Autore Topic: Apertura Media struttura di vendita per accorpamenti e/o concentrazioni  (Letto 329 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Warrior2020

  • Esperto
  • ***
  • Post: 78
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Grazie, mi è tutto chiaro e condivido l'impostazione. Tuttavia avevo una perplessità legata al concetto di concentrazione così come definito dal TUC Lazio. Lì si parla di unione di più medie o grandi strutture in una nuova media o grande struttura.
Il TUC Campania prevede invece la concentrazione di "più esercizi commerciali".
La mia domanda dunque è: possono essere anche più esercizi di vicinato a unirsi in una nuova media struttura, a differenza di quanto avviene nel Lazio dove si parole specificamente di medie e grandi strutture?
Warrior

Forum del Portale Omniavis.it

 


Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.095
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
1) gli esercizi commerciali esistenti ed attivi che andrebbero ad accorparsi o a concentrarsi devono vendere le medesime categorie merceologiche e i medesimi codici Ateco della nascente Media struttura? Se, ad esempio, io intendo aprire un supermercato che vende cose miste (abbigliamento, alimentari, libri, merceria, etc...) posso nascere dall'accorpamento di un esercizio di vicinato di calzature o di elettronica o anche di telefonia?

A parere mio non ci sono problemi. I settori merceologici sono due alimentare e non alimentare. il d.lgs. n. 59/2010 e i decreti “Monti” del 2011/2012 non premettono misure ostative che si possono imporre sul genere merceologico in modo aprioristico. Le misure ostative sono imponibili solo per motivate esigenze di tutela di motivi imperativi di interesse generale (salute, ordine pubblico, decoro urbano ecc.), NON per esigenze legate al condizionamento (anche implicito) della concorrenza.

2) Come avviene amministrativamente l'accorpamento o la concentrazione? Gli esercizi che intendono accorparsi devono fare contestuale comunicazione di cessazione dell'attività o scia di trasferimento di sede? O basta solo l'istanza di rilascio autorizzazione alla media struttura dando atto nell'istanza delle autorizzazioni che si accorpano o si concentrano?
Grazie mille.


La regione Campania ha commesso un errore redazionale (passami il termine) perché non ha definito gli accorpamenti. Almeno non ho visto le definizioni... magari puoi aggiungere tu info in materia. Detto questo bisogna navigare a vista e interpretare con ragionevolezza.

La norma campana è ripresa da quella del Lazio (magari anche da altre ma mi viene in mente quella). La regione Lazio dispone le stesse cose ma definisce le fattispecie, con le dovute cautele puoi tenere a mente queste definizioni:

accorpamento: l'ampliamento della superficie di vendita di una media o grande struttura mediante l'aggiunta delle superfici di vendita di medie o grandi strutture preesistenti e contigue sul piano edilizio, operanti da almeno tre anni e facenti capo a uno stesso titolare;
concentrazione: la riunione in una nuova media o grande struttura di vendita, di medie e grandi strutture preesistenti ed operanti da almeno tre anni nell'ambito dello stesso comune e facenti capo a uno stesso titolare, nei limiti di superficie previsti per le rispettive tipologie;


A parere mio non è un trasferimento ma la nascita un nuovo organismo commerciale, meglio cessazione e contestuale avvio attività

Offline Warrior2020

  • Esperto
  • ***
  • Post: 78
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Apertura Media struttura di vendita per accorpamenti e/o concentrazioni
« Risposta #1 il: 10 Giugno 2020, 18:26:51 »
Premesso che l'art. 27, comma 4 del nuovo Testo Unico del Commercio Regione Campania recita: "Le autorizzazioni all'apertura o all'ampliamento di una media struttura di vendita sono concessenel rispetto delle norme urbanistiche vigenti e della dotazione delle aree minime destinate al parcheggio, se concorrono le seguenti condizioni:
a) accorpamenti o concentrazioni di più esercizi commerciali esistenti ed attivi in forma continuativa da almeno un triennio "

gli interrogativi che mi pongo sono:
1) gli esercizi commerciali esistenti ed attivi che andrebbero ad accorparsi o a concentrarsi devono vendere le medesime categorie merceologiche e i medesimi codici Ateco della nascente Media struttura? Se, ad esempio, io intendo aprire un supermercato che vende cose miste (abbigliamento, alimentari, libri, merceria, etc...) posso nascere dall'accorpamento di un esercizio di vicinato di calzature o di elettronica o anche di telefonia?
2) Come avviene amministrativamente l'accorpamento o la concentrazione? Gli esercizi che intendono accorparsi devono fare contestuale comunicazione di cessazione dell'attività o scia di trasferimento di sede? O basta solo l'istanza di rilascio autorizzazione alla media struttura dando atto nell'istanza delle autorizzazioni che si accorpano o si concentrano?
Grazie mille.
Warrior