Autore Topic: Coronavirus e lavoro agile  (Letto 202 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Marco Antonetti

  • Membro Super
  • *****
  • Post: 251
    • Mostra profilo
    • E-mail
Coronavirus e lavoro agile
« Risposta #1 il: 19 Marzo 2020, 11:47:49 »
Buongiorno, ho seguito i vari commenti sull'applicazione dell'art.87 del Decreto del 17 marzo.
Premetto che il mio ufficio non ricade tra i cosiddetti "servizi indifferibili" come individuati con nostra ordinanza sindacale.
Io non sono Dirigente. Premetto anche che come in molti Comuni non è stato ufficialmente attivato lo smart-working.
Ho fatto che la modalità di lavoro ordinaria in emergenza COVID-19 è il lavoro agile. Ho chiesto della possibilità di restare a casa in attesa che venga attivato lo smart-working (penso in tempi non brevi), ma mi è stato risposto che in attesa della predisposizione delle modalità di lavoro agile, o vengo a lavorare di presenza oppure mi obbligheranno ad usufruire delle ferie 2020, suppongo fino ad esaurimento.
Cosa ne pensate? Possono obbligarmi a fare tutte le ferie solo perchè io voglio affermare il mio diritto di lavorare a casa?