Autore Topic: Somministrazioni temporanee all’aperto  (Letto 87 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 4.978
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Somministrazioni temporanee all’aperto
« Risposta #2 il: 27 Giugno 2020, 07:59:07 »
La ratio dell’ordinanza regionale n. 65 abbastanza chiara:
…di confermare la riapertura delle sagre alle quali si applicano le linee guida relative ai vari settori di interesse quali ad es ristorazione, commercio al dettaglio su aree pubbliche, ecc; Resta fermo che le suddette attività potranno comunque essere soggette alla regolamentazione da parte dei comuni finalizzata a garantire accessi scaglionati in relazione agli spazi disponibili per evitare il sovraffollamento dell’area ed assicurare il distanziamento interpersonale;

La ristorazione temporanee è l’essenza stessa delle sagre (la LR 62/2018 definisce le sagre in modo preciso). La ristorazione seguirà le schede tecniche di riferimento. Se ci sono i banchi per la vendita, questi seguiranno l’ordinanza n. 63, ecc. Il ballo meglio evitare. E’ vero che la Toscana ha approvato delle linee guida sul caso ma l’uso del suolo pubblico implica delle responsabilità in capo al Comune che è meglio evitare. Magari, se proprio si vuole, meglio un concerto come da linee guida: numero chiuso, prenotazioni, posti a sedere distanziati, entrate e uscite separate, ecc. Le norme anti covid portano quindi, per il concerto, alla sicura applicazione dell’art. 80 TULPS…

Per la somministrazione temporanea è impossibile tracciare un confine certo fra eventi degli di nota ai quali si può collegare la somm.ne. e quelli non rilevanti. Fra le altre cose, la LR indica: eventi locali straordinari e di eventi e manifestazioni organizzate da enti del terzo settore. Qua dentro ci può stare tutto. Il comune può adottare dei criteri interpretativi o ratificare l’iniziativa facendola diventare, di fatto, un evento straordinario (straordinario nel senso di non pianificato preventivamente)

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Somministrazioni temporanee all’aperto
« Risposta #2 il: 27 Giugno 2020, 07:59:07 »

 


Offline Abetone Forum

  • Esperto
  • ***
  • Post: 86
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Somministrazioni temporanee all’aperto
« Risposta #1 il: 26 Giugno 2020, 15:36:07 »
E’ possibile ad oggi, viste le linee guida nazionali e regionali per il contrasto della diffusione del COVID effettuare attività di somministrazione temporanea all’aperto?
Nello specifico, ci è stato chiesto se è possibile da parte di un’associazione locale organizzare delle cene in piazza, che abitualmente vengono organizzate tutte le estati anche con ballo e musica (quest’anno escludendo ovviamente il ballo e lasciando solo la cena).
Dalle linee guida si ricava che sono consentite le sagre e fiere locali, con la previsione che se al loro interno è prevista la somministrazione occorre attenersi alle linee guida specifiche pe la somministrazione, quindi  si potrebbe pensare che è consentita anche una cena in piazza, sempre nel rispetto delle linee guida per la somministrazione ed evitando assembramenti…è così?   
Inoltre un’altra associazione vorrebbe durante tutta l’estate da ora fino a fine agosto, con cadenza di due volte a settimana,  organizzare un calendario di piccoli eventi (tipo presentazione di un libro, laboratori di cucina, ecc.), durante i quali effettuare anche attività di somministrazione a pagamento.
Secondo voi un’attività del genere ha i requisiti per rientrare nella somministrazione temporanea dell’art. 52 della L.R. Toscana 62/2018, pur non essendo collegata ad un evento vero e proprio ma a piccole attività organizzate comunque per richiamare gente?               
Grazie tante, un saluto