Autore Topic: Studio professionale Personal Trainer  (Letto 159 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline consistentia

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:Studio professionale Personal Trainer
« Risposta #3 il: 24 Giugno 2019, 06:10:50 »
La ringrazio infinitamente per la risposta!

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Studio professionale Personal Trainer
« Risposta #3 il: 24 Giugno 2019, 06:10:50 »

 


Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 18.818
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:Studio professionale Personal Trainer
« Risposta #2 il: 23 Giugno 2019, 07:01:47 »
Buongiorno a tutti, sto impazzendo per capire le mie necessità operative...vi riassumo.

Ho intenzione di avviare un'attività (già aperto partita IVA codice ateco 93.19.99) di personal training one to one e piccoli gruppi della disciplina della quale mi occupo, il CrossFit.
L'attività sarà prevalentemente su prenotazione (classi) con un massimo di 8/10 persone, utilizzerò strumenti digitali per la gestione dei clienti per le prenotazioni, per la programmazione anche da remoto (già sto operando anche con clienti esteri a titolo gratuito)
Leggendo nel forum, ho inteso che dio base, essendo classificato come libero professionista/ditta individuale (no iscrizione camera di commercio) non necessiterei di particolari assensi come SUAP, SCIA etc., nel caso io svolga la mia attività presso terzi o presso la mia abitazione.

Ora viene la "problematica".
Avrei individuato un piccolo capannone (totale 130mq con area di lavoro, due stanze e servizi) che vorrei affittare per avere un luogo dove svolgere la mia attività.
Premetto che risiede in provincia di Pavia, Lombardia.
La domanda fondamentale è se, visto il mio modello di business, devo presentare al comune una SUAP, una SCIA eventuale od altro, oppure se il capannone che risulta essere commerciale deve essere in qualche modo adeguato all'attività (bagni, spogliatoi etc) oppure no, ovviamente escluse l'agibilità necessaria per procedere con un contratto d'affitto.

Grazie per i suggerimenti che vorrete darmi!
MP

Salve e benvenuto,
l'attività libero professionale rivolta al pubblico è attività di servizio NORMALMENTE compatibile con la destinazione direzionale. A mio avviso anche il commerciale è compatibile se:
1) non espressamente vietato dal PGT
2) non vengono effettuate opere finalizzate al mutamento di destinazione
Non occorrono servizi igienici o altri requisiti se l'attività rimane libero professionale e non diventa una PALESTRA.

QUINDI al 90% l'attività è possibile:
- senza scia o altri adempimenti (io suggerisco comunque una comunicazione via pec informativa)
- senza cambio di destinazione
- senza adeguamenti

In bocca al lupo per l'attività

Offline consistentia

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Studio professionale Personal Trainer
« Risposta #1 il: 19 Giugno 2019, 10:13:09 »
Buongiorno a tutti, sto impazzendo per capire le mie necessità operative...vi riassumo.

Ho intenzione di avviare un'attività (già aperto partita IVA codice ateco 93.19.99) di personal training one to one e piccoli gruppi della disciplina della quale mi occupo, il CrossFit.
L'attività sarà prevalentemente su prenotazione (classi) con un massimo di 8/10 persone, utilizzerò strumenti digitali per la gestione dei clienti per le prenotazioni, per la programmazione anche da remoto (già sto operando anche con clienti esteri a titolo gratuito)
Leggendo nel forum, ho inteso che dio base, essendo classificato come libero professionista/ditta individuale (no iscrizione camera di commercio) non necessiterei di particolari assensi come SUAP, SCIA etc., nel caso io svolga la mia attività presso terzi o presso la mia abitazione.

Ora viene la "problematica".
Avrei individuato un piccolo capannone (totale 130mq con area di lavoro, due stanze e servizi) che vorrei affittare per avere un luogo dove svolgere la mia attività.
Premetto che risiede in provincia di Pavia, Lombardia.
La domanda fondamentale è se, visto il mio modello di business, devo presentare al comune una SUAP, una SCIA eventuale od altro, oppure se il capannone che risulta essere commerciale deve essere in qualche modo adeguato all'attività (bagni, spogliatoi etc) oppure no, ovviamente escluse l'agibilità necessaria per procedere con un contratto d'affitto.

Grazie per i suggerimenti che vorrete darmi!
MP