Autore Topic: Accordo 4/5/2017 Governo, Regioni e Enti Locali (Regolamento CE 852/2004)  (Letto 849 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 32.520
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • Omniavis.it
    • E-mail
Buongiorno, in merito all'Accordo Governo, Regioni e Enti Locali ai fini della implementazione della nuova procedura per la notifica ai fini della registrazione ai sensi dell'art. 6 del Regolamento CE 852/2004, viene specificato che il subingresso, modifica attività, sospensione e cessazione sono notifiche della stessa valenza dell'avvio e quindi preventive. Questo vuol dire che tali eventi non potranno essere retrodatati (entro 30 gg. canonici), ma che la documentazione dovrà essere inviata con data "futura" con tutti i problemi che questo potrebbe produrre con indicazioni di una data che poi potrebbe essere modificata in corsa (per esempio per i subingressi).
Mi confermate questa situazione o ci sono stati dei chiarimenti in merito? Grazie

La modulistica unificata non è fonte del diritto nè tantomeno può modificare il contenuto prescrittivo del regolamento UE 2004/852.
La REGISTRAZIONE è necessaria per:
- avvio di nuova attività
- avvio per subingresso
- trasferimento di sede
- cessazione
- modifica SIGNIFICATIVA dell'attività

L'art. 6 comma 2 del regolamento UE 2004/852 distingue chiaramente le varie fattispecie:

.. ogni operatore del settore alimentare notifica all'opportuna autorità competente, secondo le modalità prescritte dalla stessa, ciascuno stabilimento posto sotto il suo controllo che esegua una qualsiasi delle fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di alimenti ai fini della registrazione del suddetto stabilimento [quindi notifica di AVVIO che per il diritto UE vale anche per subingresso].

Gli operatori del settore alimentare fanno altresì in modo che l'autorità competente disponga costantemente di informazioni aggiornate sugli stabilimenti [si tratta della comunicazione ai fini della registrazione, da inviare direttamente alla ASL], notificandole, tra l'altro, qualsivoglia cambiamento significativo di attività nonché ogni chiusura di stabilimenti esistenti [quindi variazione significativa e cessazione].

Le modifiche non significative e le sospensioni rientrano invece nell'obbligo di comunicazione del comma 1 dell'art. 6 "Gli operatori del settore alimentare collaborano con le autorità competenti conformemente ad
altre normative comunitarie applicabili o, in mancanza, conformemente alla legislazione nazionale."

Regolamento: https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:32004R0852&from=IT

http://www.regioni.it/news/2017/05/09/conferenza-unificata-del-04-05-2017-accordo-tra-il-governo-le-regioni-e-gli-enti-locali-concernente-ladozione-di-moduli-unificati-e-standardizzati-per-la-presentazione-delle-segnalazioni-c-512820/

http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2017/08/16/17A05617/sg
******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Forum del Portale Omniavis.it

 


Offline Stefano Terrosi

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 34
    • Mostra profilo
Accordo 4/5/2017 Governo, Regioni e Enti Locali (Regolamento CE 852/2004)
« Risposta #1 il: 27 Agosto 2018, 09:47:23 »
Buongiorno, in merito all'Accordo Governo, Regioni e Enti Locali ai fini della implementazione della nuova procedura per la notifica ai fini della registrazione ai sensi dell'art. 6 del Regolamento CE 852/2004, viene specificato che il subingresso, modifica attività, sospensione e cessazione sono notifiche della stessa valenza dell'avvio e quindi preventive. Questo vuol dire che tali eventi non potranno essere retrodatati (entro 30 gg. canonici), ma che la documentazione dovrà essere inviata con data "futura" con tutti i problemi che questo potrebbe produrre con indicazioni di una data che poi potrebbe essere modificata in corsa (per esempio per i subingressi).
Mi confermate questa situazione o ci sono stati dei chiarimenti in merito? Grazie