Autore Topic: Somministrazione e norme edilizie  (Letto 149 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Alberto Valenti

  • Ing. Alberto Valenti
  • Global Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 3.262
  • Alberto Valenti
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:Somministrazione e norme edilizie
« Risposta #2 il: 12 Settembre 2019, 12:49:31 »
Il comma 8 dell'art. 69 era stato inserito quando i PE si aprivano solo con l'autorizzazione... per cui si voleva limitare il termine entro il quale si doveva avviare l'attività (che decade se entro 2 anni non si attiva).

Nel 2011 è stata introdotta la SCIA ma non è stato aggiornato il c. 8 che pertanto si applica solo in caso di autorizzazione (in zone tutelate).
La SCIA si basa sul principio di autocertificare il possesso di TUTTI i requisiti.
Quindi viene meno il termine di 365 (anche perchè la norma dice "prima dell'avvio".

Ciò premesso il tuo è un caso diverso.
Se i locali sono agibili ma manca il certificato/SCIA di agibilità (art. 24 DPR 380/2001) interviene l'ufficio Tecnico e sanziona ai sensi della norma edilizia.
Se i locali NON sono agibili (sono quindi privi dei requisiti di agibilità), l'ufficio Tecnico deve adottare un atto di inagibilità (art. 222 R.D. 635/1934), per cui tu devi intervenire successivamente con il divieto di prosecuzione dell'attività se sei nei 60 giorni (intervieni sulla SCIA), con atto del competente Ufficio oltre.




Forum del Portale Omniavis.it

Re:Somministrazione e norme edilizie
« Risposta #2 il: 12 Settembre 2019, 12:49:31 »

 


Offline Emiliano

  • Membro Senior
  • ****
  • Post: 183
    • Mostra profilo
Somministrazione e norme edilizie
« Risposta #1 il: 12 Settembre 2019, 11:36:23 »
Buongiorno, come si conciliano le previsioni dell'art. 19 della L. 241/90 dove si dice che:
"L'amministrazione competente, in caso di accertata carenza dei requisiti e dei presupposti di cui al comma 1, nel termine di sessanta giorni dal ricevimento della segnalazione di cui al medesimo comma, adotta motivati provvedimenti di divieto di prosecuzione dell'attività e di rimozione degli eventuali effetti dannosi di essa. Qualora sia possibile conformare l'attività intrapresa e i suoi effetti alla normativa vigente, l'amministrazione competente, con atto motivato, invita il privato a provvedere prescrivendo le misure necessarie con la fissazione di un termine non inferiore a trenta giorni per l'adozione di queste ultime."

con quanto previsto dall'art. 69 comma 8 della L.r. 6/2010 che dice: "Prima di iniziare l'attività e comunque entro trecentosessantacinque giorni dal rilascio dell'autorizzazione comunale il soggetto deve porsi in regola con le vigenti norme, prescrizioni e autorizzazioni in materia edilizia, urbanistica ed igienico-sanitaria, nonché con le disposizioni sulla destinazione d'uso dei locali e degli edifici, prevenzione incendi e sicurezza".

Il caso in questione è quello di un pubblico esercizio che ha presentato Scia di apertura. Ho chiesto parere al mio Ufficio Tecnico che ha rilevato diverse problematiche relative all'agibilità. In base a questo parere ho dato all'impresa 60 giorni per le integrazioni (da prassi diamo sempre 60 o 90 gg). In questo caso, però, visto quanto dice il comma 8 dell'art. 69 dovrei dare 365 giorni di tempo per la conformazione senza bloccare l'attività?

Onestamente mi sembra un tempo smisurato, che crea oltretutto una palese disparità tra i tipi di attività commerciale. Cioè un bar può lavorare tranquillo per 1 anno senza essere a posto, un negozio invece no?

Grazie.
« Ultima modifica: 12 Settembre 2019, 11:55:35 da Emiliano »