Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Visita il gruppo Facebook dedicato al GDPR e trattamento dati personali:
https://www.facebook.com/groups/569951550054710/

Autore Topic: creazione studio professionale condiviso  (Letto 426 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mirko

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #5 il: 18 Dicembre 2018, 18:48:24
grazie ancora Simone!

il dubbio però rimane su questo...
l'attività infermieristica, come quella medica prevede anche attività "invasive", per questo mi sa che non basta avere il titolo abilitante, ma una stanza definita specificatamente e con requisiti ATS (ex asl) da rispettare

la dicitura "studio medico" esiste si, ma prevede ovviamente che ci lavori un medico...

in che senso "struttura"? inteso come poliambulatorio o simili?


si il progetto è complesso forse, ma a che genere di consulente dovrei affidarmi?

 :(



Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 17.777
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Risposta #4 il: 17 Dicembre 2018, 18:08:31
ma se volessi io effettuare attività da infermiere?
Se hai i titoli puoi farlo ... non serve alcuna scia o adempimento
e se invece volessi che collaborasse anche qualche medico,  o fisioterapista?
IDEM, importante è che abbia la qualifica

avrei bisogno che una stanza diventasse "studio medico", o tutto l'immobile deve figurare come studio medico?
NON ESISTE lo "studio medico", finchè rimane un servizio diretto senza organizzazione siamo fuori dalle strutture sanitarie e quindi il medico può operare senza adempimenti

per fare ciò servono solo i requisiti strutturali e la nomina di un direttore sanitario?
NON serve direttore sanitario, non vi è una struttura sanitaria da quanto descritto.
Se si realizza una struttura allora cambia tutto ... ma proprio tutto


eventualmente poi quella stanza può cmq essere utilizzata anche dagli altri professionisti, giusto?


con la definizione della stanza  a studio medico e la nomina del direttore sanitario, posso a quel punto anche utilizzare macchinari? (a fine estetico, o fisioterapico, o altro?)
FERMI!
I macchinari solo per fine medico da medici.
Per finalità estetica serve scia di estetista con relativi requisiti e cambiano le norme ... ma ritengo che tu usi in senso improprio la finalità "estetica".

CONSIGLIO: fatti supportare da un consulente che il progetto è abbastanza articolato ...


* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli
simone.chiarelli@gmail.com
tel. 3337663638


Offline Mirko

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #3 il: 16 Dicembre 2018, 17:55:22
Tenendo conto che vorrei ovviamente dare in subaffitto le stanze:
-se ci fossero altri massaggiatori, ognuno deve aprire una SCIA?
Quale è la finalità del massaggio?
Se estetica allora ognuno presenta scia di estetica. Se MEDICA non occorre alcun adempimento.

-una stanza può contenere più SCIA? (il comune telefonicamente mi disse di si, a patto che gli operatori operassero in orari diversi)
Certo, una stanza può essere usata da soggetto diversi
-gli osteopati necessitano di SCIA?
NO
-Psicologi/psichiatri/logopedisti/nutrizionisti/dietisti elencati sopra, necessitano di SCIA?
NO

tutto questo tenendo conto che non vorrei diventasse un ambulatorio. (perchè non vorrei un direttore sanitario)
Se ognuno opera autonomamente e non avete servizi a Comune (tranne magari una sala d'attesa) non siete struttura sanitaria

Se invece fosse ambulatorio, sarebbe più facile?
Ambulatorio non è struttura sanitaria, sarebbe la stessa cosa dei singoli.

se fosse privato, ed essendo al ! piano senza ascensore, dovrei comunque adempiere a requisiti tipo montascale, ingresso disabili etc etc?
Verifica con il tuo tecnico ... dipende dal titolo edilizio

nella mia idea vorrei che fosse semplicemente uno spazio in cui privatamente ogni professionista vede i propri "pazienti", come uno studio privato ma condiviso...
spero di essere stato chiaro, e che possiate aiutarmi
qualsiasi aiuto sarà prezioso!

TUTTO CHIARO. Da quanto descritto a mio avviso nessuno deve fare niente, neanche il massaggio occidentale (se non ha finalità estetica).
Pur non dovendo fare niente CONSIGLIO una comunicazione volontaria ... dove uno di voi per tutti comunica cosa fate descrivendo ambienti ecc... così evitate equivoci.
Basta allegare una planimetria anche fatta da se con indicati gli ambienti ed i soggetti che vi operano!



tutto chiaro, gentilissimo, davvero!
ad ora, riassumendo:
potrei utilizzare le stanze come nella mia idea, salvo comunica SCIA per la questione massaggio (1 x ogni eventuale massaggiatore)
potrei far utilizzare la stanza ad osteopati, e l'altra per i professionisti a carattere "intellettuale"

il massaggio è quello occidentale, di tipo rilassante/decontratturante/ estetico (anticellulite, diciamo, ma solo manuale, no macchinari), ma il comune stesso mi disse solo della SCIA e basta (idem la scuola che frequento)

ma se volessi io effettuare attività da infermiere?
e se invece volessi che collaborasse anche qualche medico,  o fisioterapista?
avrei bisogno che una stanza diventasse "studio medico", o tutto l'immobile deve figurare come studio medico?
per fare ciò servono solo i requisiti strutturali e la nomina di un direttore sanitario?
eventualmente poi quella stanza può cmq essere utilizzata anche dagli altri professionisti, giusto?
con la definizione della stanza  a studio medico e la nomina del direttore sanitario, posso a quel punto anche utilizzare macchinari? (a fine estetico, o fisioterapico, o altro?)

ancora grazie



Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 17.777
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Risposta #2 il: 16 Dicembre 2018, 15:50:51
Tenendo conto che vorrei ovviamente dare in subaffitto le stanze:
-se ci fossero altri massaggiatori, ognuno deve aprire una SCIA?
Quale è la finalità del massaggio?
Se estetica allora ognuno presenta scia di estetica. Se MEDICA non occorre alcun adempimento.

-una stanza può contenere più SCIA? (il comune telefonicamente mi disse di si, a patto che gli operatori operassero in orari diversi)
Certo, una stanza può essere usata da soggetto diversi
-gli osteopati necessitano di SCIA?
NO
-Psicologi/psichiatri/logopedisti/nutrizionisti/dietisti elencati sopra, necessitano di SCIA?
NO

tutto questo tenendo conto che non vorrei diventasse un ambulatorio. (perchè non vorrei un direttore sanitario)
Se ognuno opera autonomamente e non avete servizi a Comune (tranne magari una sala d'attesa) non siete struttura sanitaria

Se invece fosse ambulatorio, sarebbe più facile?
Ambulatorio non è struttura sanitaria, sarebbe la stessa cosa dei singoli.

se fosse privato, ed essendo al ! piano senza ascensore, dovrei comunque adempiere a requisiti tipo montascale, ingresso disabili etc etc?
Verifica con il tuo tecnico ... dipende dal titolo edilizio

nella mia idea vorrei che fosse semplicemente uno spazio in cui privatamente ogni professionista vede i propri "pazienti", come uno studio privato ma condiviso...
spero di essere stato chiaro, e che possiate aiutarmi
qualsiasi aiuto sarà prezioso!

TUTTO CHIARO. Da quanto descritto a mio avviso nessuno deve fare niente, neanche il massaggio occidentale (se non ha finalità estetica).
Pur non dovendo fare niente CONSIGLIO una comunicazione volontaria ... dove uno di voi per tutti comunica cosa fate descrivendo ambienti ecc... così evitate equivoci.
Basta allegare una planimetria anche fatta da se con indicati gli ambienti ed i soggetti che vi operano!

* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli
simone.chiarelli@gmail.com
tel. 3337663638


Offline Mirko

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #1 il: 14 Dicembre 2018, 19:36:38
Buonasera,
non ho trovato casi simili e quindi apro un nuovo thread sperando in un vostro aiuto  :'(

Sono un infermiere libero professionista (regime ordinario), di Milano. Sono in procinto di terminare un corso abilitante al massaggio occidentale.
ho trovato un immobile in affitto, due locali (più terzo locale-cucina e bagno), che vorrei adibire nel seguente modo, premettendo che ho ottenuto dal titolare la possibilità di subaffitto.

-una stanza a procedure "manuali" (massaggio, osteopatia, eventuali attività olistiche - NO uso apparecchiature)
-l'altra ad uso "professioni intellettuali" (psicologi, psichiatri, dietisti, nutrizionisti, logopedisti - attività che non necessittino di apparecchiature complesse ma solo di una stanza)

per quanto riguarda il massaggio devo ovviamente preoccuparmi della SCIA, e da qui le fatidiche domande.

Tenendo conto che vorrei ovviamente dare in subaffitto le stanze:
-se ci fossero altri massaggiatori, ognuno deve aprire una SCIA?
-una stanza può contenere più SCIA? (il comune telefonicamente mi disse di si, a patto che gli operatori operassero in orari diversi)
-gli osteopati necessitano di SCIA?

-Psicologi/psichiatri/logopedisti/nutrizionisti/dietisti elencati sopra, necessitano di SCIA?

tutto questo tenendo conto che non vorrei diventasse un ambulatorio. (perchè non vorrei un direttore sanitario)

Se invece fosse ambulatorio, sarebbe più facile? se fosse privato, ed essendo al ! piano senza ascensore, dovrei comunque adempiere a requisiti tipo montascale, ingresso disabili etc etc?

nella mia idea vorrei che fosse semplicemente uno spazio in cui privatamente ogni professionista vede i propri "pazienti", come uno studio privato ma condiviso...
spero di essere stato chiaro, e che possiate aiutarmi
qualsiasi aiuto sarà prezioso!

grazie in anticipo :-X