Autore Topic: Decesso acconciatore artigiano e subingresso da parte degli eredi  (Letto 101 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.116
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Decesso acconciatore artigiano e subingresso da parte degli eredi
« Risposta #2 il: 07 Settembre 2020, 18:00:06 »
1)  E' legittima questa comunicazione, mancando il consenso di 2 eredi?

La PA non può assumere ruoli che non le appartengono e indagare nelle vicende private andando a scoprire quanti sono gli eredi nella realtà. Hai la sicurezza legale che sono 3 come dici? Hai letto il testamento? In caso di controversie, saranno gli altri eredi che procederanno con i loro legali. Io assumerei al protocollo la comunicazione.

2) E' possibile che gli altri 2 chiedano l'annullamento della pratica? Si precisa che la locale Camera di commercio il giorno dopo la presentazione della pratica al portale ha chiuso la posizione.

Tutto è possibile ma occorre vedere caso per caso. Se poi si arriva all’avvio di un procedimento giurisdizionale sarà il giudice a stabile le sorti dell’azienda. Fino a quel momento tutto resterà “congelato”

3) il subingresso mortis causa prevede la costituzione di una società tra gli eredi?  non troviamo riferimenti normativi in merito;

Anche no. Gli eredi possono decidere di non voler esercitare l’attività del de cuius e cedere l’azienda da meri proprietari non esercenti, senza essere tenuti ad attivare l’azienda e quindi senza obbligo di iscrizione al Registro Imprese o di comunicazione al comune competente

4) se gli eredi fossero d'accordo nell'affittare o vendere l'azienda del de cuius avrebbero comunque dovuto costituire 1 società ?

Vedi sopra e vedi articoli come questo:
https://st.ilsole24ore.com/art/norme-e-tributi/2016-11-07/cosi-l-azienda-passa-eredi-005216.shtml?uuid=ADC0bUiB

o le risoluzioni MiSE
https://www.mise.gov.it/images/stories/impresa/consumatori/365809dettfisso.pdf



Forum del Portale Omniavis.it

Re:Decesso acconciatore artigiano e subingresso da parte degli eredi
« Risposta #2 il: 07 Settembre 2020, 18:00:06 »

 


Offline CommSuap

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 13
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Decesso acconciatore artigiano e subingresso da parte degli eredi
« Risposta #1 il: 06 Settembre 2020, 12:44:11 »
Salve, al ns. Suap è pervenuta una comunicazione di cessazione attività per decesso della titolare (ditta individuale artigianale di acconciatore), esattamente 30 giorni dopo la data del decesso. La pratica di cessazione è stata presentata da 1 coerede ma in realtà gli eredi sono 3.
Si chiede:
1)  E' legittima questa comunicazione, mancando il consenso di 2 eredi?
2) E' possibile che gli altri 2 chiedano l'annullamento della pratica? Si precisa che la locale Camera di commercio il giorno dopo la presentazione della pratica al portale ha chiuso la posizione.
3) il subingresso mortis causa prevede la costituzione di una società tra gli eredi?  non troviamo riferimenti normativi in merito;
4) se gli eredi fossero d'accordo nell'affittare o vendere l'azienda del de cuius avrebbero comunque dovuto costituire 1 società ?
Grazie in anticipo delle risposte.