Autore Topic: Delega per attivitą di somministrazione alimenti / bevande e spacci interni.  (Letto 272 volte)

0 Utenti e 2 Visitatori stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 18.814
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Buongiorno, sono il Presidente di un Circolo APS aderente alla AICS nazionale.
Avrei necessitą di un parere relativamente alla somministrazione alimenti e bevande nel Bar dell'Associazione.
Non ho chiaro se l'attivitą di somministrazione possa essere fatta, oltre che da me, in qualitą di Presidente,
anche da altri soci aventi, ovviamente, i requisiti HACCP richiesti, anche in mia assenza.
Nella dichiarazione di inizio attivitą, da me presentata all'ufficio SUAP competente (Unione Comuni Garfagnana) mediante portale STAR Toscana (codice attivitą 56.210 R), non mi pare di aver notato questa specifica. Anche l'autorizzazione concessa successivamente dal suddetto ufficio, non riporta nessuna condizione particolare circa la persona incaricata dell'attivitą di somministrazione.
Mi chiedo quindi se sia necessario formalizzare una delega che abilita un certo numero di soci volontari a effettuare l'attivitą di somministrazione, e quale sia la procedura corretta da utilizzare per comunicare questa lista di delegati all'uffico SUAP che ci ha concesso l'autorizzazione.
Aggiungo che il Circolo ha ottenuto anche un' autorizzazione per la gestione di "Spacci Interni" (Codice Attivitą 47.106.1 R): anche in questo caso mi chiedo se sia necessario delegare in modo formale dei soci volontari abilitati a tale attivitą e comunicarli all'ufficio SUAP.

Ringrazio per la disponibilitą,
Saluti.

Certo che č possibile che a somministrare siano anche altri soggetti (soci) con formazione HACCP svolta.
Non serve alcuna comunicazione al SUAP ma la documentazione andrą tenuta agli atti in caso di vigilanza.

Forum del Portale Omniavis.it

 


Offline defrek

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 3
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Buongiorno, sono il Presidente di un Circolo APS aderente alla AICS nazionale.
Avrei necessitą di un parere relativamente alla somministrazione alimenti e bevande nel Bar dell'Associazione.
Non ho chiaro se l'attivitą di somministrazione possa essere fatta, oltre che da me, in qualitą di Presidente,
anche da altri soci aventi, ovviamente, i requisiti HACCP richiesti, anche in mia assenza.
Nella dichiarazione di inizio attivitą, da me presentata all'ufficio SUAP competente (Unione Comuni Garfagnana) mediante portale STAR Toscana (codice attivitą 56.210 R), non mi pare di aver notato questa specifica. Anche l'autorizzazione concessa successivamente dal suddetto ufficio, non riporta nessuna condizione particolare circa la persona incaricata dell'attivitą di somministrazione.
Mi chiedo quindi se sia necessario formalizzare una delega che abilita un certo numero di soci volontari a effettuare l'attivitą di somministrazione, e quale sia la procedura corretta da utilizzare per comunicare questa lista di delegati all'uffico SUAP che ci ha concesso l'autorizzazione.
Aggiungo che il Circolo ha ottenuto anche un' autorizzazione per la gestione di "Spacci Interni" (Codice Attivitą 47.106.1 R): anche in questo caso mi chiedo se sia necessario delegare in modo formale dei soci volontari abilitati a tale attivitą e comunicarli all'ufficio SUAP.

Ringrazio per la disponibilitą,
Saluti.