Autore Topic: Appalto quinquennale ridotto a 3 anni se parte in ritardo  (Letto 1029 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 22.095
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Appalto quinquennale ridotto a 3 anni se parte in ritardo
« Risposta #1 il: 14 Settembre 2019, 07:36:52 »
Appalto quinquennale ridotto a 3 anni se parte in ritardo

CONSIGLIO DI STATO, SEZ. V – sentenza 12 settembre 2019 n. 6158

6.1. Il bando di gara fissava la durata del servizio di refezione scolastica così: “periodo dal 1° settembre 2016 al 31 agosto 2021”; il dato letterale non lasciava spazio a dubbi interpretativi: la volontà dell’amministrazione era di stipulare un contratto di appalto con data di inizio (il 1°settembre 2016) e di fine (31 agosto 2021).

La tesi dell’appellante – per cui la stazione appaltante con la data di inizio e fine contratto poste a distanza di cinque anni abbia inteso affermare che la durata del contratto sarebbe stata quinquennale quale che fosse il suo effettivo inizio – non trova rispondenza nel chiaro tenore dell’espressione utilizzata né poggia su altre indicazioni contenute negli atti di gara.

6.2. L’appellante invita a riflettere sulle conseguenze derivanti dalla lettura accolta degli atti di gara e argomenta per paradosso: portato all’estrema conseguenza si arriverebbe ad ammettere che, qualora i ritardi si fossero protratti fino alla data del 31 agosto 2012, l’aggiudicatario non avrebbe potuto svolgere neppure un giorno di servizio.

L’argomento non convince: ragioni varie possono determinare dilatazione dei tempi di affidamento di un appalto a conclusione di una procedura di gara, qualora sia eroso di molto il tempo originariamente fissato di durata del contratto è la stazione appaltante a dover valutare se conviene dar seguito alla stipulazione contrattuale – che, inevitabilmente, avrà durata limitata – ovvero indire una nuova procedura di gara per un contratto che abbia durata integra. La conseguenza segnalata dall’appellante non è, per questo, automatica ed inevitabile.

6.3. Il ritardo non era imputabile all’appellante; ma questa constatazione non è motivo per disporre una modifica delle condizioni contrattuali come previste dal bando di gara; è possibile che il ritardo abbia comportato conseguenze pregiudizievoli per l’aggiudicatario – sicuramente sulla maturazione dei requisiti di capacità tecnica da spendere in gare successive – ma il rimedio non è quello della modifica della durata del contratto come originariamente prevista nel bando di gara.
* * * * * * * * * *
Dott. Simone Chiarelli - simone.chiarelli@gmail.com - tel. 3337663638
* * * * * * * * * *
https://libro.omniavis.com/          https://www.youtube.com/user/simonechiarelli