Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Visita il gruppo Facebook dedicato al GDPR e trattamento dati personali:
https://www.facebook.com/groups/569951550054710/

Autore Topic: autorizzazione direttore tiro a segno poligono privato  (Letto 58 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.589
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 17 Maggio 2019, 09:55:28
è pervenuta a questo ufficio la richiesta da parte di un cittadino residente di rilascio della licenza in oggetto con allegata la dichiarazione di idoneità allo svolgimento di tale funzione da parte del vicepresidente di un’associazione sportiva privata affiliata al CONI.
A seguito dell’istruttoria questo Ufficio  dava riscontro al richiedente,  comunicando il diniego al rilascio dell’autorizzazione in quanto trattasi di poligono di tiro privato e non di una sezione dell’Unione Italiana Tiro a segno Nazionale -ente pubblico che opera sotto il controllo del Ministero della Difesa- e che l’idoneità allo svolgimento della funzione deve essere rilasciata sempre da tale ente, quanto sopra è stato riscontrato ai sensi dell’art. 31 della L. 110/75.
Il richiedente asserisce che altri appartenenti all’associazione sportiva  hanno ottenuto da altri Comuni , con la medesima documentazione dallo stesso prodotta, il rilascio dell’autorizzazione di che trattasi.
Gradirei vs. parere, grazie

 

La questione è complessa.
Se da un lato il TULPS non fa distinzioni, la L. 110 invece parla solo delle federazioni.
Ciò è emerso anche nei lavori di approfondimento parlamentare: http://www.senato.it/japp/bgt/showdoc/showText?tipodoc=Sindisp&leg=18&id=1067073

Il Ministero nel 2006 da detto qualcosa: http://www.earmi.it/diritto/leggi/poligoni.htm

E' in corso la redazione del regolamento di attuazione tulps sul tema (https://www.gunsweek.com/it/attualita/news/regolamentazione-poligoni-privati-incontro-al-ministero-dellinterno)

SINTESI: a mio avviso non è possibile limitare ai soli appartenenti alla Federazione l'apertura di poligoni


Offline tiziana

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 10
    • Mostra profilo
Risposta #1 il: 14 Maggio 2019, 12:10:50
 è pervenuta a questo ufficio la richiesta da parte di un cittadino residente di rilascio della licenza in oggetto con allegata la dichiarazione di idoneità allo svolgimento di tale funzione da parte del vicepresidente di un’associazione sportiva privata affiliata al CONI.
A seguito dell’istruttoria questo Ufficio  dava riscontro al richiedente,  comunicando il diniego al rilascio dell’autorizzazione in quanto trattasi di poligono di tiro privato e non di una sezione dell’Unione Italiana Tiro a segno Nazionale -ente pubblico che opera sotto il controllo del Ministero della Difesa- e che l’idoneità allo svolgimento della funzione deve essere rilasciata sempre da tale ente, quanto sopra è stato riscontrato ai sensi dell’art. 31 della L. 110/75.
Il richiedente asserisce che altri appartenenti all’associazione sportiva  hanno ottenuto da altri Comuni , con la medesima documentazione dallo stesso prodotta, il rilascio dell’autorizzazione di che trattasi.
Gradirei vs. parere, grazie