Autore Topic: somministrazione su terreno demaniale  (Letto 271 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Staff Omniavis

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 31.349
  • Lo Staff Omniavis
    • Mostra profilo
    • Omniavis.it
    • E-mail
Re:somministrazione su terreno demaniale
« Risposta #2 il: 23 Maggio 2019, 06:09:17 »
Un soggetto ci ha chiesto se sia possibile, per la stagione estiva, posizionare un chiosco o food track per panini/bibite/gelati in un’area sita in zona non asfaltata a margine di area delimitata del bosco che costituisce punto di partenza di sentieri segnati per escursioni, visite guidate.

Quest’area è di proprietà del demanio statale (forestale) per cui il Comune non ne dispone.

Una prima ipotesi che a mio avviso potrebbe essere percorribile sarebbe che questo soggetto richiedesse la concessione dell’area (espressamente per tale uso) al Demanio Forestale, dopodiché, se la ottiene, potrebbe, se possibile dal punto di vista edilizio, installare un chiosco o simile temporaneo e conseguentemente presentare SCIA per attività di somministrazione.         

NEANCHE PER IDEA!!!!!!!!!!!!!!!
Se l'area è pubblica va assegnata con bando. Se demaniale è il COMUNE che se la fa concedere dall'Ente e la assegna con bando. Anche se il soggetto avesse la concessione non potrebbe fare scia!!!!


Per l’ipotesi invece di posizionamento di un food track, pensavamo di rispondere che l’ente non può rilasciare concessioni temporanee di posteggio per commercio su area pubblica (che comunque, anche se l’area fosse del Comune, richiederebbero un bando), non disponendo dell’area in questione.
Certo

Però mi crea qualche dubbio l’art. 34 della L.R. 62/2018 al comma 2, dove è previsto che “sulle aree demaniali non comunali l’esercizio del commercio su aree pubbliche è soggetto a previo nulla-osta delle competenti autorità che stabiliscono modalità e condizioni per l’utilizzo delle medesime. L’autorizzazione è rilasciata dal SUAP nel rispetto dei criteri di cui all’art. 37”.     
La norma dice soltanto:
1) per usare aree demaniali serve ok dell'ente
2) ente può dare PRESCRIZIONI AGGIUNTIVE (es. non camion, no gpl no alimentari ecc....)
3) in ogni caso poi si fa il bando


Se ho capito bene, questo articolo presuppone che il proprietario dell’area demaniale dovrebbe rilasciare all’ente, su sua richiesta, un nulla osta diciamo “generale” per l’utilizzo dell’area, che poi il Comune metterebbe a bando. Nella pratica però mi risulta che l’iter per il rilascio del nulla-osta del demanio forestale sia diverso, nel senso che di prassi rilasciano il  nulla-osta all’utilizzo contestualmente al rilascio della concessione,  direttamente al richiedente e dietro pagamento del richiesto corrispettivo (e senz’altro anche di cauzione).
SBAGLIANO ... se lo rilasciano all'interessato non se ne fa di niente

Per tale motivo questa soluzione non mi sembra percorribile per l’ente (e oltretutto l’ente credo che l’ente non si possa attivare a richiesta dell’interessato) e penserei di indicare come possibilità solo la prima soluzione.   
NOOOOO, solo la seconda. CAMBINO PRASSI

Secondo voi è corretto come ragionamento ?
Vedi sopra

Se si procedesse come nella prima ipotesi però il soggetto non potrebbe posizionare un food-track, perché non avrebbe i requisiti di agibilità, giusto ?
Non serve agibilità su area pubblica, serve che si assegni con bando
******************
Omniavis srl - Firenze, Lungarno Colombo 44
info@omniavis.it - Tel. 055 6236286 - www.omniavis.it

Seguici sui social:
FACEBOOK: https://www.facebook.com/groups/omniavisnews/
TWITTER: https://twitter.com/omniavis
LINKEDIN: https://twitter.com/omniavis
YOUTUBE: https://www.youtube.com/user/omniavis
TELEGRAM: https://telegram.me/omniavis
SEZIONE ABBONATI: http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=24906.0

Forum del Portale Omniavis.it

Re:somministrazione su terreno demaniale
« Risposta #2 il: 23 Maggio 2019, 06:09:17 »

 


Offline Abetone Forum

  • Esperto
  • ***
  • Post: 71
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
somministrazione su terreno demaniale
« Risposta #1 il: 22 Maggio 2019, 10:26:58 »
Un soggetto ci ha chiesto se sia possibile, per la stagione estiva, posizionare un chiosco o food track per panini/bibite/gelati in un’area sita in zona non asfaltata a margine di area delimitata del bosco che costituisce punto di partenza di sentieri segnati per escursioni, visite guidate.

Quest’area è di proprietà del demanio statale (forestale) per cui il Comune non ne dispone.

Una prima ipotesi che a mio avviso potrebbe essere percorribile sarebbe che questo soggetto richiedesse la concessione dell’area (espressamente per tale uso) al Demanio Forestale, dopodiché, se la ottiene, potrebbe, se possibile dal punto di vista edilizio, installare un chiosco o simile temporaneo e conseguentemente presentare SCIA per attività di somministrazione.         

Per l’ipotesi invece di posizionamento di un food track, pensavamo di rispondere che l’ente non può rilasciare concessioni temporanee di posteggio per commercio su area pubblica (che comunque, anche se l’area fosse del Comune, richiederebbero un bando), non disponendo dell’area in questione.
Però mi crea qualche dubbio l’art. 34 della L.R. 62/2018 al comma 2, dove è previsto che “sulle aree demaniali non comunali l’esercizio del commercio su aree pubbliche è soggetto a previo nulla-osta delle competenti autorità che stabiliscono modalità e condizioni per l’utilizzo delle medesime. L’autorizzazione è rilasciata dal SUAP nel rispetto dei criteri di cui all’art. 37”.     
Se ho capito bene, questo articolo presuppone che il proprietario dell’area demaniale dovrebbe rilasciare all’ente, su sua richiesta, un nulla osta diciamo “generale” per l’utilizzo dell’area, che poi il Comune metterebbe a bando. Nella pratica però mi risulta che l’iter per il rilascio del nulla-osta del demanio forestale sia diverso, nel senso che di prassi rilasciano il  nulla-osta all’utilizzo contestualmente al rilascio della concessione,  direttamente al richiedente e dietro pagamento del richiesto corrispettivo (e senz’altro anche di cauzione).

Per tale motivo questa soluzione non mi sembra percorribile per l’ente (e oltretutto l’ente credo che l’ente non si possa attivare a richiesta dell’interessato) e penserei di indicare come possibilità solo la prima soluzione.   

Secondo voi è corretto come ragionamento ? 

Se si procedesse come nella prima ipotesi però il soggetto non potrebbe posizionare un food-track, perché non avrebbe i requisiti di agibilità, giusto ?

Grazie mille, saluti