Autore Topic: Ambulante con somministrazione in area privata  (Letto 143 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline CommSuap

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 5
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:Ambulante con somministrazione in area privata
« Risposta #3 il: 26 Maggio 2020, 17:41:02 »
Egr. dr. Maccantelli La ringraziamo molto della dettagliata risposta.

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Ambulante con somministrazione in area privata
« Risposta #3 il: 26 Maggio 2020, 17:41:02 »

 


Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 4.921
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Ambulante con somministrazione in area privata
« Risposta #2 il: 22 Maggio 2020, 19:58:09 »
Direi di no. Parto con il dire che se manca l'area pubblica, allora non è "commercio su area pubblica". Il titolo posseduto dal commerciante non, quindi, idoneo, all'esercizio dell'attività prospettata. Possiamo poi discutere di che cosa si tratti ma, sicuramente, non è commercio su AAPP.

Parola più parola meno in base alle norme regionali, per commercio su aree pubbliche, si intendono le attività di vendita al dettaglio e di somministrazione effettuate sulle aree pubbliche, comprese quelle del demanio marittimo o su aree private delle quali il comune abbia la disponibilità;
per aree pubbliche, si inendono le strade, le piazze, i canali, comprese quelle di proprietà privata gravate da servitù di pubblico passaggio e ogni altra area di qualunque natura destinata ad uso pubblico;

A parere di chi scrive, l’elemento di base per definire il commercio su AAPP è la disponibilità giuridica dell’area da parte di un soggetto pubblico, area in cui si recono i commercianti. In quell’area il comune deve poter applicare le norme e il regolamento sulla gestione del suolo ai fini commerciali con le dovute garanzie di imparzialità. In altre parole, i commercianti non devono poter vantare diritti reali (o comunque un possesso esclusivo) ma devono soggiacere alle regole di accesso basate sull’imparzialità e l’evidenza pubblica.

Nel caso di specie, l'esercente va a costituire un esercizio in sede fissa, ancorché temporaneo. Potrebbe anche abilitarsi come tale ma manca la destinazione d'uso compatibile. Tutti lo potrebbero fare ma è chiaro che la destinazione d'uso residenziale non è compatibile con l'esercizio commerciale.

Si veda il TAR Napoli n. 3622/2012 relativamente all’esercizio su aree private. Il Comune ha legittimamente sanzionato un operatore itinerante che esercitando stabilmente su area privata aveva dato vita, nei fatti, ad un esercizio di vendita/somministrazione in sede fissa.

Offline CommSuap

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 5
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Ambulante con somministrazione in area privata
« Risposta #1 il: 22 Maggio 2020, 16:53:00 »
Inviamo il seguente quesito al dr. Chiarelli, posto allo scrivente Comune del Veneto:
"Un ambulante itinerante abilitato alla somministrazione di alimenti e bevande (food truck), che in questo periodo non partecipa a fiere e sagre (in quanto non organizzabili), può installare il proprio mezzo nel cortile di casa, attrezzare l'area (privata) con panche e sedie e somministrare al pubblico alimenti e bevande? In sostanza, in forza del titolo posseduto (autorizzazione itinerante) può esercitare a casa propria? " Ringraziamo in anticipo del parere del dr. Chiarelli, esperto in materia.