il destinatario di un incarico professionale deve essere necessariamente una persona fisica e non anche una Società, dato che, in quest'ultimo caso, si configurerebbe la prestazione di servizi, e quindi la necessità di seguire la normativa e le procedure relative agli appalti pubblici (nonché di ricorrere a strumenti telematici di acquisto o centrali telematiche di committenza per importi sopra i mille euro)?
Grazie ancora.

La questione è dibattuta ma la TESI PREVALENTE è nel senso che:

INCARICHI PROFESSIONALI: solo a singoli, professionisti, e non imprenditori (ditte individuali) o società. Si applica il dlgs 165/2001 + normativa vincolistica speciale

AFFIDAMENTI DI SERVIZI: a singoli o società. Si applica la disciplina del dlgs 50/2016 con relativi limiti (fino a 1000, fino a 40.000, fino a 209.000 ecc...). Se affidato a singoli prevale comunque l'aspetto organizzativo su quello prestazionale. Se affidato a società è "implicita" la rilevanza dell'aspetto organizzativo.


APPROFONDIMENTI:

http://www.ptpl.altervista.org/dottrina_contributi/2013/dpa_2_2013_incarichi_professionali_consulenze_o_appalto_di_servizi.pdf

https://www.studiocataldi.it/news_giuridiche_asp/news_giuridica_16028.asp

http://progettosegretariocomunale.blogspot.it/p/differenza-appalto-di-servizi-e.html

https://www.diritto.it/incarico-professionale-e-prestazione-di-servizio-la-corte-dei-conti-chiarisce-le-differenze/

http://autonomielocali.regione.fvg.it/aall/opencms/AALL/Servizi/pareri/specifico.jsp?__element=foot&txtidpareri=43950&template=print

http://www.segretaricomunalivighenzi.it/30-07-2016-gli-incarichi-di-consulenza-non-possono-essere-affidati-direttamente-o-in-via-fiduciaria



******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Offline Chiara1978

  • Esperto
  • ***
  • Post: 73
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:professionista e partita iva
« Risposta #3 il: 28 Novembre 2017, 08:26:01 »
In relazione al medesimo argomento, potreste per cortesia confermarmi che il destinatario di un incarico professionale deve essere necessariamente una persona fisica e non anche una Società, dato che, in quest'ultimo caso, si configurerebbe la prestazione di servizi, e quindi la necessità di seguire la normativa e le procedure relative agli appalti pubblici (nonché di ricorrere a strumenti telematici di acquisto o centrali telematiche di committenza per importi sopra i mille euro)?
Grazie ancora.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 32.879
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • Omniavis.it
    • E-mail
Re:professionista e partita iva
« Risposta #2 il: 15 Novembre 2017, 12:12:37 »
Buongiorno,
chiedo cortesemente la seguente delucidazione, al fine di poter utilizzare la corretta terminologia negli atti amministrativi relativi al conferimento di un incarico.
Per poter qualificare un soggetto come "professionista", è necessario che lo stesso sia munito di partita iva?  O posso utilizzare tale terminologia anche per un soggetto che opera attraverso notula e ritenuta d'acconto?
Grazie mille.

L'importante è che tu lo descriva chiaramente se il soggetto ha o meno partita IVA.

PROFESSIONISTA è "Chi esercita una professione intellettuale, liberale, o comunque un'attività per cui occorre un titolo di studio qualificato" ... ci sono professionisti con partita iva ma anche senza partita iva perchè operano in campi esenti o con redditi non imponibili ai fini iva o con regimi particolari.

Gli "incarichi professionali" possono riguardare entrambe le tipologie. Quindi è PREFERIBILE usare il termine "incaricato", generica formulazione che indica il destinatario dell'incarico a prescindere dal regime fiscale.
Ma se anche usi professionista e espliciti che può non essere assoggettato ad iva ... nessun problema.
******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Offline Chiara1978

  • Esperto
  • ***
  • Post: 73
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
professionista e partita iva
« Risposta #1 il: 15 Novembre 2017, 12:03:19 »
Buongiorno,
chiedo cortesemente la seguente delucidazione, al fine di poter utilizzare la corretta terminologia negli atti amministrativi relativi al conferimento di un incarico.
Per poter qualificare un soggetto come "professionista", è necessario che lo stesso sia munito di partita iva?  O posso utilizzare tale terminologia anche per un soggetto che opera attraverso notula e ritenuta d'acconto?
Grazie mille.