Autore Topic: Smart working recenti sviluppi  (Letto 89 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Online Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 20.784
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Chiarelli Simone
    • E-mail
Re:Smart working recenti sviluppi
« Risposta #2 il: 30 Luglio 2020, 14:47:38 »
Alla luce dei recenti sviluppi in materia smart working
1) da che data è previsto il rientro in presenza?
MAI, la nuova normativa proroga la gestione emergenziale a dicembre 2020 e poi dal 2021 prevede almeno il 60% del personale in lavoro agile ordinario.


2) il rientro in presenza può essere richiesto al dipendente su base volontaria?
Può essere chiesto ma non è un diritto. La scelta della modalità di lavoro spetta al datore di lavoro.
E' ragionevole dare priorità alle richieste individuali (soprattutto se motivate da esigenze personali e logistiche), ma va data priorità alla salute individuale e collettiva


3) il rientro in presenza può essere richiesto  anche a quei servizi che possono essere svolti in remoto non avevo contatto con il pubblico?
Come sopra. In via prioritaria si sta in AGILE, solo motivando si va in presenza (il meno possibile)

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Smart working recenti sviluppi
« Risposta #2 il: 30 Luglio 2020, 14:47:38 »

 


Offline Lis@

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Smart working recenti sviluppi
« Risposta #1 il: 30 Luglio 2020, 11:22:40 »
Alla luce dei recenti sviluppi in materia smart working
1) da che data è previsto il rientro in presenza?
2) il rientro in presenza può essere richiesto al dipendente su base volontaria?
3) il rientro in presenza può essere richiesto  anche a quei servizi che possono essere svolti in remoto non avevo contatto con il pubblico?