Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Assistiamo imprese, professionisti e Pubbliche Amministrazioni nella gestione di criticità e per approfondimenti normativi. Contattaci 0556236286

Autore Topic: Autoriparatore  (Letto 66 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 17.824
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Risposta #2 il: 30 Marzo 2019, 18:11:59
Salve,
l'ASL ha effettuato sopralluogo presso un autofficina riscontrando la mancanza di autorizzazione o SCIA di esercizio e vari inconvenienti igienico sanitari e mancanza di autorizzazione all' emissione in  atmosfera .
Sto approntando avvio del procedimento teso alla cessazione dell'attività condotta in difetto di autorizzazione.
Ho fatto varie ricerche su internet ma l'unico art. che riesco a trovare è la violazione art. 10 c. 2 l. 122/92.
Io non sono tanto d'accordo in quanto tale art. parla della iscrizione del registro delle imprese (a cui tra l'altro é iscritto):
ART. 10 Vigilanza e sanzioni.
1. Le province e i comuni vigilano sull'applicazione della presente legge.
 2. L'esercizio dell'attività di autoriparazione da parte di una impresa non iscritta nel registro di cui all'articolo 2 è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da  lire  diecimilioni  a  lire  trentamilioni  e  con  la  confisca  delle  attrezzature  e  delle  strumentazioni utilizzate per l'attività illecita.
Quale violazione devo indicare?
Grazie
Cristina P. Poerio Iacono

Non va fatto alcun avvio di procedimento diretto alla cessazione. Una attività abusiva non ha titolo ad esercitare. I vigili vanno e fanno verbale 689, tornano il giorno dopo ed altro verbale e così anche ogni giorno fino a che falliscono per il peso delle sanzioni o si regolarizzano!!

E' prassi fare delle DIFFIDE o ORDINANZE DI CESSAZIONE. Non serve che trovi la norma, esse non hanno effetto, non sono produttive di prescrizioni ulteriori a quelle date dalla normativa.

* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli
simone.chiarelli@gmail.com
tel. 3337663638


Offline Poerio Iacono Cristina P.

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 35
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 26 Marzo 2019, 10:48:18
Salve,
l'ASL ha effettuato sopralluogo presso un autofficina riscontrando la mancanza di autorizzazione o SCIA di esercizio e vari inconvenienti igienico sanitari e mancanza di autorizzazione all' emissione in  atmosfera .
Sto approntando avvio del procedimento teso alla cessazione dell'attività condotta in difetto di autorizzazione.
Ho fatto varie ricerche su internet ma l'unico art. che riesco a trovare è la violazione art. 10 c. 2 l. 122/92.
Io non sono tanto d'accordo in quanto tale art. parla della iscrizione del registro delle imprese (a cui tra l'altro é iscritto):
ART. 10 Vigilanza e sanzioni.
1. Le province e i comuni vigilano sull'applicazione della presente legge.
 2. L'esercizio dell'attività di autoriparazione da parte di una impresa non iscritta nel registro di cui all'articolo 2 è punito con la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da  lire  diecimilioni  a  lire  trentamilioni  e  con  la  confisca  delle  attrezzature  e  delle  strumentazioni utilizzate per l'attività illecita.
Quale violazione devo indicare?
Grazie
Cristina P. Poerio Iacono