Autore Topic: posteggi riservati nei mercati e nelle fiere  (Letto 331 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline giunar

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 16
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:posteggi riservati nei mercati e nelle fiere
« Risposta #3 il: 30 Dicembre 2019, 15:14:51 »
Grazie per la risposta, concordo con quanto ha scritto. il problema era proprio il subingresso in un posteggio di un agricoltore extra territoriale da parte di altro agricoltore sempre extra territoriale. concordo con la soluzione  " cosa mista".
saluti

Forum del Portale Omniavis.it

Re:posteggi riservati nei mercati e nelle fiere
« Risposta #3 il: 30 Dicembre 2019, 15:14:51 »

 


Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.014
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:posteggi riservati nei mercati e nelle fiere
« Risposta #2 il: 28 Dicembre 2019, 08:31:50 »
È un tema che abbiamo affrontato varie volte. La specificazione normativa cui ti riferisci fu inserita nella LR 28/05 nel 2009 ed è stata confermata con la LR 62/2018. Diciamo che è una disposizione che sottende una certa spinta verso la c.d. filiera corta.

Con l’apparato normativo di derivazione Bolkestein il problema venne fuori con le scadenze delle concessioni ex lege: i nuovi bandi avrebbero dovuto specificare la condizione territoriale. Qualche comune lo sancì a livello regolamentare, altri, associando il “famoso” bonus dei 40 punti all’operatore uscente in ogni caso, di fatto, avrebbero rinnovato anche all’agricoltore extra territoriale.

Adesso che la Bolkestein è acqua passata, è chiaro che l’operatore agricolo che ha in mano una concessione pluriennale può godere delle stesse garanzie degli altri: rinnovo tacito a prescindere. In teoria il comune potrebbe anche procedere alla verifica soggettiva dell’operatore alla scadenza delle concessioni e andare verso la decadenza ma la vedo una cosa di dubbia legittimità: non è prevista dalla LR questa specifica ipotesi. Semmai, occorrerebbe una previsione regolamentare molto articolata che forse non reggerebbe di fronte ad un TAR. Con la Bolkestein avrebbe retto (le concessioni si esaurivano e ripartivano da zero ex lege), oggi la vedo più difficile (comunque non impossibile) in virtù dei c.d. diritti acquisiti.

Detto questo, ritengo che il Comune debba stare attento al rispetto della condizione territoriale quando va a rilasciare concessioni per posteggi nuovi o resesi liberi. In questo caso, dovrai anche prevdere la condizione del mantenimento: questa concessione è rilasciata a Tizio agricoltore che ha sede nell’ambito territoriale xxx. In caso di subingresso, l’avente causa deve essere un imprenditore agricolo con sede nel medesimo ambito. Vedi al condizione di cui all'art. 93, comma 2 della LR.

Anche in quest’ultimo caso sarebbe bene indicare nel regolamento la procedura di decadenza (solo per esempio): comunicazione di avvio procedimento, se Tizio non sposta la sede o vende entro 180 gg, si procede a decadenza. Oppure: il subingresso è inefficace ab origine

Chiudo proponendo una cosa "mista". Vista la precisa condizione di legge sul subingresso, potresti applicarla in ogni caso: Tizio agricolatore extra territoriale è concessionario è può procedre al rinnovo tacito perché ha un diritto acquisito ma se vende, deve farlo ad un agricolatore che rispetta la condizione territoriale.
« Ultima modifica: 28 Dicembre 2019, 08:44:46 da Mario Maccantelli »

Offline giunar

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 16
    • Mostra profilo
    • E-mail
posteggi riservati nei mercati e nelle fiere
« Risposta #1 il: 24 Dicembre 2019, 11:36:14 »
Buongiorno, l'art. 41 della L.R. 62/2018 "posteggi riservati nei mercati e nelle fiere" recita :
1 Nell'ambito delle aree destinate all'esercizio del commercio su aree pubbliche il comune obbligatoriamente riserva posteggi a ciascuna delle seguenti categorie:
a) ..omissis..
b) agli imprenditori agricoli professionali di cui all'art. 2 della L.R. 27 luglio 2007, n. 45 ( ..omissis) aventi sede nel medesimo ambito sovracomunale di cui all'allegato B della L.R. 65/2014....omissis..
L'allegato B elenca i vari ambiti sovracomunali per es. Lunigiana. Val d'era, Area livornese, Area pisana , ecc. .
Quindi in un comune X dell'area Pisana possono partecipare solo i produttori di quell'ambito? 
Ai produttori, titolari di vecchie concessioni, ma provenienti da altri ambiti, possono essere rinnovate le concessioni?
grazie