Autore Topic: Sauna in agriturismo: scia per attività di estetica?  (Letto 1208 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.282
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Sauna in agriturismo: scia per attività di estetica?
« Risposta #2 il: 25 Luglio 2018, 21:45:39 »
Affronto la questione da due punti di vista.

Il primo:

Il centro benessere/bagno turco/suana non è un’attività agrituristica, questo è pacifico. L’agriturismo prevede la possibilità dell’esercizio delle attività ricreative e, in questa accezione, potrebbe essere quasi ricompresa la fattispecie, tuttavia anche le attività ricreative devono essere riferite al mondo rurale. Quindi se l’attività producesse reddito, questo non sarebbe un reddito “agrituristico-agricolo”.
Per contro, posso affermare che la messa a disposizione della sauna ai clienti in modo gratuito al pari di quello che può essere la piscina, non configurerebbe un’attività extra agricola ma solo un confort annesso ai locali. In questo caso non vedo impedimenti.
Da un punto di vista edilizio / urbanistico la pochezza della superficie potrebbe risultare irrilevante. Sul punto specifico, però, lascio la parola alle disposizioni specifiche della regolamentazione comunale sul governo del territorio.

Il secondo:

Posso affermare che la Regione ha cambiato orientamento rispetto alla circolare di cui alla DGR 658/2009. Ad uso di tutti riporto un pezzo della vecchia circolare:
Per ciò che riguarda la presenza di saune e/o bagno turco in attività ricettive sembra utile precisare che quando gli apparecchi per le relative prestazioni fanno parte della dotazione di una camera sono assimilabili a quelle fruite in un domicilio privato e quindi non necessitano della presenza obbligatoria, in camera, di un’estetista per il loro uso; restano fermi, in questo specifico caso, tutti i requisiti di sicurezza nonché le opportune avvertenze per i clienti che, del tutto volontariamente, possono comunque lo stesso desiderare la presenza di un operatore qualificato.
Nel caso in cui tali prestazioni siano invece offerte in locali della struttura alberghiera che siano di libero accesso per la clientela, ovviamente dotati “dei requisiti strutturali, gestionali ed igienicosanitari” (lett. b), comma 3, art. 1 DPGR 47/2007), è necessaria la presenza di un addetto in possesso di qualifica, anche se il relativo costo è incluso nei costi ordinari della prestazione alberghiera.
Infatti in quest’ultimo caso l’attività offerta in locali idonei, pur accessoria della prestazione principale di natura ricettiva, si configura come esercizio di attività di estetica analoga ad un esercizio aperto al pubblico, pur se in questo specifico caso il pubblico è rappresentato dalle persone ospitate nella struttura ricettiva: ne consegue che è necessaria la presenza di un operatore qualificato per la messa in funzionamento delle attrezzature di sauna e bagno turco.


Con la modifica alla LR 86/2016 apportata dalla LR 24/18, la Regione ha disposto:
La messa a disposizione di saune, bagni turchi e bagni a vapore, ad uso esclusivo degli ospiti, non è subordinata alla presenza di soggetti in possesso della qualificazione professionale di estetista, né alla segnalazione certificata di inizio attività (SCIA), salvo il possesso dei requisiti igienico sanitari dei locali. Resta fermo l’obbligo, in capo al titolare o gestore della struttura ricettiva, di fornire al cliente le necessarie informazioni sulle modalità di corretta fruizione delle predette attrezzature, sulle controindicazioni al loro utilizzo, sulle precauzioni da adottare, anche attraverso l’esposizione di cartelli nei locali dove sono collocate le attrezzature stesse e assicurando ivi la presenza di personale addetto che esercita la vigilanza.

Se hai usato la ratio della circolare citata, adesso, a maggior ragione, è opportuno adeguarsi alla disposizione di legge che, per ragionevolezza e imparzialità, è sicuramente traslabile alle strutture ricettive agrituristiche.
« Ultima modifica: 25 Luglio 2018, 21:45:56 da Mario Maccantelli »

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Sauna in agriturismo: scia per attività di estetica?
« Risposta #2 il: 25 Luglio 2018, 21:45:39 »

 


Offline Barbara Messere

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 26
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Sauna in agriturismo: scia per attività di estetica?
« Risposta #1 il: 25 Luglio 2018, 10:26:23 »
Buongiorno,
nel caso un imprenditore agricolo che esercita un attività di agriturismo voglia mettere a disposizione dei clienti dell'agriturismo una sauna in uno spazio comune accessibile a tutti i clienti (e quindi non in camera) secondo noi, oltre al rispetto dei requisiti edilizi e urbanistici, strutturali ed igienico sanitari  previsti tra l'altro anche dal nostro regolamento comunale, dovrebbe presentare una scia di estetica ai sensi della L.R.Toscana 28/2004?Secondo noi sarebbe anche ininfluente che il servizio venga fatto pagare a parte o compreso nel prezzo della camera...
Tanto più che nel nostro regolamento comunale si recita come segue..." Nel  caso  di  saune  e/o  bagno  turco  in  attività  ricettive,  quando  gli  apparecchi  per  le  relative prestazioni  fanno  parte  della  dotazione  di  una  camera/unità  abitativa,  sono  assimilabili  a  quelle fruite in un domicilio privato e quindi non necessitano della presenza obbligatoria di un’estetista per  il  loro  uso.  Restano  fermi,  in  questo  caso,  tutti  i  requisiti  di  sicurezza,  nonché  le  opportune avvertenze per i clienti che, del tutto volontariamente, possono comunque desiderare la presenza di un operatore qualificato. Nel caso in cui tali prestazioni (saune e/o bagno turco) siano offerte in locali  della  struttura  alberghiera  che  siano  di  libero  accesso  per  la  clientela,  devono  essere rispettati  i requisiti  strutturali - igienico  sanitari  previsti  dalle  normative regionali  e  dal  presente regolamento,  è  altresì  necessaria  la  presenza  di  un  addetto  in  possesso  di  qualifica,  anche  se  il
relativo costo è incluso nei costi ordinari della prestazione albe
rghiera (Delibera 27 luglio 2009 n° 658 Regione Toscana – Allegato A – Circolare –comma 1).
E' corretto secondo voi? Grazie