Autore Topic: COMMERCIO SU AREA PUBBLICA  (Letto 325 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 20.440
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:COMMERCIO SU AREA PUBBLICA
« Risposta #2 il: 18 Giugno 2020, 13:52:16 »
ABBIAMO AVVIATO LA PROCEDURA DI DECADENZA DELLA CONCESSIONE E CONSEGUENTE REVOCA DELL'AUTORIZZAZIONE DI TIPO A POSTEGGIO MERCATALE A SEGUITO ELEVATO NUMERO DI ASSENZE PRIVE DI GIUSTIFICAZIONE (23) BEN SUPERIORE QUINDI A QUELLE AMMESSE (17).
LA DITTA INTERESSATA HA FATTO PERVENIRE LE PROPRIE GIUSTIFICAZIONI ALLEGANDO COPIA DI CERTIFICATI MEDICI CHE AFFERMA NON AVER POTUTO TRASMETTERE IN QUANTO AFFERMA VERBALMENTE ESSERE DEPOSITATI SUL PROPRIO FURGONE OGGETTO DI SEQUESTRO. IL PERIODO DI SEQUESTRO A QUANTO RISULTA DALLA DOCUMENTAZIONE E' DURATO SOLAMENTE TRE MESI.
INOLTRE AFFERMA NON ESSERE CORRETTO IL NUMERO DI ASSENZE IMPUTATELE ALLEGANDO DELLA DOCUMENTAZIONE FISCALE CHE "ATTESTEREBBE VENDITE" DIMOSTRANDO, A SUO DIRE, LA PRESENZA AL MERCATO DI TRE GIORNATE.
LA NORMA PREVEDE CHE LE GIUSTIFICAZIONI DI ASSENZE DEBBANO PERVENIRE AL COMUNE ENTRO TRENTA GIORNI DA VERIFICARSI DELL'ASSENZA STESSA.
E' POSSIBILE GIUSTIFICARE CON LA DOCUMENTAZIONE PERVENUTA LE ASSENZE IMPUTATELE?

Non è ragionevole ritenere che il soggetto non abbia chiesto il dissequestro di tali documenti, quindi appare una giustificazione poco ragionevole (oltre a riguardare un periodo limitato).
Inoltre se risulta sospetta la presenza di certificati e la loro veridicità consiglio di effettuare ulteriori accertamenti presso il medico e/o segnalando alle competenti autorità.
Sembra che vi siano tutti i presupposti per la decadenza.

Forum del Portale Omniavis.it

Re:COMMERCIO SU AREA PUBBLICA
« Risposta #2 il: 18 Giugno 2020, 13:52:16 »

 


Offline GIUDITTA TABARELLI

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 1
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
COMMERCIO SU AREA PUBBLICA
« Risposta #1 il: 18 Giugno 2020, 12:58:16 »
ABBIAMO AVVIATO LA PROCEDURA DI DECADENZA DELLA CONCESSIONE E CONSEGUENTE REVOCA DELL'AUTORIZZAZIONE DI TIPO A POSTEGGIO MERCATALE A SEGUITO ELEVATO NUMERO DI ASSENZE PRIVE DI GIUSTIFICAZIONE (23) BEN SUPERIORE QUINDI A QUELLE AMMESSE (17).
LA DITTA INTERESSATA HA FATTO PERVENIRE LE PROPRIE GIUSTIFICAZIONI ALLEGANDO COPIA DI CERTIFICATI MEDICI CHE AFFERMA NON AVER POTUTO TRASMETTERE IN QUANTO AFFERMA VERBALMENTE ESSERE DEPOSITATI SUL PROPRIO FURGONE OGGETTO DI SEQUESTRO. IL PERIODO DI SEQUESTRO A QUANTO RISULTA DALLA DOCUMENTAZIONE E' DURATO SOLAMENTE TRE MESI.
INOLTRE AFFERMA NON ESSERE CORRETTO IL NUMERO DI ASSENZE IMPUTATELE ALLEGANDO DELLA DOCUMENTAZIONE FISCALE CHE "ATTESTEREBBE VENDITE" DIMOSTRANDO, A SUO DIRE, LA PRESENZA AL MERCATO DI TRE GIORNATE.
LA NORMA PREVEDE CHE LE GIUSTIFICAZIONI DI ASSENZE DEBBANO PERVENIRE AL COMUNE ENTRO TRENTA GIORNI DA VERIFICARSI DELL'ASSENZA STESSA.
E' POSSIBILE GIUSTIFICARE CON LA DOCUMENTAZIONE PERVENUTA LE ASSENZE IMPUTATELE?