Autore Topic: Art 8bis 241/ 90  (Letto 79 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.188
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:Art 8bis 241/ 90
« Risposta #2 il: 09 Ottobre 2020, 17:38:17 »
Solo la giurisprudenza, se e quando sarà tendenzialmente orientata in modo univoco, potrà rispondere a domande del genere. Io mi limito a rilevare (pensieri scritti) che una volta decorso il termine di sessanta giorni, si forma il silenzio diniego, che può essere impugnato dall'interessato in sede giurisdizionale nel consueto termine di sessanta giorni (come un comune provvedimento espresso). In ogni caso, quindi, la PA avrebbe l’obbligo di pronunciarsi secondo i modi dell’autotutela andando a rimuovere un provvedimento che reputa non legittimo e lesivo dell’interesse legittimo del privato.

Il comma 8-bis, a parere mio non è molto innovativo nei casi in cui il provvedimento emesso dopo il silenzio significativo è di senso opposto al valore del silenzio. In questi casi, la giurisprudenza ha messo in luce che la PA ha solo la strada dell’autotutela. Con l’attuale 8-bis, questa cosa è sancita per legge e non più per “giurisprudenza”.

Quindi, benché nel caso che descrivi forse il comma 8-bis non è applicabile visto tenero letterale dei presupposti di legge citati dallo stesso comma (conferenza dei servizi, 17-bis, silenzio ASSENSO), io non rischierei e procederei, in ogni caso, con l’annullamento formale del diniego tacito (se questa è la volontà)

Forum del Portale Omniavis.it

Re:Art 8bis 241/ 90
« Risposta #2 il: 09 Ottobre 2020, 17:38:17 »

 


Offline Zia

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 5
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Art 8bis 241/ 90
« Risposta #1 il: 07 Ottobre 2020, 11:07:37 »
Nel caso di Permesso di costruire per accertamenti di conformità di cui art 36 DPR 380/ 01 emesso oltre i termini (60gg), si deve ritenere nullo ai sensi dell'art 8bis della 241/90?
Grazie