Forum del Portale Omniavis.it

News:

News

Autore Topic: Abbandono rifiuti  (Letto 32 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 18.136
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Risposta #2 il: 11 Luglio 2019, 16:08:42
Buonasera
Una ditta acquista un nuovo magazzino e provvede a
effettuare un pulizia dello stesso, abbandonando accanto
alla postazione di raccolta rifiuti delle bottiglie non riconducibili
alla sua attività.
È ipotizzabile la violazione art.256 c.1 e c.2 T.U.A.? Vista l'entità dell'
abbandono, il fatto che non sia proprio "incontrollato", potrebbe
anche essere applicabile un regolamento comunale ?
Grazie
Ursula

Se hai il minimo dubbio dell'esistenza di una ipotesi di reato fai CNR .... nel caso di specie se risulta accertato che l'impresa ha abbandonato rifiuti (anche se non residuo della propria lavorazione) al di fuori dei contenitori di conferimento (ammesso che potessero conferirli e non dovessero provvedere in autonomia) potrebbe essere una fattispecie da 256. Sarà il magistrato a valutare.

Peraltro se le bottiglie sono piene o comunque con residui di particolari sostanze potrebbero essere anche rifiuti speciali o pericolosi.

Insomma. Un conto sono 4 bottiglie di birra offerta ai dipendenti ... altro alcune decine di bottiglie in magazzino non si sa di cosa e per cosa contenute nell'azienda ...

* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli
simone.chiarelli@gmail.com
tel. 3337663638


Offline Ursula

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 1
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Risposta #1 il: 09 Luglio 2019, 17:32:12
Buonasera
Una ditta acquista un nuovo magazzino e provvede a
effettuare un pulizia dello stesso, abbandonando accanto
alla postazione di raccolta rifiuti delle bottiglie non riconducibili
alla sua attività.
È ipotizzabile la violazione art.256 c.1 e c.2 T.U.A.? Vista l'entità dell'
abbandono, il fatto che non sia proprio "incontrollato", potrebbe
anche essere applicabile un regolamento comunale ?
Grazie
Ursula