Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Guarda i nostri servizi per la PUBBLICA AMMINISTRAZIONE su http://www.omniavis.com/index.php/2013-11-10-07-07-12

Autore Topic: sanzione  (Letto 78 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 17.919
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Risposta #8 il: 25 Maggio 2019, 06:25:25
non ci sono state contestazioni dal punto di vista igienico sanitario. C'è un verbale dei CC che contesta l'introduzione di un cane (pitbull) tenuto al guinzaglio in un bar (in violazione ad un ordinanza sindacale che vietava l'accesso nei P.E. ai cani.
Il gestore contesta la violazione in quanto l'ordinanza sarebbe superata da un drp 320/1954, più recente dell'ordinanza.
Il padrone del cane risultava in palese stato di ubriachezza.
E' vero che il dpr è più recente e supera l'ordinanza...ma distingue tra locale pubblico e luogo aperto al pubblico.
Quindi la mia domanda è: il bar è un locale pubblico o un locale aperto al pubblico? p si tratta di locale aperto al pubblico era prevista la museruola. e questo non la aveva!!

Proviamo a riepilogare così da chiudere la questione. Qui come la penso io poi vedi tu:

1) il regolamento comunale è abrogato dalle norme sopravvenute
2) il padrone poteva portare il cane nel ""LUOGO APERTO AL PUBBLICO" (come è il bar)
3) anche senza museruola

Questo in virtù delle citate sopravvenute disposizioni. Il fatto che fosse ubriaco non modifica la situazione (se non a favore dell'interessato per mancanza dell'elemento soggettivo) .... Se paga 50 euro in misura ridotta ok, si chiude lì. Altrimenti consiglio di archiviare per le ragioni citate.

* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli
simone.chiarelli@gmail.com
tel. 3337663638


Offline sy74

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 452
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #7 il: 24 Maggio 2019, 17:26:52
non ci sono state contestazioni dal punto di vista igienico sanitario. C'è un verbale dei CC che contesta l'introduzione di un cane (pitbull) tenuto al guinzaglio in un bar (in violazione ad un ordinanza sindacale che vietava l'accesso nei P.E. ai cani.
Il gestore contesta la violazione in quanto l'ordinanza sarebbe superata da un drp 320/1954, più recente dell'ordinanza.
Il padrone del cane risultava in palese stato di ubriachezza.
E' vero che il dpr è più recente e supera l'ordinanza...ma distingue tra locale pubblico e luogo aperto al pubblico.
Quindi la mia domanda è: il bar è un locale pubblico o un locale aperto al pubblico? p si tratta di locale aperto al pubblico era prevista la museruola. e questo non la aveva!!



Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.591
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #6 il: 23 Maggio 2019, 06:17:03
scusate se insisto...ma possono entrare con museruola o no? il verbale dice che il cane era senza museruola

DISTINGUIAMO le cose. La museruola non ha niente a che fare con i requisiti igiencio-sanitari. I cani non creano un eventuale potenziale pericolo per gli alimenti a seconda che siano con o senza museruola.

La museruola è obbligatoria per motivi di sicurezza verso terzi ed è prescritta SOLO per alcune razze in determinati luoghi e determinate circostanze (i divieti generalizzati sono illegittimi https://www.anmvioggi.it/rubriche/leggi-e-diritto/63744-bocciato-dal-tar-il-comune-che-si-rifa-all-elenco-dei-cani-pericolosi.html)

https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/09/06/13A07313/sg


Offline sy74

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 452
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #5 il: 22 Maggio 2019, 11:10:47
scusate se insisto...ma possono entrare con museruola o no? il verbale dice che il cane era senza museruola



Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.591
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #4 il: 22 Maggio 2019, 06:49:53
Il titolare del P.E. non intendeva vietare l'accesso. La sanzione è stata emessa a fronte di un regolamento comunale  (del 1928)che  vietava l'introduzione dei cani nei bar.
Il titolare del P.E. obietta che il regolamento comunale molto datato è superato dal DPR 320/1954 che ammette i cani nei locali pubblici e mezzi di trasporto.
Si chiede:
il bar è considerato un  luogo aperto al pubblico e quindi i cani posso circolare liberamente purchè muniti di museruola oppure trattasi di locali pubblici e pertanto i cani necessitano di guinzaglio e museruola? (DPR 320/1954 art. 83)?

CONFERMIAMO, i cani potevano entrare


Offline sy74

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 452
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #3 il: 20 Maggio 2019, 13:15:51
Il titolare del P.E. non intendeva vietare l'accesso. La sanzione è stata emessa a fronte di un regolamento comunale  (del 1928)che  vietava l'introduzione dei cani nei bar.
Il titolare del P.E. obietta che il regolamento comunale molto datato è superato dal DPR 320/1954 che ammette i cani nei locali pubblici e mezzi di trasporto.
Si chiede:
il bar è considerato un  luogo aperto al pubblico e quindi i cani posso circolare liberamente purchè muniti di museruola oppure trattasi di locali pubblici e pertanto i cani necessitano di guinzaglio e museruola? (DPR 320/1954 art. 83)?



Online Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 30.591
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it
    • E-mail
Risposta #2 il: 17 Maggio 2019, 11:09:10
Nel 2014 il gestore di un bar è stato sanzionato per aver permesso ad una persona di accedere al proprio locale con un cane (pitbull) tenuto al guinzaglio, in contrasto con il regolamento comunale che ne vietava l'accesso.
Nella descrizione dei fatti i CC dichiaravano che il proprietario era anche in palese stato di ubriachezza (ciò non viene contestato).
Il gestore del locale obietta che il regolamento comunale molto datato è superato dal DPR 320/1954 che ammette i cani nei locali pubblici e mezzi di trasporto.
Si chiede:
il bar è considerato un  luogo aperto al pubblico e quindi i cani posso circolare liberamente purchè muniti di museruola oppure trattasi di locali pubblici e pertanto i cani necessitano di guinzaglio e museruola? (DPR 320/1954 art. 83)?

ARCHIVIA il verbale in quanto l'esercente avrebbe potuto vietare l'accesso dei cani previa comunicazione al Sindaco.
Ma se non ha vietato non è possibile sanzionare se non dimostrando che vi sono state carenze igienico-sanitarie (accesso del cane agli alimenti).


Offline sy74

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 452
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #1 il: 14 Maggio 2019, 12:59:08
Nel 2014 il gestore di un bar è stato sanzionato per aver permesso ad una persona di accedere al proprio locale con un cane (pitbull) tenuto al guinzaglio, in contrasto con il regolamento comunale che ne vietava l'accesso.
Nella descrizione dei fatti i CC dichiaravano che il proprietario era anche in palese stato di ubriachezza (ciò non viene contestato).
Il gestore del locale obietta che il regolamento comunale molto datato è superato dal DPR 320/1954 che ammette i cani nei locali pubblici e mezzi di trasporto.
Si chiede:
il bar è considerato un  luogo aperto al pubblico e quindi i cani posso circolare liberamente purchè muniti di museruola oppure trattasi di locali pubblici e pertanto i cani necessitano di guinzaglio e museruola? (DPR 320/1954 art. 83)?