Autore Topic: Ferie neo assunta?  (Letto 289 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 18.720
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:Ferie neo assunta?
« Risposta #3 il: 23 Giugno 2019, 08:01:57 »
Ciao a tutti, e prima di tutto grazie per l'ottimo servizio che offrite. Ho una domanda da porre, a cui chiedo cortesemente risposta.

Sono stata assunta a tempo indeterminato in un Comune, dopo concorso pubblico. In precedenza ho lavorato a tempo determinato (ex. art. 90 TUEL) presso un altro Comune, per un totale di cinque anni.

L'art. 28 del CCNL 2016-2018 comparto funzioni locali dice che:
Per i dipendenti assunti per la prima volta in una pubblica amministrazione, a seconda che l’articolazione oraria sia su cinque o su sei giorni, la durata delle ferie è rispettivamente di 26 e di 30 giorni lavorativi, comprensivi delle due giornate previste dai commi 2 e 3

In un suo parere recente l'ARAN riporta:
La disposizione contenuta all’art. 28 del CCNL Comparto Funzioni centrali 2016/2018 in materia di ferie prevede, al comma 4, la titolarità di un monte ferie per i dipendenti assunti per la prima volta in una pubblica amministrazione inferiore a quello spettante a regime, mentre al comma 5 è disciplinato il riallineamento dopo tre anni di servizio.
Alla luce di quanto previsto dall’art. 55, comma 1, lett. a) del medesimo CCNL in materie di ferie per i lavoratori a tempo determinato, si ritiene che il citato art. 28 possa essere interpretato nel senso che il lavoratore assunto a tempo indeterminato per la prima volta nella pubblica amministrazione, ma che abbia prestato servizio come lavoratore a tempo determinato presso la stessa o presso altre pubbliche amministrazioni, anche di diverso comparto, per più di tre anni, rientra nella casistica che dà diritto da subito al riconoscimento dell’intero monte ferie spettante (28 o 32 giorni a seconda del regime orario adottato).


L'ARAN Si riferisce quindi al CCNL comparto funzioni CENTRALI e non LOCALI come il mio. A questo punto chiedo: ho diritto al monte ferie completo, per analogia? Oppure no?

Il Comune dove sono stato assunto mi obietta che per loro sono neo assunto, anche alla luce del parere ARAN n. RAL472 che riporta:
Chi deve considerarsi neo assunto ai sensi dell’art.18 del CCNL del 6.7.1995?
Ai fini dell’applicazione dell’art.18, è personale neo assunto quello al primo impiego nella pubblica amministrazione. Se si tratta di personale con rapporto a termine vige la disciplina dell’art.7 del CCNL del 14.9.2000, per cui allo stesso competono solo i giorni maturati in relazione alla durata del rapporto di lavoro, anche se abbia prestato altri servizi presso lo stesso ente o in enti diversi.


Ma secondo me poco c'entra; anzi, non c'entra niente, posto che il mio contratto è regolato dal CCNL funzioni locali 2016-2018.

Mi potete aiutare a capire qualcosa? Grazie di cuore

Ciao,
non ho trovato niente di più di quanto hai indicato ma ti suggerirei un ragionamento fondato su questa sentenza:
http://www.consiglio.regione.toscana.it/upload/guido/11/4453.pdf

Se anche a seguito di STABILIZZAZIONE vanno riconosciuti i diritti acquisiti nel tempo determinato pregresso analogo ragionamento va fatto nel tuo caso ... siamo all'analogia, quindi non un elemento forte.
Ma secondo me è sostenibile

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Ferie neo assunta?
« Risposta #3 il: 23 Giugno 2019, 08:01:57 »

 


Offline lucia1991

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:Ferie neo assunta?
« Risposta #2 il: 21 Giugno 2019, 09:44:32 »
Nessuno purtroppo sa qualcosa?  :(

Offline lucia1991

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Ferie neo assunta?
« Risposta #1 il: 20 Giugno 2019, 10:33:04 »
Ciao a tutti, e prima di tutto grazie per l'ottimo servizio che offrite. Ho una domanda da porre, a cui chiedo cortesemente risposta.

Sono stata assunta a tempo indeterminato in un Comune, dopo concorso pubblico. In precedenza ho lavorato a tempo determinato (ex. art. 90 TUEL) presso un altro Comune, per un totale di cinque anni.

L'art. 28 del CCNL 2016-2018 comparto funzioni locali dice che:
Per i dipendenti assunti per la prima volta in una pubblica amministrazione, a seconda che l’articolazione oraria sia su cinque o su sei giorni, la durata delle ferie è rispettivamente di 26 e di 30 giorni lavorativi, comprensivi delle due giornate previste dai commi 2 e 3

In un suo parere recente l'ARAN riporta:
La disposizione contenuta all’art. 28 del CCNL Comparto Funzioni centrali 2016/2018 in materia di ferie prevede, al comma 4, la titolarità di un monte ferie per i dipendenti assunti per la prima volta in una pubblica amministrazione inferiore a quello spettante a regime, mentre al comma 5 è disciplinato il riallineamento dopo tre anni di servizio.
Alla luce di quanto previsto dall’art. 55, comma 1, lett. a) del medesimo CCNL in materie di ferie per i lavoratori a tempo determinato, si ritiene che il citato art. 28 possa essere interpretato nel senso che il lavoratore assunto a tempo indeterminato per la prima volta nella pubblica amministrazione, ma che abbia prestato servizio come lavoratore a tempo determinato presso la stessa o presso altre pubbliche amministrazioni, anche di diverso comparto, per più di tre anni, rientra nella casistica che dà diritto da subito al riconoscimento dell’intero monte ferie spettante (28 o 32 giorni a seconda del regime orario adottato).


L'ARAN Si riferisce quindi al CCNL comparto funzioni CENTRALI e non LOCALI come il mio. A questo punto chiedo: ho diritto al monte ferie completo, per analogia? Oppure no?

Il Comune dove sono stato assunto mi obietta che per loro sono neo assunto, anche alla luce del parere ARAN n. RAL472 che riporta:
Chi deve considerarsi neo assunto ai sensi dell’art.18 del CCNL del 6.7.1995?
Ai fini dell’applicazione dell’art.18, è personale neo assunto quello al primo impiego nella pubblica amministrazione. Se si tratta di personale con rapporto a termine vige la disciplina dell’art.7 del CCNL del 14.9.2000, per cui allo stesso competono solo i giorni maturati in relazione alla durata del rapporto di lavoro, anche se abbia prestato altri servizi presso lo stesso ente o in enti diversi.


Ma secondo me poco c'entra; anzi, non c'entra niente, posto che il mio contratto è regolato dal CCNL funzioni locali 2016-2018.

Mi potete aiutare a capire qualcosa? Grazie di cuore