Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Assistiamo imprese, professionisti e Pubbliche Amministrazioni nella gestione di criticità e per approfondimenti normativi. Contattaci 0556236286

Autore Topic: Manutenzione  (Letto 874 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline zitello

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 434
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 21 Febbraio 2019, 08:28:56
In piscina c'è l'obbligo di fare la doccia prima di entrare, e io sono uno dei pochi che ubbidisce. Viceversa, molti la fanno dopo usciti, ma non è assolutamente un obbligo. Bastano le quattro acche di analisi logica che si studiano a scuola per saper individuare i soggetti e perciò capire di chi è l'interesse.
Lo stesso vale per la tinteggiatura. Secondo un'usanza diffusa in Piemonte https://www.propit.it/threads/a-chi-spetta-imbiancare-la-casa-proprietario-o-inquilino.2341/ l'inquilino si prende la casa come si trova, SE NON GLI GARBA la dipinge di suo gusto, e poi la lascia al successivo che PUO' fare altrettanto. Lo stesso dovrebbe valere se il proprietario si riprende l'immobile senza affittarlo di nuovo. La tinteggiatura all'inizio serve a chi ci abita, quella alla fine al proprietario. Quindi riguardo la tinteggiatura preventiva è del tutto fuorviante parlare di incombenza, spettanza, carico, competenza ecc. Chi noleggia un veicolo pagherà strisci e ammaccature, ma non ho mai sentito che ridipinga la carrozzeria.
Dichiarare di aver trovato l'immobile a posto significa non reclamare per difetti, mentre per l'impegno a tenerlo in una data condizione occorre un verbale di consegna
E vorrei proprio capire a chi può fregare che durante la locazione all'interno sia pulito https://it.routestofinance.com/tenant-obligations-under-landlord-tenant-law (testo poco chiaro nella terminologia, credo frutto di una traduzione automatica, e non so a quale contesto riferito)
Certo si devono evitare le incrostazioni permanenti, ma se uno mette per terra un foglio di carta stagnola e poi ce la fa sopra, dove sta il danno?
« Ultima modifica: 21 Febbraio 2019, 09:38:57 da zitello »



Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.589
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 06 Febbraio 2018, 11:36:45
Sulla spartizione tra proprietario e inquilino si legge tutto e i contrario di tutto.
A monte del problema: chi decide che qualcosa è da ridipingere?
Se spetta all'inquilino, può scegliere tra arrangiarsi o tenersi la cosa sgarrupata, oppure il proprietario gli può richiedere di farlo?
Se la manutenzione/riparazione spetta all'inquilino e la sostituzione al proprietario, chi decide tra le due?

Ci sono decenni se non centinaia di anni di giurisprudenza sul punto ... io mi affiderei a questo principio:

1) Se il contratto dispone sul punto vince il contratto

2) Se il contratto tace:
- Inquilino fa quel che crede (sta nella casa sgarrupata, se la dipinge di rosa, se la fa viola ecc....)
- il Proprietario (o condominio) può pretendere solo una adeguata manutenzione per le parti a comune o visibili dall'esterno
- a FINE LOCAZIONE l'inquilino RIPRISTINA (cioè ridipinge di bianco le pareti rosa ecc...)


Offline zitello

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 434
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 06 Febbraio 2018, 09:03:20
Sulla spartizione tra proprietario e inquilino si legge tutto e i contrario di tutto.
A monte del problema: chi decide che qualcosa è da ridipingere?
Se spetta all'inquilino, può scegliere tra arrangiarsi o tenersi la cosa sgarrupata, oppure il proprietario gli può richiedere di farlo?
Se la manutenzione/riparazione spetta all'inquilino e la sostituzione al proprietario, chi decide tra le due?