Autore Topic: commercio in area pubblica itinerante  (Letto 123 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline paolo.fogo

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 11
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:commercio in area pubblica itinerante
« Risposta #3 il: 19 Novembre 2020, 00:44:05 »
Grazie, la tua risposta mi aiuta a confermare quello che più o meno avevo ipotizzato, il problema è che io ho un itinerante (pesce) storico che viene al   giovedi sera da tempo in frazione (una sola volta alla settimana)  ed un nuovo itinerante (sempre pesce) che ha cominciato a venire quatto giorni alla sera in un quartiere del centro, e ovviamente  il primo ha cominciato a lamentarsi quindi volevo trovare una regola che possa creare equità e giusta concorrenza commerciale.

Forum del Portale Omniavis.it

Re:commercio in area pubblica itinerante
« Risposta #3 il: 19 Novembre 2020, 00:44:05 »

 


Offline Mario Maccantelli

  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 5.287
    • Mostra profilo
    • http://www.omniavis.it/web/forum/
    • E-mail
Re:commercio in area pubblica itinerante
« Risposta #2 il: 18 Novembre 2020, 15:29:42 »
In assenza di precise disposizioni regolamentari a livello comunale, le uniche limitazioni sono quelle della LR: è consentita la sosta per il tempo strettamente necessario per servire il consumatore, fino ad un massimo di due ore nello stesso posto, con successivo spostamento di almeno duecentocinquanta metri.

A livello regolamentare potresti aggiungere che lo stesso soggetto non può occupare lo stesso posto se non decorse tot ore rispetto alla prima occupazione ma sono cose difficili da realizzare (tizio si posiziona a 20 metri dal primo stallo e non è la stessa posizione). Disporre che uno stesso operatore non possa esercitare nel territorio di un comune (compresi quelli che lì hanno la sede altrimenti sarebbe discriminante) per non più di tot. giorni a settimana la vedo come un’imposizione non troppo legittima. A parere mio, avrebbe poche probabilità di resistere ad un eventuale ricorso di legittimità presso il TAR. Sarebbe un’intromissione peccessiva nell’esercizio di una legittima attività commerciale e non se ne comprenderebbe la motivazione.

Meglio quindi, regolare differentemente la cosa: inibire determinate aree in modo puntale basandosi sulla pericolosità stradale e sostenibilità urbana; introdurre limiti spazio/temporali particolari; introdurre aree urbane di divieto all’interno delle quali è possibile usare solo determinati posteggi a rotazione fra li operatori (max 3 ore al giorno ciascuno) pagando un ticket cosap; e altre cose del genere

Offline paolo.fogo

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 11
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
    • E-mail
commercio in area pubblica itinerante
« Risposta #1 il: 16 Novembre 2020, 21:11:45 »

Domanda semplice
un commerciante itinerante non residente (licenza avuta dal comune di residenza) può sostare tutte le sere nel medesimo posto? (comune diverso dalla residenza) Ha delle limitazioni oltre le due ore massime previste ?

Può il Comune all'interno del proprio regolamento del commercio su aree pubbliche regolamentare la cosa, per esempio limitando i giorni di presenza nel proprio territorio dello stesso commerciante?  Grazie
Paolo geom. Fogo tecnico comunale Comune di Samt'Elena (Padova) responsabile commercio   saluti