Autore Topic: onicotecnica a domicilio?  (Letto 326 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.194
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:onicotecnica a domicilio?
« Risposta #2 il: 24 Giugno 2020, 17:57:08 »
La normativa regionale nasce abbastanza liberista, prevedendo una discriminate in base al tipo di attività che effettivamente veniva svolta: con o senza preparazione dell’unghia e della pelle che la contorna.

Nel 2008, su pressione delle associazioni, la Regione abroga il comma 2 dell’art. 43 del regolamento regionale 47R/2007. L’intento è quello di riservare la possibilità di esercizio di onicotecnica, nel suo complesso, alle estetiste abilitate come tali.

Nel 2011, constatata l’incertezza giuridica che si era determinata e constatata la reale situazione con molte operatrici che continuavano a svolgere l’attività in assenza dei requisiti formativi, la Regione ha predisposto una nuova modifica alla norma del 2007 con il DPGR n. 31R/2011.
Prima di tutto ha puntualizzato, con il comma 1-bis dell’art. 43, la necessità del requisito professionale anche in assenza di preparazione dell’unghia e della pelle di contorno, poi ha previsto, per questa ultima ipotesi, una disposizione transitoria (confluita anch’essa nel DPGR 47R/2007) con percorsi formativi agevolati ad applicazione differita (entro il 2015 – vedi art. 102-bis)

A parere mio (non è però un’affermazione pacifica), resta fuori dall’attività estetica la sola apposizione di smalti colorati.

Quindi, alla domanda ti rispondo che prima di porsi il problema dell’attività al domicilio, l’attività appare non praticabile per mancanza del requisito professionale

Forum del Portale Omniavis.it

Re:onicotecnica a domicilio?
« Risposta #2 il: 24 Giugno 2020, 17:57:08 »

 


Offline PAOLA

  • Membro Senior
  • ****
  • Post: 210
    • Mostra profilo
onicotecnica a domicilio?
« Risposta #1 il: 24 Giugno 2020, 08:50:45 »
Salve,
una utente ha il corso di onicotecnica, ma NON ha il requisito professionale di estetista, ha fatto solo questo corso. Consapevole del fatto che non ha il requisito di estetista, vorrebbe aprirsi una partita IVA e fare questo lavoro per conto di terzi, cioè andando nelle case delle persone, ma senza farlo "in nero".
Ho dei grossi dubbi sulla fattibilità, anche se non è estetista, credo che non possa farlo.
Quali indicazioni sono corrette?
Grazie