Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Se vuoi far parte del nostro TEAM di esperti e consulenti CHIAMA allo 055 6236286 o SCRIVI a info@omniavis.it inviando il tuo curriculum

Autore Topic: Locazione turistica prima casa (Sardegna)  (Letto 431 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 4.089
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Risposta #7 il: 14 Giugno 2018, 18:42:30
Art. 53 del d.lgs. n. 79/2011
Gli alloggi locati esclusivamente per finalità turistiche, in qualsiasi luogo ubicati, sono regolati dalle disposizioni del codice civile in tema di locazione.

Questo è un principio che vale per tutt'Italia

* * * * *
Dott. Mario Maccantelli - collaboratore OV
* * * * *
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
http://buff.ly/254YT2F - http://buff.ly/254YIV4 - http://buff.ly/1TKy2B3 - http://buff.ly/1YHPD0G
http://buff.ly/1XE4T0e - http://buff.ly/1OD3y2q - http://buff.ly/1OD3VK4 - https://telegram.me/omniavis


Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 29.353
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #6 il: 14 Giugno 2018, 15:10:13
RIBADIAMO: la locazione turistica non p soggetta ad alcuna autorizzazione .... è una forma di contratto!!!!!!!! Quindi una prima casa può essere locata con contratto di locazione turistica senza nessuna limitazione e senza obbligo di svolgere B&B (che è altra e distinta cosa).


Offline sarda79

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #5 il: 14 Giugno 2018, 14:47:29
Non lo vieta, lo permette solo alle seconde case, alle prime non rilasciano autorizzazione senonchè come B&B.



NON ESISTE che un regolamento comunale possa vietare le locazioni brevi nella prima casa.
Potrà esentare dall'imposta di soggiorno ... ma non vietare.
La competenza è esclusivamente statale.

La frase "Mi è stato consigliato di fare una autocertificazione dove specifico le leggi che mi consentono di affittare in tal modo" fa rabbrividire in quanto nel nostro ordinamento è CONSENTITO TUTTO CIO' CHE NON E' VIETATO e spetta al Comune indicare la legge che vieta la locazione turistica nella prima casa .... e visto che non esiste ....

CONSIGLIAMO di consultare un avvocato per sbloccare la situazione ... anche per evitare successivi accertamenti su residenza e IMU (conseguentemente illegittimi) ....



Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 29.353
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #4 il: 14 Giugno 2018, 12:07:30
NON ESISTE che un regolamento comunale possa vietare le locazioni brevi nella prima casa.
Potrà esentare dall'imposta di soggiorno ... ma non vietare.
La competenza è esclusivamente statale.

La frase "Mi è stato consigliato di fare una autocertificazione dove specifico le leggi che mi consentono di affittare in tal modo" fa rabbrividire in quanto nel nostro ordinamento è CONSENTITO TUTTO CIO' CHE NON E' VIETATO e spetta al Comune indicare la legge che vieta la locazione turistica nella prima casa .... e visto che non esiste ....

CONSIGLIAMO di consultare un avvocato per sbloccare la situazione ... anche per evitare successivi accertamenti su residenza e IMU (conseguentemente illegittimi) ....


Offline sarda79

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #3 il: 14 Giugno 2018, 12:04:02
Salve a tutti
ho un quesito da fare.
dispongo di un appartamento (la mia prima casa) che vorrei affittare nei mesi estivi. 
vorrei stipulare un contratto di locazione turistica (con cedolare secca) ma ho dei problemi con quel che riguarda l'invio delle schedine alla questura.
Per poter inviare le schedine (ed essere in regola) devo richiedere un autorizzazione comunale;
PREMETTO nella mia città è in vigore la tassa di soggiorno ma (per regolamento comunale ) danno l'autorizzazione solo per le seconde case quindi io non potrei farla pagare (ma non per colpa mia) Per il comune dovrei per forza aprire un B&B ma non è questo che vorrei fare io.
detto questo  la questura (e anche diverse associazioni)  mi ha detto che per legge posso affittare la mia prima casa devo però farmi protocollare dal comune una autocertificazione scrivendo che legge specifica  :-\mi permette di affittare regolarmente. (loro parlano di affitto di una parte della abitazione di residenza)
Voi sapete che legge mi permette di affittare per brevi periodi (inferiori ai 30 giorni) la mia prima casa? per affittare parte dell'abitazione in locazione turistica?

grazie mille.

Per punti:
1) la locazione turistica può essere fatta per prima, seconda, terza casa ...
2) la Questura SBAGLIA a chiedere una autorizzazione comunale (NON DOVUTA)
3) il Comune sbaglia a non consentire la locazione turistica nella prima casa (NON ESISTE DIVIETO)

A questo punto potresti mandare una comunicazione al Comune e fartela protocollare e consegnarla alla Questura per la registrazione. Se la Questura chiede conferma del Comune convincili che non serve e non è prevista .... se non riesci ... chiedi al Comune che mandino conferma .... se anche questo va male ... AVVOCATO!


purtroppo è stato fatto un regolamento comunale per cui la prima casa non si può affittare per locazioni brevi, sono stata sia al comune che all' ente che gestisce la tassa di soggiorno e secondo loro dovrei o aprire un b&b o spostare la residenza  o pagare l'imu come seconda casa ... Io vorrei semplicemente affittare regolarmente pagare le tasse inviare le schede alla questura e far pagare tassa di soggiorno ma non mi è consentito.
Mi è stato consigliato di fare una autocertificazione dove specifico le leggi che mi consentono di affittare in tal modo  e farlo timbrare dal comune e darlo alla questura  (al posto dell'autorizzazione) per consentire l'invio delle schedine. Non potrei far pagare la tassa di soggiorno ma non sarebbe una mia mancanza ma non me lo consentono.  Inoltre dovrei affittare parzialmente altrimenti mi contestano residenza e IMU.
Sapreste consigliarmi come impostare l'autocertificazione con le leggi giuste? Sempre che il comune lo accetti.
 Grazie



Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 29.353
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 14 Giugno 2018, 11:25:20
Salve a tutti
ho un quesito da fare.
dispongo di un appartamento (la mia prima casa) che vorrei affittare nei mesi estivi. 
vorrei stipulare un contratto di locazione turistica (con cedolare secca) ma ho dei problemi con quel che riguarda l'invio delle schedine alla questura.
Per poter inviare le schedine (ed essere in regola) devo richiedere un autorizzazione comunale;
PREMETTO nella mia città è in vigore la tassa di soggiorno ma (per regolamento comunale ) danno l'autorizzazione solo per le seconde case quindi io non potrei farla pagare (ma non per colpa mia) Per il comune dovrei per forza aprire un B&B ma non è questo che vorrei fare io.
detto questo  la questura (e anche diverse associazioni)  mi ha detto che per legge posso affittare la mia prima casa devo però farmi protocollare dal comune una autocertificazione scrivendo che legge specifica  :-\mi permette di affittare regolarmente. (loro parlano di affitto di una parte della abitazione di residenza)
Voi sapete che legge mi permette di affittare per brevi periodi (inferiori ai 30 giorni) la mia prima casa? per affittare parte dell'abitazione in locazione turistica?

grazie mille.

Per punti:
1) la locazione turistica può essere fatta per prima, seconda, terza casa ...
2) la Questura SBAGLIA a chiedere una autorizzazione comunale (NON DOVUTA)
3) il Comune sbaglia a non consentire la locazione turistica nella prima casa (NON ESISTE DIVIETO)

A questo punto potresti mandare una comunicazione al Comune e fartela protocollare e consegnarla alla Questura per la registrazione. Se la Questura chiede conferma del Comune convincili che non serve e non è prevista .... se non riesci ... chiedi al Comune che mandino conferma .... se anche questo va male ... AVVOCATO!


Offline sarda79

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 13 Giugno 2018, 18:01:36
Salve a tutti
ho un quesito da fare.
dispongo di un appartamento (la mia prima casa) che vorrei affittare nei mesi estivi. 
vorrei stipulare un contratto di locazione turistica (con cedolare secca) ma ho dei problemi con quel che riguarda l'invio delle schedine alla questura.
Per poter inviare le schedine (ed essere in regola) devo richiedere un autorizzazione comunale;
PREMETTO nella mia città è in vigore la tassa di soggiorno ma (per regolamento comunale ) danno l'autorizzazione solo per le seconde case quindi io non potrei farla pagare (ma non per colpa mia) Per il comune dovrei per forza aprire un B&B ma non è questo che vorrei fare io.
detto questo  la questura (e anche diverse associazioni)  mi ha detto che per legge posso affittare la mia prima casa devo però farmi protocollare dal comune una autocertificazione scrivendo che legge specifica  :-\mi permette di affittare regolarmente. (loro parlano di affitto di una parte della abitazione di residenza)
Voi sapete che legge mi permette di affittare per brevi periodi (inferiori ai 30 giorni) la mia prima casa? per affittare parte dell'abitazione in locazione turistica?

grazie mille.