Autore Topic: PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE  (Letto 9539 volte)

Offline michi1310

  • Esperto
  • ***
  • Post: 139
  • Karma: +2/-0
    • Mostra profilo
    • E-mail
PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« il: Settembre 04, 2012, 11:42:56 am »
Scusate, legge alla mano non riesco a trovare il riferimento: una ditta individuale puo' nominare un preposto avente i requisiti professionali per un'attività somministrazione alimenti e bevande ......... sono proprio in tilt oggi!

Michela

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #1 il: Settembre 04, 2012, 02:56:20 pm »
L.R. 6/2010 e smi
Art. 66
Requisiti professionali per l’esercizio dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande.

1. L'esercizio dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande è subordinato al possesso, in capo al titolare dell'impresa individuale o suo delegato o, in caso di società, associazione od organismi collettivi al legale rappresentante, o ad altra persona preposta all'attività commerciale, di uno dei seguenti requisiti professionali
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline stefano argiolas

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 29
  • Karma: +2/-0
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #2 il: Settembre 04, 2012, 04:37:29 pm »
Art. 8 DLgs 147 del 6 agosto 2012. Modifica l'art. 71 del DLgs 59/2010

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #3 il: Settembre 04, 2012, 05:11:56 pm »
Esatto, ora anche a livello nazionale è stata introdotta la possibilità di nominare un delegato per le ditte individuali, possibilità che in Regione Lombardia era prevista già dalla l.r. 30/2003 prima e poi, salvo un breve periodo, dalla l.r. 6/2010.

Infatti il nuovo comma 6-bis del d.lgs. 59/2010 prevede che "Sia per le imprese individuali che in caso di società, associazioni od organismi collettivi, i requisiti professionali di cui al comma 6 devono essere posseduti dal titolare o rappresentante legale, ovvero, in alternativa, dall'eventuale persona preposta all'attività commerciale".

 
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline michi1310

  • Esperto
  • ***
  • Post: 139
  • Karma: +2/-0
    • Mostra profilo
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #4 il: Settembre 05, 2012, 08:11:07 am »
Grazie mille, ne ero sicura, ma piu' continuavo a cercare il riferimento più non lo trovavo!  ;)

Offline Paolo Ravelli

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 25
  • Karma: +3/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #5 il: Settembre 13, 2012, 07:16:53 pm »
Un dubbio che ma ha fatto sorgere un cittadino che ha richiesto l'apertura, come ditta individuale, di un panificio (mera rivendita pane, quindi "vicinato") in due comuni diversi: in uno di questi gli ha richiesto  "il preposto"  per svolgere l'attività di commercio al minuto in sua vece nell'interno di un punto vendita. A parte gli adempimenti come dipendenti assunti (previdenziali, assicurativi e quant'altro), per me è una cosa non richiesta, non trattandosi di somministrazione. Sbaglio?

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #6 il: Settembre 13, 2012, 08:24:30 pm »
Il comma 6 dell'art. 5 del d.lgs. 114/98, che non prevedeva la possibilità di nomina del preposto per le ditte individuali,  è stato abrogato dal comma 7 dell’art. 71, D.Lgs. 26 marzo 2010, n. 59, come modificato dalla lett. i) del comma 1 dell’art. 8, D.Lgs. 6 agosto 2012, n. 147.

Quindi ora anche per la vendita vale la possibilità di nomina.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline Paolo Ravelli

  • Membro Junior
  • **
  • Post: 25
  • Karma: +3/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #7 il: Settembre 14, 2012, 12:14:30 pm »
Ok. Grazie. Sin qui ci siamo. Io,  ditta individuale, voglio aprire un vicinato alimentare, non ho il requisito professionale, posso nominare un "preposto" che abbia il requisito.
Ma se io il requisito lo posseggo, non devo nominare un "preposto" che mi sia presente, in vece mia, nell'attività....
Lo regolarizzerò dal punto di vista previdenziale ecc, ma non per il fatto che è lui ad essere presente nel negozio, questo debba aver tale "nomina". Giusto?

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 9181
  • Karma: +83/-9
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #8 il: Settembre 14, 2012, 02:19:40 pm »
Ok. Grazie. Sin qui ci siamo. Io,  ditta individuale, voglio aprire un vicinato alimentare, non ho il requisito professionale, posso nominare un "preposto" che abbia il requisito.
Ma se io il requisito lo posseggo, non devo nominare un "preposto" che mi sia presente, in vece mia, nell'attività....
Lo regolarizzerò dal punto di vista previdenziale ecc, ma non per il fatto che è lui ad essere presente nel negozio, questo debba aver tale "nomina". Giusto?

Certo, se il titolare possiede i requisiti non serve che nomini un preposto. Lo terrà come dipendente o collaboratore e lo regolarizzerà sotto il profilo previdenziale.
Nè il preposto (legale rappresentante o collaboratore) nè il titolare hanno l'obbligo di essere costantemente presenti nell'esercizio.
Dott. Simone Chiarelli
Per quesiti e approfondimenti utilizzare il FORUM

Sito: www.omniavis.it
Facebook: https://www.facebook.com/OmniavisUnipersonale
Twitter: https://twitter.com/omniavis
Youtube: http://www.youtube.com/user/omniavis
LinkedIn: http://www.linkedin.com/groups/Diritto-Amministrativo-Enti-Locali-SUAP-3899521?trk=myg_ugrp_ovr
Blog: http://www.omniavis.it/blog/

Per contatti diretti: staff@omniavis.it
Cell. 338 22 77777

----------------------
Segreteria della Omniavis srl
staff@omniavis.it
Tel. 055 6236286
Cell. 3409671716
Fax 05593931177
----------------------
www.omniavis.it

Offline Elena Bottoni

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 1
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #9 il: Aprile 11, 2013, 08:12:07 pm »
Buonasera, avrei un quesito (non so se è una domanda a cui esiste già una risposta in altri post, ma non ne ho trovate):

un titolare di impresa individuale è intenzionato ad aprire un negozio di agraria; tra i prodotti commercializzati ve ne sono alcuni considerati alimentari in quanto destinati all'alimentazione di animali da allevamento destinati al consumo umano. Ora, il titolare non è ancora in possesso dei requisiti per il commercio di tali prodotti in quanto deve ancora iniziare il corso, ma ha la sorella in possesso dell'iscrizione al REC. La sorella è disponibile a fare da preposto alla vendita al fratello per il tempo necessario al conseguimento del corso di questo, però di fatto non partecipa alla conduzione dell'attività.
Che tipo di inquadramento previdenziale/assicurativo/fiscale va fatto, dal momento che la sola dichiarazione di preposto sulla SCIA di inizio attività sembra non basti al Suap?
Grazie per la cortese risposta!

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 9181
  • Karma: +83/-9
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #10 il: Aprile 11, 2013, 08:16:03 pm »
Buonasera, avrei un quesito (non so se è una domanda a cui esiste già una risposta in altri post, ma non ne ho trovate):

un titolare di impresa individuale è intenzionato ad aprire un negozio di agraria; tra i prodotti commercializzati ve ne sono alcuni considerati alimentari in quanto destinati all'alimentazione di animali da allevamento destinati al consumo umano. Ora, il titolare non è ancora in possesso dei requisiti per il commercio di tali prodotti in quanto deve ancora iniziare il corso, ma ha la sorella in possesso dell'iscrizione al REC. La sorella è disponibile a fare da preposto alla vendita al fratello per il tempo necessario al conseguimento del corso di questo, però di fatto non partecipa alla conduzione dell'attività.
Che tipo di inquadramento previdenziale/assicurativo/fiscale va fatto, dal momento che la sola dichiarazione di preposto sulla SCIA di inizio attività sembra non basti al Suap?
Grazie per la cortese risposta!

TUTTI I MANGIMI, ormai è stato chiarito ufficialmente, sono NON ALIMENTARI anche se destinati ad animali diretti al consumo umano:
http://www.omniavis.it/web/forum/index.php?topic=3036.msg22657#msg22657

Quindi il problema non si pone
Dott. Simone Chiarelli
Per quesiti e approfondimenti utilizzare il FORUM

Sito: www.omniavis.it
Facebook: https://www.facebook.com/OmniavisUnipersonale
Twitter: https://twitter.com/omniavis
Youtube: http://www.youtube.com/user/omniavis
LinkedIn: http://www.linkedin.com/groups/Diritto-Amministrativo-Enti-Locali-SUAP-3899521?trk=myg_ugrp_ovr
Blog: http://www.omniavis.it/blog/

Per contatti diretti: staff@omniavis.it
Cell. 338 22 77777

----------------------
Segreteria della Omniavis srl
staff@omniavis.it
Tel. 055 6236286
Cell. 3409671716
Fax 05593931177
----------------------
www.omniavis.it

Offline GF

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #11 il: Aprile 17, 2013, 10:51:54 pm »
Buonasera,

volevo chiedervi gentilmente se, in caso di una srl con socio amministratore , sarebbe possibile nominare come preposto alla somministrazione di alimenti e bevande un altro socio (non amministratore).
Se si, vorrei comprendere quali sono le responsabilità in capo al socio preposto e se, in questo caso,  sarebbe necessario inquadrare lo stesso socio preposto come collaboratore della società.

Grazie mille

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #12 il: Aprile 18, 2013, 09:26:32 am »
Citazione
volevo chiedervi gentilmente se, in caso di una srl con socio amministratore , sarebbe possibile nominare come preposto alla somministrazione di alimenti e bevande un altro socio (non amministratore).
CERTAMENTE. PER LA NS. LEGGE REGIONALE NON VIGE ALCUN OBBLIGO DI RAPPORTO DI LAVORO TRA DITTA/SOCIETA' E PREPOSTO.

Citazione
Se si, vorrei comprendere quali sono le responsabilità in capo al socio preposto e se, in questo caso,  sarebbe necessario inquadrare lo stesso socio preposto come collaboratore della società.
IL SOGGETTO PREPOSTO  ALLA SOMMINISTRAZIONE E' COLUI, CHE AVENDO I REQUISITI PROFESSIONALI, PERMETTE ALL'IMPRESA DI AVVIARE L'ATTIVITA'.
A MENO CHE COINCIDA CON IL SOGGETTO CHE CONDUCE IL LOCALE NON MI RISULTA ESISTA UNA NORMA CHE GLI ATTRIBUISCA PARTICOLARI RESPONSABILITA'.
IL MISE CON RISOLUZIONE DEL 21.10.2008 PROT. 0036201 HA CHIARITO CHE LA RESPONSABILITA' E' SEMPRE DEL TITOLARE/LEGALE RAPPRESENTANTE.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline GF

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 2
  • Karma: +0/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #13 il: Aprile 18, 2013, 08:08:37 pm »
La ringrazio molto della sua risposta.

Approfitto della sua gentilezza per chiarire un dubbio. Vorrei sapere se le disposizioni di cui mi ha parlato valgono anche nel caso di vendita di alimenti da effettuarsi esclusivamente tramite internet mediante un sito ecommerce.

L'idea era quella di creare una srl con socio amministratore, e nominare preposto un altro socio in possesso del requisito professionale (l'amministatore invece non è in possesso di tale requisito). Anche in questo caso il socio preposto è esente da responsabilità (interamente a carico dell'amministratore)?

Grazie ancora per il prezioso supporto

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #14 il: Aprile 19, 2013, 12:18:14 am »
Quanto scritto vale tanto per la somministrazione che per la vendita di alimenti , in qualsiasi forma.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline claudio

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +1/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN SOCIETA'
« Risposta #15 il: Giugno 08, 2013, 12:09:03 am »
Buongiorno, sono Angeli Claudio.
Sto per aprire un panificio ma non ho il rec e non ho nemmeno fatto il corso. Devo aprire una srl con mia moglie la quale è laureata in scienze biologiche e quindi in possesso di requisiti che le permettono la somministrazione. Lei è già titolare di una propria ditta individuale in una attività che tra le varie cose prevede la somministrazione di alimenti.
In questa nuova società srl io sarei l'amministratore e vorrei nominare lei come preposto alla somministrazione; il mio commercialista,come anche il comune dove dovrei aprire, ritiene che questo non sia possibile.
Aggiungo inoltre che le due attività, quella di mia moglie e la panetteria, distano tra loro 200 mt.
Ho mostrato al mio commercialista svariati argomenti da voi trattati riguardanti il preposto, ma lui sostiene che non ci siano riferimenti normativi validi a supportare il fatto che una persona già referente per la somministrazione in una attività possa rappresentare il preposto in un'altra società.
Vi chiedo quindi gentilmente di fornirmi le varie normative riguardanti l'argomento di modo che il mio commercialista possa ricredersi e aiutarmi così a chiudere il prima possibile le varie pratiche.
Grazie

PS: la regione di riferimento è il Veneto, provincia di Vicenza, paese in questione Schio. Ci sono per caso possibili impedimenti da parte di regioni o comuni?
Grazie e buon lavoro
« Ultima modifica: Giugno 08, 2013, 12:12:59 am da claudio »

Offline Simone Chiarelli

  • Dott. Simone Chiarelli
  • Administrator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 9181
  • Karma: +83/-9
  • Dott. Simone Chiarelli
    • Mostra profilo
    • Omniavis srl
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN SOCIETA'
« Risposta #16 il: Giugno 09, 2013, 09:47:15 am »
Buongiorno, sono Angeli Claudio.
Sto per aprire un panificio ma non ho il rec e non ho nemmeno fatto il corso. Devo aprire una srl con mia moglie la quale è laureata in scienze biologiche e quindi in possesso di requisiti che le permettono la somministrazione. Lei è già titolare di una propria ditta individuale in una attività che tra le varie cose prevede la somministrazione di alimenti.
In questa nuova società srl io sarei l'amministratore e vorrei nominare lei come preposto alla somministrazione; il mio commercialista,come anche il comune dove dovrei aprire, ritiene che questo non sia possibile.
Aggiungo inoltre che le due attività, quella di mia moglie e la panetteria, distano tra loro 200 mt.
Ho mostrato al mio commercialista svariati argomenti da voi trattati riguardanti il preposto, ma lui sostiene che non ci siano riferimenti normativi validi a supportare il fatto che una persona già referente per la somministrazione in una attività possa rappresentare il preposto in un'altra società.
Vi chiedo quindi gentilmente di fornirmi le varie normative riguardanti l'argomento di modo che il mio commercialista possa ricredersi e aiutarmi così a chiudere il prima possibile le varie pratiche.
Grazie

PS: la regione di riferimento è il Veneto, provincia di Vicenza, paese in questione Schio. Ci sono per caso possibili impedimenti da parte di regioni o comuni?
Grazie e buon lavoro

Ciao,
devi segnalare al commercialista che nel nostro ordinamento NON SI DEVONO ricercare le norme che consentono di fare determinate cose, ma le norme che VIETANO di farle.
Il nostro sistema si fonda sul PRINCIPIO DI LIBERTA' (art. 23 e art. 41 Cost.).
Ciò premesso NESSUNA DISPOSIZIONE prevede l'obbligo della presenza costante e continuativa del preposto nell'esercizio nè tantomeno il divieto di risultare preposto per più esercizi (o possessore del requisito in uno e preposto in altro).
NON SOLO.
Vi sono circolari e note di commento in senso opposto.
Fra l'altro anche la Regione Veneto si è pronunciata:
http://bur.regione.veneto.it/BurvServices/Pubblica/DettaglioCircolare.aspx?id=214661
Il passaggio non è facile da leggere ma è questo "Ne deriva che per gli esercizi di somministrazione non aperti al pubblico è il diritto alla salute l’interesse generale meritevole di tutela ai sensi della direttiva sopra citata, interesse che pare poter essere maggiormente garantito dalla previsione di un’attività direzionale con caratteristiche di decisorietà, piuttosto che dall’obbligo della presenza costante di un soggetto privo di responsabilità per l’attività di conduzione effettiva. In tal senso giova ricordare che, anche nel caso di nomina del preposto, ai sensi dell’articolo 4, comma 10 della legge regionale, la responsabilità in ordine all’effettiva conduzione dell’esercizio, come sopra evidenziato, rimane in capo al titolare dell’impresa individuale e al legale rappresentante ovvero al procuratore, se nominato, negli altri casi.

Da quanto sopra evidenziato consegue che per gli esercizi aperti al pubblico sarà richiesta, in virtù dell’articolo 86 del T.U.L.P.S., la conduzione personale con le modalità evidenziate dal Ministero dell’Interno nella circolare sopra citata, nonché la conduzione effettiva ai sensi della legge regionale n. 29/2007 con le modalità sopra descritte. Conduzione personale e conduzione effettiva potranno coincidere laddove il soggetto cui è affidata l’effettiva conduzione dell’esercizio ai sensi della legge regionale garantisca anche la presenza costante nelle modalità di cui alla citata circolare del Ministero dell’Interno.

Viceversa, nel caso di esercizi non aperti al pubblico sarà richiesta unicamente la conduzione effettiva prevista dalla legge regionale con le modalità sopra descritte.

È del tutto evidente che nel caso di esercizi non aperti al pubblico, il soggetto titolare in caso di impresa individuale o il legale rappresentante o il procuratore negli altri casi, ovvero infine il preposto che non assicurino la presenza costante presso l’esercizio, devono quanto meno essere in grado di dimostrare, vuoi in virtù della propria struttura organizzativa, vuoi in base alle caratteristiche degli esercizi di somministrazione, nonché in base agli aspetti logistici inerenti lo svolgimento dell’attività (es. orari, distanze, ecc), l’esercizio di funzioni direzionali, di supervisione e/o di coordinamento."


Ancor più recentemente il MINISTERO ha chiarito:
Risoluzione n. 50011 del 26 marzo 2013 – Quesito in merito alla figura del preposto negli esercizi di commercio al dettaglio e per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/impresa/consumatori/commerciosedefissa50011.pdf

Già prima:
Risoluzione n. 236057 del 15 novembre 2012 - Quesito in merito alla figura del preposto negli esercizi di commercio al dettaglio e per la somministrazione al pubblico di alimenti e bevande
http://www.sviluppoeconomico.gov.it/index.php?option=com_content&view=article&viewType=1&idarea1=593&idarea2=0&idarea3=0&idarea4=0&andor=AND&sectionid=0&andorcat=AND&partebassaType=0&idareaCalendario1=0&MvediT=1&showMenu=1&showCat=1&showArchiveNewsBotton=0&idmenu=2263&id=2026247

IN DEFINITIVA:
1) tua moglie possiede il requisito
2) tua moglie può essere nominata preposto della srl
Dott. Simone Chiarelli
Per quesiti e approfondimenti utilizzare il FORUM

Sito: www.omniavis.it
Facebook: https://www.facebook.com/OmniavisUnipersonale
Twitter: https://twitter.com/omniavis
Youtube: http://www.youtube.com/user/omniavis
LinkedIn: http://www.linkedin.com/groups/Diritto-Amministrativo-Enti-Locali-SUAP-3899521?trk=myg_ugrp_ovr
Blog: http://www.omniavis.it/blog/

Per contatti diretti: staff@omniavis.it
Cell. 338 22 77777

----------------------
Segreteria della Omniavis srl
staff@omniavis.it
Tel. 055 6236286
Cell. 3409671716
Fax 05593931177
----------------------
www.omniavis.it

Offline claudio

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +1/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #17 il: Giugno 12, 2013, 03:27:30 pm »
Vi ringrazio per il cortese aiuto, è servito per far aggiornare il mio commercialista in questo ambito. Il problema è che il comune di Schio non vuole attuare la nuova normativa. Come si può fare per far sì che il comune sia obbligato a rispettarla?
Grazie anticipatamente

Claudio

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #18 il: Giugno 12, 2013, 03:49:25 pm »
Tu presenta la SCIA, forte di quanto prevede la norma.
Poi attendi la risposta del Comune.
Dubito che possano rigettare la stessa, nel caso provvederai a fare scritti e memorie difensivi e, se non bastasse, c'è sempre il ricorso al TAR.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline claudio

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +1/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #19 il: Giugno 12, 2013, 03:55:48 pm »
Grazie del vostro prezioso aiuto.
Vi farò sapere.

Claudio

Offline claudio

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +1/-0
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #20 il: Luglio 06, 2013, 12:30:38 am »
grazie al vostro prezioso aiuto finalmente il comune   di schio si è aggiornato       grazie mille

Offline ariannad

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #21 il: Marzo 07, 2014, 02:20:55 pm »
Salve,
ho una domanda: dovrei aprire un laboratorio per la produzione di alimenti nel mio domicilio, ex regolamento comunitario 852/04. Non somministrerei a casa mia, ma il cliente verrebbe solo a ritirare la consegna. 1 domanda: anche se non c'è somministrazione ma solo produzione ho bisogno del requisito del titolo per la somministrazione? 2 domanda: se fosse necessario tale titolo, non possedendolo posso chiedere ad esempio a mia sorella di fungere da preposto senza dover instaurare con la stessa alcun rapporto di lavoro, alcuna iscrizione all'inps (tra l'altro lei fa l'insegnante e quindi dovrebbe essere già iscritta all'inps) ecc? Grazie infinite. Cordiali saluti

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #22 il: Marzo 07, 2014, 03:35:42 pm »
Per l'attività di laboratorio artigianale non sono previsti requisiti professionali, anche se lei facesse la somministrazione non assistita o consumo immediato.
Verifichi invece l'idoneità sotto il profilo urbanistico e igienico sanitario del suo domicilio. Normalmente è una destinazione non ammissibile. Chieda al Suap di competenza
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline ariannad

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #23 il: Marzo 07, 2014, 07:54:45 pm »
Fare un laboratorio alimentare a domicilio è consentito dal reg. comunitario 852/2004. Oggi alla ASL me l'hanno confermato e non si richiedono particolari caratteristiche delle cucine domestiche. Bisogna dotarsi del protocollo HACCP. Quindi se io produco dolci e alimenti in detto laboratorio e poi li vendo via internet o per passaparola non devo avere alcun requisito professionale? perchè al suap mi hanno detto di si

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #24 il: Marzo 08, 2014, 10:40:38 am »
La vendita è ammessa presso il punto di produzione senza requisiti.
Via internet o altra forma fa rientrare l'attività tra quelle commerciali soggette al d.lgs 114/98 e quindi servono i requisiti.
Se non li ha può nominare un preposto.

Ok per requisiti igienico sanitari.
Verifichi i requisiti urbanistici con l'ufficio tecnico del comune.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline ariannad

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #25 il: Marzo 08, 2014, 01:48:44 pm »
ok, grazie mille per la risposta. Ma il preposto deve essere legato a me da qualche rapporto di lavoro o può anche essere un esterno in tutto e per tutto (senza bisogno di iscriverlo all'inps ad esempio. Mia sorella facendo l'insegnante è anche già iscritta all'inps)? ed inoltre, l'ufficio tecnico del comune a cui si riferisce sarebbe l'ufficio Edilizia Privata o la Asl SETTORE AMBIENTE, IGIENE EDILIZIA URBANISTICA ISPETTORI DI IGIENE?
« Ultima modifica: Marzo 08, 2014, 01:51:22 pm da ariannad »

Online Alberto Valenti

  • Dott. Alberto Valenti
  • Moderator
  • Membro Super
  • *****
  • Post: 1180
  • Karma: +28/-4
    • Mostra profilo
    • Omniavis
    • E-mail
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #26 il: Marzo 08, 2014, 03:06:45 pm »
Seppur Regione auspichi in più' di una circolare di individuare il preposto nella persona che e' presente, la leggeallo stato attuale non lo prevede espressamente, per cui benn puo' nominare sua sorella senza che lei operi direttamente alle sue dipendenze, purche' abbia il requisito professionale.

Ufficio tecnico edilizia privata e urbanistica del comune.
****************
Ing. Alberto Valenti
alberto.valenti@omniavis.it
Collaboratore Omniavis per la Lombardia
*****************************
Omniavis srl
www.omniavis.it
info@omniavis.it
Tel. +39 055 6236286
Fax +39 055 93931177

Offline ariannad

  • Nuovi iscritti
  • *
  • Post: 4
  • Karma: +0/-0
  • Nuovo iscritto
    • Mostra profilo
Re:PREPOSTO SOMMINISTRAZIONE IN DITTA INDIVIDUALE
« Risposta #27 il: Marzo 08, 2014, 03:25:32 pm »
Grazie mille, è stato gentilissimo! Saluti :)